Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Croazia 2014-2020


Una delle principali novità del periodo di programmazione 2014-2020 è l’istituzione del Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Croazia. Tale programma, a seguito dell’entrata della Repubblica di Croazia nell’Unione Europea (1 luglio 2013), si configura quindi come programma di cooperazione territoriale tra Stati Membri confinanti (confine marittimo).

AREA DI COOPERAZIONE

Ai sensi della Decisione di esecuzione della Commissione Europea C (2014) 3898 del 16 giugno 2014, i territori ricompresi nell’area di Programma sono:
• CROAZIA: le contee (županija) Istarska, Primorsko-goranska, Karlovačka, Ličko-senjska, Zadarska, Šibensko-kninska, Splitsko-dalmatinska e Dubrovačko-neretvanska
• ITALIA: le province di Trieste, Gorizia, Udine, Pordenone, Venezia, Padova, Rovigo, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini, Pesaro e Urbino, Ancona, Macerata, Fermo, Ascoli Piceno, Teramo, Pescara, Chieti, Campobasso, Foggia, Barletta-Andria-Trani, Bari, Brindisi e Lecce.

RISORSE FINANZIARIE
Ai sensi della Decisione di esecuzione della Commissione Europea C (2014) 3776 del 16 giugno 2014, l’ammontare del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) destinato al Programma è pari ad euro 201.357.220. Tale importo corrisponde all’85% delle risorse complessivamente disponibili; il rimanente 15% è coperto dal cofinanziamento a carico del territorio nazionale per ulteriori euro 35.533.629. Il budget totale del Programma ammonta dunque ad euro 236.890.849.

OBIETTIVO GENERALE
L’obiettivo generale del Programma è di accrescere lo sviluppo e il potenziale di “blue growth” dell’area, stimolando partenariati transfrontalieri capaci di portare a cambiamenti tangibili.
Il Programma, perseguendo tale obiettivo attraverso la realizzazione di azioni congiunte transfrontaliere, mira inoltre a:
• massimizzare l’incisività degli interventi e quindi a ottenere risultati concreti;
• mettere in risalto la complementarietà con altre linee di intervento finanziate dall’UE che si propongono di rinforzare la coesione economica, sociale e territoriale delle regioni appartenenti all’area di programma;
• indirizzare gli interventi verso le priorità indicate dalla strategia di Europa 2020 (crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva);
• contribuire alla realizzazione della Strategia dell’Unione Europea per la Regione Adriatico-Ionica (EUSAIR) e della Politica Marittima Integrata;
• proseguire e rafforzare le collaborazioni tra istituzioni, organizzazioni e reti sorte nell’ambito della programmazione 2007-2013 nei programmi SEE, MED ed IPA CBC.

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE (Cooperation Programme - CP)
Il documento fondamentale per il Programma è il Cooperation Programme (CP), che contiene l’analisi del contesto territoriale e descrive la strategia del Programma per contribuire ai comuni obiettivi europei di coesione. Nel documento è illustrata l’articolazione della strategia in Assi Prioritari e, più in dettaglio, in Obiettivi Specifici, e vengono proposti i tipi e gli esempi di azione tramite cui può essere raggiunto ciascun Obiettivo Specifico. Il documento contiene inoltre informazioni relative all’allocazione finanziaria per anno e per Asse Prioritario. Una specifica sezione è dedicata alla descrizione della struttura organizzativa del Programma.
In base al principio di concentrazione tematica ed alle disposizioni per la redazione dei CP (artt. 6 e 8 del Regolamento (UE) N. 1299/2013), a seguito del lavoro svolto dalla Task Force di Programma e tenuto conto del contributo apportato dal partenariato socioeconomico ed istituzionale (Stakeholders), sono stati definiti i seguenti Assi Prioritari ed Obiettivi Specifici (i primi strettamente collegati agli Obiettivi Tematici di cui all’art. 9 del Regolamento (UE) n. 1303/2013 e i secondi alle Priorità di Investimento di cui all’art. 5 del Regolamento (UE) n. 1301/2013):
Asse Prioritario 1 “Innovazione Blu” (Blue Innovation) – OT 1
Obiettivo Specifico 1.1 “Migliorare le condizioni generali che favoriscono l’innovazione nei settori rilevanti dell'economia blu nell'area di cooperazione” (Enhance the framework conditions for innovation in the relevant sectors of the blue economy within the Cooperation Area) – PI 1.b
Asse Prioritario 2 “Sicurezza e resilienza” (Safety and resilience) – OT 5
Obiettivo Specifico 2.1 “Migliorare il monitoraggio dei cambiamenti climatici e la pianificazione delle misure di adattamento, che affrontino effetti specifici nell'area di cooperazione” (Improve the climate change monitoring and planning of adaptation measures tackling specific effects, in teh Cooperation Area) – PI 5.a
Obiettivo Specifico 2.2 “Aumentare la sicurezza dell’area rispetto a calamità naturali e di origine umana” (Increase the safety of the Programme area from natural and man-made disaster) – PI 5.b
Asse Prioritario 3 “Ambiente e Patrimonio Culturale” (Environment and cultural heritage) – OT 6
Obiettivo Specifico 3.1 “Fare del patrimonio naturale e culturale una leva per lo sviluppo sostenibile e più equilibrato del territorio” (Make natural and cultural heritage a leverage for sustainable and more balanced territorial development) – PI 6.c
Obiettivo Specifico 3.2 “Contribuire alla protezione e al ripristino della biodiversità” (Contribute to protect and restore biodiversity) – PI 6.d
Obiettivo Specifico 3.3 “Migliorare le condizioni di qualità ambientale del mare e delle coste mediante l'uso di tecnologie e approcci sostenibili e innovativi” (Improve the environmental quality conditions of the sea and coastal area by use of sustainable and innovative technologies and approaches) – PI 6.f
Asse Prioritario 4 “Trasporto Marittimo” (Maritime Transport) – OT 7
Obiettivo Specifico 4.1 “Migliorare la qualità, la sicurezza e la sostenibilità ambientale dei servizi e degli snodi di trasporto marittimo e costiero, promuovendo la multimodalità nell’area di programma” (Improve the quality, safety and environmental sustainability of marine and coastal transport services and nodes by promoting multimodality in the Programme area)

VALUTAZIONE e VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (Strategic Environmental Assessment)
Ai sensi degli articoli 55, 56 e 57 del Regolamento (UE) n. 1303/2013 il Programma deve essere sottoposto a valutazione ex ante, in itinere ed ex post, per migliorare la qualità della progettazione e per verificare che gli obiettivi generali e specifici siano raggiunti.
Inoltre, viene sottoposto alla Valutazione Ambientale Strategica (VAS) per valutarne le conseguenze sul piano ambientale sin dalle prime fasi del processo decisionale.
A tal proposito dall’8 al 23 settembre 2014 è stata lanciata la fase di scoping. I Soggetti aventi competenze ambientali dell’area di Programma sono stati appositamente consultati al fine di dare un primo contributo relativo alle implicazioni ambientali del Programma nei rispettivi territori. La fase di scoping della VAS si è conclusa con il parere motivato n. 232 del 16 dicembre 2014.
Il 7 agosto 2015 è stata avviata la consultazione pubblica sul Rapporto Ambientale. A consultazione conclusa, i relativi esiti hanno contribuito ad apportare alcune integrazioni al Programma di Cooperazione ed al Rapporto Ambientale, come riportato nella Dichiarazione di Sintesi prevista ai sensi dell’articolo 9.1.b della Direttiva 2001/42/CE.

CONTATTI
Autorità di Gestione
REGIONE VENETO - Unità Organizzativa AdG Italia-Croazia
Dorsoduro, 3494/A, 30123 Venezia
E-mail: italia.croazia@regione.veneto.it
 



Data ultimo aggiornamento: 07/02/2017

Siti tematici
Sito ufficiale del Programma Italia Croazia:

www.italy-croatia.eu
Contenuto Html