Navigazione Navigazione

informazioni utili informazioni utili

formazione operatori attrezzature lavoro: alcune iniziative a livello locale formazione operatori attrezzature lavoro: alcune iniziative a livello locale

link utili link utili

 

 

FORMAZIONE OPERATORI ATTREZZATURE LAVORO

All'interno di questa scheda puoi trovare le seguenti voci:

La Regione del Veneto interviene nella formazione professionale continua finalizzata all’abilitazione e all’aggiornamento di figure professionali già inserite nel mondo del lavoro, tra le quali gli operatori delle attrezzature di lavoro.
Le attrezzature, dettagliatamente individuate nell’Accordo sancito in Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano in data 22 febbraio 2012, sono:
- carrelli elevatori semoventi frontali, telescopici e rotativi;
- piattaforme elevabili (PLE) in quota con e senza stabilizzatori;
- gru a torre a braccio orientabile;
- gru per autocarro;
- trattori agricoli o forestali (per questi il termine è differito);
- macchine movimento terra: pale caricatrici frontali (> 45 q.li), escavatori (> 60 q.li), terne, escavatori a fune, autoribaltabili a cingoli (> 45 ql.i);
- pompe da calcestruzzo.
Nell’Accordo sono state individuate anche le modalità per il riconoscimento dell’abilitazione, i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi ed i requisiti minimi di validità della formazione, in attuazione del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.
I corsi di formazione riconosciuti dalla Regione del Veneto e finalizzati all’abilitazione e all’aggiornamento dei diversi operatori delle attrezzature di lavoro, sono stati disciplinati, nel rispetto di quanto disposto dall’Accordo, dalla Direttiva Regionale approvata con la Deliberazione di Giunta Regionale n. 1214 del 26 luglio 2016 (All. B).

Percorsi formativi per “Abilitazione”

I percorsi formativi per l’abilitazione prevedono differente durata e contenuti in funzione della tipologia di attrezzatura.
Ciascun percorso è articolato in due moduli teorici e un modulo pratico.
I moduli teorici sono:
- modulo giuridico-normativo;
- modulo tecnico.
Al termine dei moduli teorici è prevista una prova intermedia il cui superamento costituisce requisito di ammissibilità al modulo pratico. Il mancato superamento della prova comporta la ripetizione dei due moduli
Al termine del modulo pratico è prevista una prova pratica di verifica finale. Il mancato superamento della prova pratica di verifica finale comporta l’obbligo di ripetere il solo modulo pratico in un percorso formativo successivo.
Al termine sarà rilasciato, a cura dell’ente formatore, e su modello regionale, un attestato agli utenti che hanno partecipato ad almeno il 90% del monte/ore previsto e superata la prova di valutazione finale.

Percorsi formativi per “Aggiornamento”

Entro i 5 anni dal conseguimento dell’abilitazione è previsto l’obbligo di frequenza di un percorso formativo di aggiornamento per:
1- piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE);
2- gru per autocarro;
3- gru a torre;
4- carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo;
5- gru mobile;
6 - trattori agricoli o forestali;
7 - escavatori idraulici;
8- escavatori a fune;
9- pale caricatrici frontali;
10 - terne;
11 - autoribaltabili a cingoli;
12 - pompe per calcestruzzo.

Fermo restando un monte ore minimo di aggiornamento pari a 4 ore nel quinquennio, ciascun intervento deve prevedere un monte ore di 2 o di 4 in funzione delle esigenze organizzative dell’azienda.
Delle 4 ore complessive, almeno 3 devono essere relative agli argomenti dei moduli pratici, e possono essere svolte anche in aula.
A conclusione degli interventi di aggiornamento è previsto il superamento di una verifica finale.

Destinatari

I destinatari dei percorsi formativi sono gli operatori che utilizzano un’attrezzatura di lavoro per la quale è prevista una specifica abilitazione ai sensi dell’Accordo sopracitato, ivi compresi:
a) i lavoratori di cui all’art. 21, comma 1 D.Lgs. 81/08 (componenti dell’impresa familiare);
b) soggetti che utilizzano le attrezzature saltuariamente od occasionalmente.

 

Riconoscimento di credito formativo

Il modulo giuridico normativo deve essere effettuato una sola volta a fronte di attrezzature simili. Esso è riconosciuto come credito formativo per i corsi di specifica abilitazione di altre attrezzature simili, individuate in ogni Allegato dell'Accordo.
Possono inoltre essere riconosciuti come credito formativo , nell'ambito di attrezzature simili riconducibili al medesimo allegato, le ore del modulo tecnico se viene superata la prova di verifica intermedia. 

 

Per conoscere gli Organismi di Formazione accreditati alla Regione del Veneto e abilitati alla organizzazione dei corsi di formazione riconosciuti clicca qui ( cartella "approvazione dei progetti formativi")
Per cercare invece direttamente i Corsi di Formazione finanziati e/o riconosciuti dalla Regione del Veneto visita la sezione Cerca Corsi di Formazione del sito ClicLavoroVeneto.it.
Per informazioni sulle date dei corsi, durata, modalità svolgimento e costi è necessario contattare l’Organismo di Formazione accreditato.
 

Per informazioni di carattere generale sui corsi di formazione contattare gli Uffici Relazioni con il Pubblico - URP.

Normativa

D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008, "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro" (GU Serie Generale n.101 del 30-04-2008 - Suppl. Ordinario n. 108) e s.m.i.

- Accordo tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano concernente l’individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, nonché le modalità per il riconoscimento di tale abilitazione, in attuazione dell’articolo 73,commi 5, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni, n. 53 del 22 febbraio 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 12 marzo 2012, n. 60

- Accordo tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano finalizzato all'individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per i responsabili e gli addetti dei servizi di prevenzione e protezione, ai sensi dell'articolo 32 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modificazioni n. 128/CSR del 07/07/2016.

 Deliberazione della Giunta Regionale n. 1214 del 26 luglio 2016: Approvazione Direttiva per la presentazione di progetti formativi per l'abilitazione all'utilizzo di attrezzature di lavoro specificatamente individuate dall'Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 ai sensi dell'art. 73 del D.Lgs. 81/08.



Data ultimo aggiornamento: 15 giugno 2021