Tipologie di procedimento


La Giunta regionale, con Deliberazione n. 600 del 8 maggio 2017, ha aggiornato la ricognizione dei procedimenti amministrativi di competenza regionale. Si fa presente che, relativamente ai procedimenti per i quali non risulti espressamente stabilito da legge statale, da legge regionale o dalla citata deliberazione, un termine diverso, il termine di conclusione è fissato in 90 giorni.
Si rammenta, inoltre che, ai sensi dell’articolo 2, comma 9-bis, della legge n. 241/1990 e s.m.i. e dell’art. 23 bis della legge regionale n. 54/2012 e s.m.i., i Direttori di Area sono le figure apicali a cui è attribuito il potere sostitutivo, da esercitarsi, in caso di inerzia rispetto all’adozione di atti o provvedimenti ovvero di mancato compimento di atti vincolati o indifferibili o per il caso di necessità, nei confronti dei direttori delle strutture afferenti alle rispettive aree di coordinamento. In caso di impedimento di un Direttore di Area ed altresì con riguardo ai procedimenti di diretta competenza di quest’ultimo, il potere sostitutivo è attribuito al Segretario Generale della Programmazione che lo può esercitare anche tramite la nomina di un commissario ad acta.












 

Data ultimo aggiornamento: 16/05/2017