Dati/Statistche Dati/Statistche

Piano sorveglianza sanitaria sulla popolazione esposta a PFAS. Maggio 2022 (estrazione dei dati del 23/05/2022 )

Piano sorveglianza sanitaria sulla popolazione esposta a PFAS. Febbraio 2022 (estrazione dei dati del 21/01/2022)
Piano sorveglianza sanitaria sulla popolazione esposta a PFAS. Settembre 2021 (estrazione dei dati del 07/09/2021)
Piano di Sorveglianza Sanitaria sulla popolazione esposta a PFAS - Rapporto n. 11 - Dicembre 2019 (estrazione dati del 18/12/2019)

Studio osservazionale “Valutazione dell'esposizione a sostanze perfluoroalchiliche nella popolazione del Comune di Trissino” - Relazione attività (estrazione dei dati del 05/09/2022)
"Studio sugli esiti materni e neonatali in relazione alla contaminazione da sostanze perfluoroalchiliche (Pfas) – aggiornamento febbraio 2019" , a cura del Registro Nascita – Coordinamento Malattie Rare Regione Veneto (errata corrige titolo del documento "aggiornamento febbraio 2019)
"La concentrazione di sostanze perfluorurate nel sangue dei dipendenti ed ex dipendenti delle ditte RIMAR e MITENI (Trissino, Vicenza)", a cura del Dr. Paolo Girardi, della Dr.ssa Anna Rosina, del Dr. Enzo Merler
Plasmaferesi - Primi risultati aggiornati al 14/12/2017 relativi all’applicazione del II livello previsto dal protocollo di screening della popolazione esposta a sostanze perfluoroalchiliche a seguito dell’utilizzo della plasmaferesi per i soggetti con alte concentrazioni di PFAS e Slides

ARCHIVIO

 

Link di approfondimento e social Link di approfondimento e social

PFAS - Popolazione esposta

Le sostanze perfluoroalchiliche, identificate con l’acronimo PFAS, sono caratterizzate da una notevole resistenza nell’ambiente, associata ad una rilevante capacità di diffusione e da una persistenza molto significativa che determinano una diffusa presenza nell’ambiente idrico, nell’ambiente e negli organismi, incluso l‘uomo, dove tendono ad accumularsi nel tempo.


Nel corso dell’estate del 2013, a seguito di alcune ricerche sperimentali su potenziali inquinanti “emergenti” effettuate da CNR-IRSA su incarico del Ministero dell’Ambiente, è stata segnalata la presenza in alcuni ambiti del territorio regionale di sostanze perfluoro alchiliche (PFAS) in acque sotterranee, acque superficiali e acque potabili.


La Regione del  Veneto, tramite l’istituzione di una Commissione Tecnica Regionale, ha immediatamente messo in atto una serie di azioni volte alla tutela della salute pubblica. 


Al fine di valutare l’esposizione pregressa della popolazione residente, è stato effettuato, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, uno studio di monitoraggio biologico sulla popolazione dell’area maggiormente esposta a PFAS. Dallo studio è emersa  la necessità di predisporre un piano di attività per la presa in carico degli esposti alla contaminazione da sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) mediante la collaborazione ed in coordinamento con tutti i soggetti istituzionali competenti coinvolti (Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità, OMS, Centri di ricerca). 


Ad oggi per la popolazione residente nell’area di maggior impatto sanitario è attivo un  piano di sorveglianza sanitaria.

 

RIFERIMENTI GIURIDICO/AMMINISTRATIVI

Regionali

>  Archivio