Immigrazione

 



La Regione del Veneto promuove e attua iniziative volte a favorire il processo di integrazione delle persone immigrate. La legge regionale n.9/90  prevede attività di orientamento professionale, di prima formazione e riqualificazione a favore degli immigrati al fine di consentire un graduale inserimento nel contesto socio-lavorativo del territorio veneto.
 

Piani triennali immigrazione

I Piani triennali hanno l’obiettivo di favorire e sostenere l’integrazione degli immigrati, devono quindi essere concertati con gli enti locali: Comuni, Aziende ULSS, istituzioni scolastiche, mondo associativo, altri enti e organismi pubblici e privati. Il ruolo di coordinamento è affidato alle Conferenze dei Sindaci.
La programmazione 2023-2024, prevede iniziative di formazione linguistico-civica per gli adulti, percorsi formativi e di orientamento in ambito lavorativo, interventi di prevenzione contro le discriminazioni etniche o razziali, percorsi di supporto per l'inserimento scolastico dei minori, finanziamento delle attività di studio e monitoraggio dell’Osservatorio regionale per l’immigrazione e della Rete informativa sull’immigrazione.

I finanziamenti vengono assegnati alle AULSS o ai Comuni delegati, individuati dalle Conferenze in qualità di enti tesorieri dei finanziamenti, i quali a loro volta, li assegneranno ai soggetti che realizzeranno le azioni progettuali previste dai Piani triennali.

Per informazioni : Direzione Relazioni Internazionali - Tel. 041 2794329 -                                                                              e-mail relazioninternazionali@regione.veneto.it  - sito web 

(torna ad inizio pagina)

Progetto CIVIS: formazione linguistica ed educazione civica

Nell'ambito del Fondo Europeo per l'Asilo, la Migrazione e l'Integrazione (FAMI),  la Regione del Veneto ha  promosso nel corso degli anni diverse edizioni del progetto CIVIS  "Cittadinanza e Integrazione in Veneto degli Immigrati Stranieri", tramite  un'attività di alfabetizzazione e conoscenza della lingua italiana nonché di educazione civica rivolte a cittadini immigrati extracomunitari regolarmente residenti sul territorio regionale.

I cittadini immigrati regolarmente residenti in Italia da almeno cinque anni, per ottenere il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno), devono sostenere e superare il test di lingua italiana utilizzando l’applicativo online del Ministero dell'Interno . Poiché viene richiesto un livello di conoscenza della lingua italiana A2 (Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue), tutti coloro che non posseggono tale requisito, possono frequentare un corso di italiano presso i centri riconosciuti, qui di seguito indicati:

-Centri Provinciali per l'Istruzione degli Adulti  (CPIA)  ex CTP(Centri territoriali permanenti)

oppure presso gli Enti certificatori:
- UC dell'Università degli Studi Roma Tre,
- CVCL dell'Università per Stranieri Perugia,
- CILS dell'Università per Stranieri di Siena,
- PLIDA della Società Dante Alighieri),

I percorsi di educazione civica organizzati dai CPIA, trattano tematiche relative a:  Costituzione Italiana, organizzazione dello Stato, Uffici della Pubblica Amministrazione dove rivolgersi per ottenere documenti, mondo del lavoro, Sistema Sanitario Nazionale, scuola, vita quotidiana.
Per informazioni rivolgersi ai CPIA (Centri Provinciali per l'Istruzione degli adulti) oppure consultare il portale di Veneto Immigrazione 

Normativa

Fondo Asilo, migrazione e integrazione (2021-2027)

(torna ad inizio pagina)

Registro Regionale delle Associazioni, Enti e Organismi

Bando per il sostegno di progetti per la promozione della partecipazione attiva dei migranti alla vita economica, sociale e culturale (decreto n. 86 del 04 agosto 2021dell' Unità Organizzativa Cooperazione internazionale) ( il bando è scaduto il  27 settembre 2021).

Il Registro Regionale è stato istituito con legge regionale n. 9 del 30 gennaio 1990 (Art. 7) . Possono chiedere l’iscrizione al registro le associazioni, gli enti e gli organismi che svolgono attività a favore degli immigrati da almeno due anni.
Per l’iscrizione occorre presentare domanda al Presidente della Giunta regionale allegando :
a) copia autentica dell’atto costitutivo e dello Statuto;
b) documentazione attestante lo svolgimento delle attività nell'ultimo biennio, indicazione delle strutture operative e delle sedi regionali.
Solo una volta iscritti al registro è possibile partecipare a bandi regionali per l’ottenimento di contributi che consentano lo svolgimento delle attività suindicate.
Per consultare il Registro regionale clicca qui
Per informazioni : Direzione Relazioni Internazionali - Tel. 041 2794329 -                                                                          e-mail  relazioninternazionali@regione.veneto.it- sito web 
(torna ad inizio pagina)

 Percorsi scolastici

I cittadini stranieri adulti o giovani che abbiano compiuto sedici anni e che intendano conseguire il titolo di studio conclusivo del primo ciclo di istruzione (scuola elementare o media) oppure un titolo che attesti la conoscenza della lingua italiana, possono iscriversi e frequentare percorsi d’istruzione per adulti presso i CPIA (Centri provinciali per l'istruzione degli adulti).
I percorsi di 2° livello consentono di ottenere il diploma di istruzione tecnica, professionale e artistica; possono partecipare i cittadini stranieri che possiedono il diploma di scuola media. Tali percorsi, sono realizzati dalle scuole superiori.
(torna ad inizio pagina)

Osservatorio regionale sull’Immigrazione

L'Osservatorio Immigrazione garantisce un costante monitoraggio, un’analisi e diffusione di dati, di informazioni in materia di flussi migratori e di integrazione,  assicurando il raccordo con l'Osservatorio regionale sul mercato del lavoro e con gli altri Osservatori regionali interessati sotto diversi profili al fenomeno immigratorio.
Per informazioni: telefono 041 2919346  e-mail immigrazione@venetolavoro.it   sito web 
(torna ad inizio pagina)

Osservatorio regionale Antidiscriminazione Razziale

L’Osservatorio, affidato a Veneto Lavoro, promuove azioni finalizzate alla prevenzione e al contrasto delle discriminazioni fondate sulla razza e l'origine etnica avvalendosi di una Rete regionale formata da Antenne Territoriali, Punti Informativi e Radar, distribuiti su tutto il territorio regionale.
Per informazioni telefono 041 2919380 e-mail antidiscriminazione@venetolavoro.it  sito web 

(torna ad inizio pagina)

 


 



Data ultimo aggiornamento: 30 agosto 2022