Interventi straordinari e di emergenza (art. 42, c.1)


 

 

SISMA DEL MAGGIO 2012


Deliberazione del Consiglio dei Ministri del 22 maggio 2012

Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza dei ripetuti eventi sismici di forte intensità verificatisi nel mese di maggio 2012.

Deliberazione del Consiglio dei Ministri del 30 maggio 2012

Decreto- Legge del 6 giugno 2012, n. 74 recante “Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012 (Gazzetta Ufficiale - serie generale n. 131 del 7 giugno 2012) convertita in legge n. 122 del 1/8/2012.
Con il presente decreto sono state dettate le prime disposizioni per la realizzazione degli interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e 29 maggio 2012. L’art. 1, c. 2 e 5 del citato D.L. 74/2012 nomina i Presidenti delle Regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto quali Commissari delegati, disponendo che gli stessi possono avvalersi, per gli interventi, dei Sindaci dei Comuni e dei Presidenti delle Province interessate al sisma.

Legge 1 agosto 2012 n. 122

Note, provvedimenti e rendiconti

(torna ad inizio pagina)


ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012


D.P.C.M. del 5/11/2010
Dichiarazione dello stato di emergenza in ordine agli eccezionali eventi meteorologici che hanno colpito il territorio della regione Veneto nei giorni dal 31 ottobre al 2 novembre 2010. (10A13775) (GU Serie Generale n.269 del 17-11-2010)

O.P.C.M. 3906 del 13/11/2010
Primi interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi alluvionali che hanno colpito il territorio della Regione Veneto nei giorni dal 31 ottobre al 2 novembre 2010.

O.C.D.P.C. n. 43 del 24 gennaio 2013
Ordinanza di protezione civile per favorire e regolare il subentro della regione del Veneto nelle iniziative finalizzate al definitivo superamento della situazione di emergenza inerente agli eccezionali eventi alluvionali che hanno colpito il territorio della medesima regione nei giorni dal 31 ottobre al 2 novembre 2010. (Ordinanza n. 43). (13A00770) (GU Serie Generale n.28 del 2-2-2013)

Ordinanze, Delibere, Decreti, Note e Modulistica

(torna ad inizio pagina)


 

ECCEZIONALI AVVERSITA' ATMOSFERICHE DEL NOVEMBRE 2012


La Legge 228 del 24/12/2012 art. 1 comma 548 ha conferito ai Presidenti delle Regioni colpite dagli eventi alluvionali di novembre 2012 la delega ad operare in qualità di Commissari delegati analogamente a quanto stabilito nel D.L. 74/2012, convertito in legge 1/08/2012, n.122, incrementando di 250 milioni di euro per l'anno 2013 il Fondo da destinare agli interventi in conto capitale nelle regioni e nei comuni colpiti.

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23/03/2013 ha individuato e ripartito le risorse destinate a finanziare gli interventi in conto capitale nelle regioni e nei comuni interessati dagli eventi alluvionali che hanno colpito il territorio nazionale nel mese di novembre 2012 di cui all’art. 548, conferendo altresì la delega ai Presidenti delle Regioni interessate ad operare in qualità di Commissari Delegati.

Con il Decreto Legge n. 74/2012 sono stabilite le modalità con cui i Presidenti delle Regioni, che operano in qualità di Commissari delegati, possono intervenire, avvalendosi dei sindaci dei Comuni e dei Presidenti delle Province dei territori interessati o delegando loro le funzioni.

Provvedimenti del Commissario Delegato

Rendiconti relativi alla contabilità speciale 5744

(torna ad inizio pagina)

 

ECCEZIONALI AVVERSITA' ATMOSFERICHE DEL MAGGIO 2013


La Delibera del Consiglio dei Ministri 26 luglio 2013 ha dichiarato “lo stato di emergenza” in conseguenza degli eventi alluvionali verificatisi nei giorni dal 16 al 24 maggio 2013 nel territorio della Regione Veneto.
Per l’attuazione delle attività necessarie per il superamento dell’emergenza sono stati stanziati 10 milioni di euro.

Con l’Ordinanza del Capo Dipartimento della protezione Civile n.112 del 22 agosto 2013 il Dirigente Regionale dell’Unità di Progetto Sicurezza e Qualità della Regione Veneto è stato nominato Commissario delegato.

La Delibera del Consiglio dei Ministri 20 settembre 2013 ha esteso la durata dello stato di emergenza di ulteriori 90 giorni.

Con l’Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione civile n. 131 del 22 novembre 2013 il Commissario delegato è stato nominato soggetto responsabile dell’attività di ricognizione degli interventi di ripristino del patrimonio pubblico e di quello privato.

Con l’Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 186 dell’8 agosto 2014 il Dirigente della Sezione Sicurezza e Qualità è stato autorizzato a porre in essere le attività occorrenti per il proseguimento in regime ordinario delle iniziative in corso per il superamento del contesto critico.

Decreti del soggetto O.C.D.P.C. 186/2014 anni 2014 - 2015 - 2016

Rendiconti relativi alla contabilità speciale n. 5773

Atti relativi alla Gestione Commissariale

(torna ad inizio pagina)

 

ECCEZIONALI AVVERSITA' ATMOSFERICHE DEL GENNAIO - FEBBRAIO 2014


La Delibera del Consiglio dei Ministri del 16 maggio 2014 ha dichiarato “lo stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi atmosferici verificatisi tra il 30 gennaio ed il 18 febbraio 2014 nel territorio della Regione del Veneto”. Per l’attuazione dei primi interventi si è provveduto erogando la somma di € 27.000.000,00

Con l’Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 170 del 13 giugno 2014 è stato nominato Commissario Delegato per l’emergenza il Direttore della Sezione Sicurezza e Qualità della Regione del Veneto

La successiva Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 262 del 18 giugno 2015 ha individuato la Regione del Veneto “quale amministrazione competente al coordinamento delle attività necessarie al completamento degli interventi necessari per il superamento del contesto di criticità determinatosi”

L’allegato 1 bis alla Legge 50 del 28 marzo 2014 ha individuato i Comuni colpiti dalla avversità atmosferiche.

Infine con la Delibera del Consiglio dei Ministri del 30 ottobre 2014 lo stato di emergenza è stato prorogato di ulteriori centottanta giorni.

Ordinanze e decreti

(torna ad inizio pagina)



ECCEZIONALI EVENTI METEREOLOGICI DELL'8 LUGLIO E 4 AGOSTO 2015


La Delibera del Consiglio dei Ministri del 17 luglio 2015 ha dichiarato lo stato di emergenza in conseguenza della tromba d'aria che il giorno 8 luglio 2015 ha colpito il territorio dei Comuni di Dolo, Pianiga e Mira in provincia di Venezia e di Cortina d'Ampezzo in provincia di Belluno. Per l’attuazione del primi interventi è stata stanziata la somma di € 2.000.000,00

Con l’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 274 del 30 luglio 2015 è stato nominato Commissario Delegato il Direttore della Sezione Sicurezza e Qualità della Regione del Veneto e sono stati stabiliti i primi interventi urgenti. L’allegato tecnico relativo a tale Ordinanza è disponibile cliccando qui.

Lo stato di emergenza successivamente ha riguardato anche i Comuni di San Vito di Cadore, Borca di Cadore, Vodo di Cadore e Auronzo tramite la Delibera del Consiglio dei Ministri del 6 agosto 2015.

L’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 278 del 17 agosto 2015 ha di conseguenza provveduto ad estendere i poteri del Commissario Delegato.

Provvedimenti commissariali

(torna ad inizio pagina)


 

ORDINANZA DEL CAPO DELLA PROTEZIONE CIVILE 385/2016 - CONTRIBUTI A FAVORE DI SOGGETTI PRIVATI E ATTIVITA' ECONOMICHE E PRODUTTIVE DI CUI ALLA D.C.M. DEL 28/07/2016


 

ALLERTE PROTEZIONE CIVILE

 


(torna ad inizio pagina)

 










 

Data ultimo aggiornamento: 01/12/2016