Imprenditoria femminile

In questa pagina puoi trovare le seguenti voci:
 

 

 

Ristori a favore della filiera matrimoni ed eventi privati;  parchi tematici, acquari, parchi geologici e giardini zoologici;  trasporto turistico con autobus (SCADUTO)

In esecuzione della DGR n. 1423 del 19 ottobre 2021, la Regione del Veneto aveva approvato tre bandi per il la concessione di un contributo a fondo perduto una tantum  delle imprese venete colpite dalle restrizioni imposte per il contenimento del contagio dovuto all’emergenza epidemiologica da Covid-19. 
 
I bandi, gestiti da Unioncamere Veneto, erano rivolti alle imprese operanti nei seguenti settori economici: 
- filiera matrimoni/eventi privati;
- imprese esercenti trasporto turistico di persone mediante autobus coperti ai sensi della legge 11 agosto 2003, n. 218;
- parchi tematici, acquari, parchi geologici e giardini zoologici ambulanti con posteggi in aree di eventi, stadi (cosiddetti fieristi). 
 
Le domande potevano essere presentate tramite la piattaforma Restart a partire dalle ore 10.00 del 24 novembre fino alle ore 16.00 del 15 dicembre p.v
 L’ammontare del contributo è determinato in base al numero di domande ammissibili ricevute, non dell’ordine cronologico di presentazione delle richieste. 
Con avviso del 3 dicembre pubblicato sul sito di Unioncamere Venetoera era stata comunicata la proroga del termine di presentazione delle domande al 23 dicembre 2021, ore 16.00.

Per ogni altra informazione e chiarimento clicca qui

 

 

Contributi alle PMI a prevalente partecipazione femminile. Anno 2021 (SCADUTO).

Con la Deliberazione di Giunta Regionale n. 60 del 26 gennaio 2021 la Regione del Veneto ha approvato un bando per l’erogazione di contributi a fondo perduto alle donne imprenditrici e alle imprese a prevalente partecipazione femminile nei settori dell’artigianato, dell’industria, del commercio e dei servizi.
Il contributo poteva essere richiesto per l’acquisto di macchinari,  impianti produttivi, hardware e programmi informatici, attrezzature, arredi, negozi mobili, mezzi di trasporto, opere edili/murarie e di impiantistica, software, brevetti, licenze ecc. (cfr. DGR 60/2021 all. A, art 6 “Spese ammissibili”). 
L’importo erogato è pari al 40% della spesa sostenuta per la realizzazione degli interventi,  compresa tra un minimo di 20.000,00 euro ed un massimo di 130.000,00 euro.

Le domande dovevano essere compilate esclusivamente on-line tramite il Sistema Informativo Unificati (SIU) della Regione. e presentate entro le ore  17.00 del 4 marzo 2021. 
 
Per ulteriori informazioni clicca qui


ContattiDirezione Industria artigianato commercio e servizi e internazionalizzazione delle imprese
Tel : 041/279.5817/4265/5857/5893/4231
E-mail : industriartigianatocommercioservizi@regione.veneto.it

(torna ad inizio pagina)

 

Contributi regionali: fondo di rotazione per l’imprenditoria femminile

Possono beneficiare delle agevolazioni le PMI a prevalente partecipazione femminile che sono impegnate in iniziative finalizzate alla realizzazione di investimenti. Le operazioni finanziarie sono così composte:

- una quota di contributo in conto capitale per un importo non superiore al 15% del costo dell’iniziativa ammesso e realizzato (“Quota Contributo”);
- una quota di provvista pubblica a tasso zero per un importo non superiore al 42,5% del costo dell’iniziativa ammesso e realizzato (“Quota Fondo”);
- una quota di provvista privata, messa a disposizione dalla Banca finanziatrice ad un tasso (“Tasso Banca”) non superiore al “Tasso Convenzionato”, per il rimanente importo.

Sono ammissibili le spese per un ammontare che va da un minimo di € 20.000,00 ad un massimo di € 100.000,00 IVA esclusa.
Il Regolamento regionale è consultabile sul sito internet di Veneto Sviluppo.
La domanda va presentata a Veneto Sviluppo S.p.A. per il tramite della Banca/Società di leasing finanziatrice, ovvero per il tramite di un Organismo consortile, utilizzando l'apposita modulistica reperibile sul sito dell’Ente.
(ACCESSO AI CONTRIBUTI MOMENTANEAMENTE SOSPESO)

Contatti presso Veneto Sviluppo S.p.A.
Via delle Industrie, n.19/D - 30175 Marghera (VE)
Tel. 041/3967251 - Fax 041/5383605 - e-mail
(torna ad inizio pagina
 

 

Microcredito Donna

Il progetto Microcredito Donna è uno strumento di aiuto per tutte le donne che vogliono "ripartire da sé" ovvero avere la possibilità di creare una propria impresa, senza dover fornire garanzie reali alla banca o chiedere aiuto alla famiglia.
Il microcredito d'impresa o di lavoro autonomo prevede finanziamenti fino a 25.000 euro, per favorire l'avvio o l'esercizio di attività di lavoro autonomo o di microimpresa a persone fisiche, società di persone, s.r.l. semplificate, associazioni o società cooperative.
Maggiori informazioni possono essere richieste all'Ente Nazionale per il Microcredito attraverso l'apposito formulario presente nel sito 
(torna ad inizio pagina)

 

 

MISE - Fondo impresa femminile 

La Legge di bilancio 2021 ha istituito un fondo che si propone di sostenere imprese femminili (intese come imprese a prevalente partecipazione femminile e lavoratrici autonome) di qualsiasi dimensione, con sede legale e/o operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, già costituite o di nuova costituzione, attraverso:-  
1. incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili;
2. incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili.
nei seguenti settori: 
- produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli;
 -fornitura di servizi, in qualsiasi settore;
- commercio e turismo.
Le agevolazioni possono essere concesse come contributo a fondo perduto e di finanziamento agevolato, anche in combinazione tra loro.
Il finanziamento, della durata massima di 8 anni, è a tasso zero e non è assistito da forme di garanzia.
La forma e la misura delle agevolazioni sono articolate in funzione delle linee di azione e dell’ammontare delle spese ammissibili previste nei programmi di investimento. 
Inoltre, per le imprese beneficiarie sono previsti servizi di assistenza tecnico-gestionale, fino all’importo massimo di 5.000,00 euro per impresa fruibile in parte attraverso servizi erogati dal Soggetto gestore, in parte in forma di voucher per l’acquisto di servizi specialistici presso terzi.
Le agevolazioni sono concesse con una procedura valutativa a sportello.
Le domande dovranno essere compilate esclusivamente per via elettronica, utilizzando la procedura informatica che sarà messa a disposizione da Invitalia.  
Con decreto direttoriale 30 marzo 2022 del MISE sono stati stabiliti termini, modalità e ulteriori specificazioni circa la presentazione delle domande e fornite tutte le necessarie indicazioni circa l'attuazione dgli interventi, la valutazione delle domande, punteggi attribuibili, tempi e condizioni per l'erogazione dei contributi
Il provvedimento  ha individuato date distinte per la compilazione e la presentazione delle domande di contributo ad Invitalia, ovvero: 
-  per l' avvio di nuove imprese femminili: la compilazione della domanda è possibile dalle ore 10:00 del 5 maggio 2022 e la presentazione a partire dalle ore 10:00 del 19 maggio 2022;
- per lo sviluppo di imprese femminili già costituite: la compilazione della domanda è possibile dalle ore 10:00 del 24 maggio 2022 e la presentazione a partire dalle ore 10:00 del 7 giugno 2022.
 
 Per ulteriori informazioni, clicca qui

(torna ad inizio pagina)


 

Contributi per Start-up innovative

Dal 20 gennaio 2020 sarà possibile presentare domanda di contributo per il sostegno alle start-up innovative, con nuovi criteri, attraverso il programma Smart&Start gestito da Invitalia, con un Fondo complessivo di 250 milioni di euro da parte del Ministero dello Sviluppo economico. Sono previste la semplificazione dei criteri di valutazione e di rendicontazione; l’introduzione di nuove premialità, l’incremento del finanziamento agevolato fino al 90% e un periodo di ammortamento più lungo.
La richiesta dei finanziamenti deve essere presentata via web, attraverso il portale di Invitalia , e prevede tempi rapidissimi per la valutazione.

Per saperne di più consulta il sito smart & start Italia 
(torna ad inizio pagina)
 

 

Contributi statali per nuove imprese a tasso zero 

Oltre Nuove imprese a tasso zero” è l’incentivo promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico tramite Invitalia a sostegno di nuove imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni o donne che vogliono avviare una micro o piccola impresa o l’hanno costituita da non più di 5 anni.

L’incentivo riguarda progetti di investimento nei settori mnufatturiero, commercio, servizi e turismo.
L'agevolazione, valida in tutta Italia, consisite in una combinazione di finanziamento a tasso zero e  un contributo a fondo perduto per progetti d'impresa con spese fino a 3 milioni di euro. e può coprire fino al 90% delle spese totali ammissibili. 
Le domande devono essere inviate a Invitalia tramite procedura online disponibile sul sito www.invitalia.it, dove è possibile conoscere tutti i dettagli sugli incentivi, riassunti nella scheda di sintesi dell’iniziativa.

Per saperne di più consulta la pagina dedicata del sito dell’Ente Gestore Invitalia.
(torna ad inizio pagina)
 

 

PIU’ IMPRESA: Finanziamenti ISMEA a sostegno dell’imprenditoria femminile e giovanile in agricoltura 

Per favorire il ricambio generazionale in agricoltura e ampliare aziende agricole condotte da giovani e donne, ISMEA sostiene progetti di sviluppo e consolidamento nei settori della produzione agricola, della trasformazione e commercializzazione ei prodotti agricoli e della diversificazione del reddito agricolo attraverso: 
- mutui agevolati a tasso zero per un importo non superiore al 60% delle spese ammissibili; 
- contributi a fondo perduto per un importo non superiore al 35% delle spese ammissibili 
La misura si rivolge a micro, piccole e medie imprese agricole organizzate sotto forma di ditta individuale o di società, composte da giovani di età compresa tra i 18 e i 41 anni non compiuti oppure donne. 
Per informazioni più dettagliate clicca qui
 
ContattiISMEA – Ufficio Relazioni con il Pubblico
Tel.: 06 85568 -319,  -260 (lunedì e mercoledì: 9:30-13:30 e 14:30-17:00; martedì, giovedì e venerdì: 9:30-13:30)
E-mail: urp@ismea.it
 
 
DONNE IN CAMPO - ISMEA
Per favorire lo sviluppo e il consolidamento di aziende agricole condotte e amministrate da donne, ISMEA sostiene progetti che perseguano obiettivi di miglioramento del rendimento e della sostenibilità dell'azienda, delle condizioni agronomiche e ambientali, di igiene e benessere degli animali e/o la realizzazione e il miglioramento di infrastrutture connesse allo sviluppo e alla modernizzazione dell'agricoltura tramite mutui agevolati a tasso zero, della durata variabile da 5 a 15 anni, per un importo non superiore al 95% delle spese ammissibili. La misura è rivolta a micro, piccole e medie imprese condotte e amministrate da donne, in forma singola o associata. L’importo erogato non può superare  300.000 euro.
Per informazioni più dettagliate clicca qui
 
ContattiISMEA – Ufficio Relazioni con il Pubblico
Tel.: 06 85568 -319,  -260 (lunedì e mercoledì: 9:30-13:30 e 14:30-17:00; martedì, giovedì e venerdì: 9:30-13:30)
E-mail: urp@ismea.it

(torna a inizo pagina)


Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato sul proprio sito istituzionale un vademecum dove si possono trovare tutte le agevolazioni attualmente previste dal Governo per incentivare l’avvio di nuove imprese, come autoimprenditorialità da parte di categorie svantaggiate (titolari di reddito di cittadinanza, giovani, neet e donne), creazione di nuove startup innovative e rafforzamento patrimoniale per agevolare l’accesso al credito.

 

 

Sportelli Servizio Nuova Impresa

Presso tutte le Camere di Commercio del Veneto sono presenti gli sportelli del Servizio Nuova Impresa che offrono gratuitamente alle aspiranti imprenditrici orientamento e assistenza nella delicata fase di avvio di una nuova impresa. 
Il Servizio Nuova Impresa rappresenta un punto di riferimento per chi intende pianificare il proprio futuro imprenditoriale in maniera informata e consapevole, per maggiori informazioni visita la pagina dedicata: 

 

 

 

 

 

(torna a inizio pagina)

 

 

NORMATIVA 


Normativa Statale
Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico dell’8/07/2015 n. 140

Normativa Regionale
Legge Regionale 20 gennaio 2000 n. 1 "Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell'imprenditoria femminile"

Deliberazione della Giunta Regionale n. 2216 del 3 dicembre 2013 "Approvazione disposizioni operative uniche per lo sviluppo del sistema produttivo veneto. Delega alla Giunta Regionale ai sensi della Legge Regionale 5 aprile 2013, n. 3, articolo 22. Deliberazione della Giunta regionale n. 120/CR del 3 settembre 2013".

(torna ad inizio pagina)



Data ultimo aggiornamento: 26 maggio 2022