Azioni Integrate di Coesione Territoriale (AICT) per l'inserimento e il reinserimento di soggetti svantaggiati

Il 15 marzo 2016, nell'ambito del POR FSE 2014-2020, è stata approvata dalla Giunta Regionale la Deliberazione n. 316 che apre il bando per la presentazione di "interventi di Azioni Integrate di coesione territoriale (Aict) per l’inserimento e il reinserimento di soggetti svantaggiati - Anno 2016".
La Direttiva si pone la finalità di promuovere percorsi di inclusione sociale attiva volti alla occupabilità e alla ricollocazione di lavoratori molto svantaggiati. In particolare, l'iniziativa vuole offrire a coloro che intendono reinserirsi nel mercato del lavoro, interventi di accompagnamento al lavoro, formazione e tirocini e percorsi di autoimprenditorialità.
Possono presentare progetti gli enti accreditati alla Formazione Superiore o per i Servizi al lavoro. La scadenza per la presentazine dei progetti è il 30 maggio 2016 alle h 13.00.


Documenti


DGR 316 del 15 marzo 2016
DGR 316 del 15 marzo 2016 - Allegato A - Avviso 
DGR 316 del 15 marzo 2016 - Allegato B - Direttiva


Decreto n. 146 del 6 aprile 2016 di approvazione della modulistica e delle istruzioni
Decreto n. 146 del 6 aprile - Allegati


A seguito del blocco tecnico del portale regionale di acquisizione dei progetti Approvo, è stata disposta la riapertura dei termini di presentazione dei progetti di cui alla DGR n. 316/2016 dalle dalle ore 16.30 alle ore 24.00 del 30/05/2016.

Decreto n. 197 del 30 maggio 2016.

Decreto n. 218 del 13 giugno 2016 - Nomina del nucleo di valutazione

Decreto n. 261 del 30 giugno 2016 di approvazione delle risultanze dell'istruttoria di valutazione
Decreto n. 261 del 30 giugno 2016 - Allegato A - Progetti ammissibili
Decreto n. 261 del 30 giugno 2016 - Allegato B - Progetti finanziati

Decreto del Direttore della Direzione Lavoro n. 2 del 7 luglio 2016 di sostituzione del modello di atto di adesione
Decreto del Direttore della Direzione Lavoro n. 2 del 7 luglio 2016 - Allegato A - mdello di atto di adesione

Decreto del Direttore della Direzione Lavoro n. 23 del 25 luglio 2016 di approvazione delle integrazioni presentate in ordine ai progetti di cui al DDR 261 del 30 giugno 2016.



Domande frequenti

1) Domanda

Per l’accesso al progetto e per l’erogazione dell’indennità di frequenza, a pagina 26 dell’allegato B nella nota 25 è indicato che l’attestazione ISEE deve riferirsi all’annualità precedente all’inizio dell’attività finanziata. Come va interpretata tale indicazione anche ai fini della rendicontazione?

Risposta

L’attestazione ISEE, utile alla partecipazione ai progetti AICT e all’erogazione dell’indennità di frequenza, che i destinatari devono presentare al momento della sottoscrizione del PAI/PDS, è quella in corso di validità, sapendo che riporta i dati relativi ai redditi 2014 e al patrimonio immobiliare al 31/12/2015. In caso di diminuzione del reddito 2015 di almeno il 25%  rispetto al 2014 può essere presentata dagli utenti, in aggiunta all’attestazione ISEE,  una DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) rilasciata da un CAF oppure una specifica autodichiarazione in base al DPR 445/2000. Tutta la documentazione sarà conservata con scrupolo dall’Ente per la rendicontazione del progetto.

 

 

Recapiti

Ufficio Programmazione, valutazione ed europrogettazione
Sezione Lavoro
E-mail: lavoro@regione.veneto.it
Tel. 041 279 5002/5305



Data ultimo aggiornamento: 20/09/2016

siti tematici

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Italia Lavoro
Veneto Lavoro

Consigliera di parità



Data ultimo aggiornamento: 08/02/2016