Work Experience 2020

Con deliberazione n. 256 del 2/03/2020 è stato approvato il bando per la presentazione di progetti di work experience destinati a disoccupati over 30 beneficiari e non di strumenti a sostegno al reddito.
L’iniziativa intende favorire l’inserimento lavorativo attraverso il potenziamento delle competenze professionali e la valorizzazione dei mestieri tradizionali sulla scia dei risultati positivi ottenuti in analoghi progetti di inserimento lavorativo.
Gli enti accreditati possono presentare le loro proposte che dovranno essere articolate in tre fasi: orientamento, formazione e tirocinio in azienda (da 2 a 6 mesi) e dovranno coinvolgere almeno un datore di lavoro privato (impresa o studio professionale). Potranno essere inoltre presenti associazioni di categoria, agenzie per il lavoro, Camera di commercio o Università.

Documenti utili

DGR n. 256 del 2 marzo 2020

DDR n. 221 del 26 marzo 2020 - Approvazione Guida alla progettazione e modulistica
Allegati (Guida alla progettazione e modulistica)

DDR n. 256 del 16 aprile 2020 di proroga  al 31 maggio 2020 del termine di presentazione delle proposte progettuali del 1° sportello .  
DDR n. 404 del 26 maggio 2020 di nomina del nucleo di valutazione dei progetti di cui alla DGR n. 256 del 02/03/2020

DDR n. 536 del 02 luglio 2020 di approvazione delle risultanze dell'istruttoria del 1° sportello

 DDR n. 614 del 07 agosto 2020 di approvazione delle risultanze dell'istruttoria del 2° sportello con allegati A, B, C, D

DDR n. 630 del 20 agosto 2020 di rettifica dei termini di avvio e conclusione dei progetti del 2° sportello (DDR n. 614/2020)

DDR 813 del 5 novembre 2020 di approvazione delle risultanze dell'istruttoria del 3° sportello

DDR n. 837 del 12 novembre 2020 di revisione risultanze istruttoria del 2° sportello (DDR n.614/2020)

DGR n. 15 del 12 gennaio 2021 - Ricognizione risorse disponibili per il 4° sportello.

DDR n. 31 del 14 gennaio 2021 di approvazione delle risultanze dell'istruttoria del 4° sportello 

DDR n. 44 del 20 gennaio 2021 di rettifica dei termini di avvio e conclusione dei progetti del 4° sportello 

 DDR n. 882 del 13 ottobre 2021 di proroga dei termini di presentazione del rendiconto

Domande frequenti

Domanda 1: Il titolo progetto deve riportare la denominazione del profilo professionale esattamente come indicato nel RRSP?

I percorsi di Work Experience devono essere progettati con riferimento al RRSP ed essere inquadrati nell'ambito di circoscritti e definiti contesti territoriali.

Ogni profilo presente nel RRSP è identificato attraverso una denominazione che ne garantisce la corrispondenza ai contenuti individuati (processi, attività, competenze) e agli standard nazionali. Talvolta, data la necessità di rispondere a questi criteri, la denominazione di un profilo nel RRSP può presentarsi poco "accattivante" o poco riconoscibile da parte dei potenziali destinatari degli interventi e delle imprese.

Per questa ragione, all’intervento può essere attribuito un titolo in cui compaiono, oltre alla denominazione del profilo professionale, le ulteriori informazioni che servono per indicare quegli elementi di contestualizzazione utili a rappresentare compiutamente l’intervento che si intende realizzare (es.: “Operatore di xxx con competenze in xxx”; “Tecnico di xxx che opera nei processi di xxx”; “Operatore di xxx per le imprese del settore xxx”).

L’inserimento di queste informazioni deve essere motivato, con particolare riferimento al contesto territoriale in cui si inserisce la proposta progettuale e/o ad esigenze connesse alla riconoscibilità da parte del target.

Si ricorda, altresì, di indicare nel titolo a quale tipo di WE si fa riferimento: WE Professione, WE Approfondimento, WE Specializzazione

Domanda 2: Le prove di valutazione devono essere previste sia alla fine di ciascun modulo formativo che al termine dell'intero percorso?

La Work Experience si articola in due principali situazioni di apprendimento (formazione in aula e tirocinio). Pertanto, al termine dell’intero percorso deve essere realizzata una prova di valutazione finale che valuta l’insieme delle competenze apprese durante la Work Experience. Alla fine di ciascun modulo formativo e al termine del tirocinio, si ritiene opportuno realizzare delle prove di valutazione dell’apprendimento. Queste prove di valutazione "intermedie" non sono obbligatorie, mentre la prova finale lo è.

Domanda 3: Dal momento che la valutazione degli apprendimenti si svolge al termine del percorso di Work Experience, deve essere previsto un rientro finale in aula?

Al termine dell’intero percorso deve essere realizzata una prova di valutazione finale che valuta l’insieme delle competenze apprese durante la Work Experience. La Direttiva specifica che questa attività è da realizzarsi nel monte ore previsto per la realizzazione dell’attività formativa. Ne consegue che si prefigura un rientro in aula al fine di svolgere la prova finale di valutazione degli apprendimenti.

 

Recapiti

Ufficio Programmazione e politiche attive per il lavoro
Direzione Lavoro
E-mail: programmazione.lavoro@regione.veneto.it
Tel. 041 279 5305 - 5731



Data ultimo aggiornamento: 09 novembre 2021