Riconoscere e certificare le competenze

La Regione del Veneto ha avviato da qualche anno la costruzione di un sistema veneto di validazione delle competenze acquisite dalle persone. Il 28 dicembre 2012 sono state approvate le Linee Guida per la validazione delle competenze acquisite in contesti non formali e informali. Questo documento delinea le caratteristiche dei servizi che dovranno essere offerti ai cittadini.
Ad oggi sono stati perfezionati strumenti utili al riconoscimento delle competenze: il dossier individuale delle evidenze delle competenze acquisite e l'attestato dei risultati di apprendimento acquisiti.
Nelle linee guida si prevede l'attivazione di procedure e dispositivi anche per la validazione delle competenze. I due strumenti sono la ricaduta diretta della sperimentazione coordinata dalla Sezione Lavoro all'interno dell'azione di sistema FSE Asse IV Capitale umano (DGR 1758/2009). Il Dossier e l'attestato sono già in uso dal 2011 all'interno dei servizi offerti ai lavoratori beneficiari di interventi di politiche attive. Le linee guida prevedono l'estensione della loro applicazione anche nell'ambito del sistema dell'apprendistato.
Nel corso del 2015 è stata avviata la costruzione del Repertorio Regionale di standard professionali (RRSP) che propone un elenco di profili professionali significativi per il mercato del lavoro territoriale e descritti per competenze per favorire la rappresentazione condivisa delle competenze richieste e riconosciute dal mercato del lavoro. Le competenze componenti il RRSP sono competenze tecnico-professionali ossia riconducibili ad attività e risultati riconosciuti e riconoscibili. Il RRSP intende contribuire a descrivere il fabbisogno di competenze delle professioni, equilibrare meglio l’offerta di percorsi di formazione professionali ed esigenze del mercato del lavoro e concorrere sempre più al processo di integrazione tra istruzione, formazione e lavoro al servizio dei cittadini.
Il RRSP intende essere così strumento di riferimento per:

  • Individuare gap di competenze e approfondire l’analisi di fabbisogni di competenze sia con le aziende sia con le persone
  • Supportare i servizi di orientamento e costruire progetti professionali personali basati sulle competenze
  • Realizzare servizi di incontro domanda-offerta di competenze
  • Progettare percorsi formativi anche di tirocinio finalizzati all’acquisizione di specifici apprendimenti
  • Validare competenze acquisite in contesti di apprendimento non formale e informale
  • Certificare competenze acquisite in contesti di apprendimento non formale e informale.

Nel caso degli ultimi 3 servizi l’utilizzo del Repertorio si inserisce all’interno di un contesto di erogazione più regolamentato, in cui l’uso del Repertorio e delle competenze deve essere realizzato nel rispetto di specifiche regole e modalità.

Per altri termini consultare il Glossario.
 

Documenti
Delibera n. 2895 del 28/12/2012 - Approvazione Linee Guida competenze
Linee Guida per la validazione di competenze acquisite in contesti non formali e informali - DGR 2895/2012, Allegato A
Guida operativa Attestato e Dossier
D.Lgs 13 del 18/02/2013_CertificazioneCompetenze
Brochure 2013 validazione competenze

 

Recapiti

Ufficio Programmazione e Valutazione FSE
Sezione Lavoro
Tel. 0412795305-5002-5252



Data ultimo aggiornamento: 03/06/2016

In Evidenza
siti tematici

CEDEFOP
Tecnostruttura delle Regioni per FSE



Data ultimo aggiornamento: 13/03/2013