Crea/Mostra articolo

Bandi / Avvisi Famiglia



Programma di interventi economici straordinari a favore delle famiglie con parti trigemellari e delle famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro. Anno 2018.

Con DGR n. 865 del 15 giugno 2018 [Bur n. 61 del 22 giugno 2018] sono state definite le modalità di realizzazione di un programma di interventi economici straordinari a sostegno delle famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro e delle famiglie con parti trigemellari, anno 2018.

Nello specifico si propone di offrire un supporto economico, per il tramite dei Comuni, determinando in € 2.100.000,00 l'importo massimo erogabile. Il suddetto fondo è ripartito, tenuto conto degli esiti delle istruttorie relative ai bandi passati, nel seguente modo:

  • € 100.000,00 per le famiglie con parti trigemellari;
  • € 2.000.000,00 per le famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro.

Le famiglie con parti trigemellari, i cui figli alla data di pubblicazione sul BUR del presente bando, cioè al 22 giugno 2018, siano minori di 18 anni, saranno destinatarie di un contributo pari ad € 900,00.
Le famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro saranno destinatarie di un contributo pari ad € 125,00 per ciascun figlio minore di 18 anni.

Esempi:

  • Una famiglia di 5 figli, tutti minori di 18 anni, sarà destinataria di un contributo complessivo di € 625,00 (€ 125,00 x 5 figli);
  • Una famiglia di 5 figli, di cui 3 minori di 18 anni, sarà destinataria di un contributo complessivo di € 375,00 (€ 125,00 x 3 figli).


Potrà essere presentata una sola adesione per ogni nucleo familiare appartenente ad una delle categorie di famiglie trigemellari o con figli pari o superiore a quattro.

Qualora dallo scorrimento di una delle due graduatorie avanzassero delle risorse, queste verranno utilizzate per lo scorrimento dell’altra graduatoria.

Il contributo è cumulabile con altre tipologie di finanziamento o contributo concesso nell’ambito delle politiche sociali di aiuto, supporto e sostegno alle famiglie e sarà erogato sino ad esaurimento del fondo destinato.

Le Amministrazioni comunali, per poter accedere a tale fondo, dovranno seguire i criteri e le modalità esposti nell’Allegato A della DGR n.865/2018.

In calce sono disponibile le FAQ.
 

SCADENZE

La presentazione delle domande di adesione al programma regionale da parte delle famiglie con parti trigemellari e delle famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro prevede i seguenti passaggi:

Il richiedente:

Entro il termine stabilito dall’Amministrazione comunale, deve compilare ed inviare al Comune di residenza il “MODULO DI ADESIONE AL PROGRAMMA DI INTERVENTI ECONOMICI STRAORDINARI A FAVORE DELLE FAMIGLIE CON PARTI TRIGEMELLARI E DELLE FAMIGLIE CON NUMERO DI FIGLI PARI O SUPERIORE A QUATTRO. ANNO 2018”, allegato al presente provvedimento (Allegato B, riportato sotto in modello editabile), completo dei documenti richiesti, con ogni mezzo consentito dalla normativa vigente (in caso di invio a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, al fine del rispetto del termine, fa fede la data del timbro dell’ufficio postale accettante).

Il Comune in forma singola o associata:

Entro il termine perentorio, pena l’esclusione, delle ore 23.59 del 14 settembre 2018:
- stila la graduatoria utilizzando lo schema tipo di cui all’Allegato C;
- la approva in forma di allegato al provvedimento di Giunta comunale o alla determinazione dirigenziale;
- trasmette via PEC alla Regione Veneto – Direzione Servizi Sociali, utilizzando esclusivamente lo schema tipo di comunicazione di cui all’Allegato D, la sola graduatoria approvata con il suddetto provvedimento, in formato PDF, all’indirizzo area.sanitasociale@pec.regione.veneto.it, specificando nell’oggetto “Amministrazione Comunale di …., Programma di interventi economici straordinari a favore delle famiglie con parti trigemellari e delle famiglie con numero di figli pari o superiori a quattro – Anno 2018”;
- invia la medesima graduatoria alla Regione esclusivamente in formato Excel all’indirizzo mail famigliaminorigiovani@regione.veneto.it.
 

Di seguito sono riportati gli allegati B,C e D in della DGR n. 865/2018 in formato editabile

PER IL CITTADINO:

PER IL COMUNE – IN FORMA SINGOLA O ASSOCIATA:

Per ogni informazione:
famigliaminorigiovani@regione.veneto.it



FAQ FAMIGLIE NUMEROSE


1. ISEE


2. Quali sono i criteri a cui devono attenersi le Amministrazioni comunali per stendere la graduatoria?


3. Quali sono i titoli di soggiorno validi ed efficaci secondo la normativa vigente?

 
4. PRIVACY

 



RISPOSTE

Risposta n.1
Come si evince dall'Allegato A al provvedimento regionale, tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di pubblicazione sul BUR.
Nello specifico, la dichiarazione ISEE emessa anche dopo il 22/06/2018 è strumento idoneo a dimostrare il possesso del requisito richiesto.
L'ISEE richiesto è quello ordinario, riferito all'intero nucleo familiare.
Per maggiori approfondimenti, si mette a disposizione il Decreto n. 138 del 13/04/2017 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Direzione Generale per l'inclusione e le politiche sociali di concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento delle Finanze, con il quale si approva l'aggiornamento del modello della Dichiarazione Sostitutiva Unica [file PDF, 1,5 Mb].


Risposta n.2
Le procedure di accesso al bando e di presentazione delle graduatorie definitive da parte dei Comuni sono quelle riportate all’Allegato A della DGR n. 865/2018.


Risposta n. 3

L'Ente competente a cui rivolgere questa domanda è la Prefettura.
Si riporta di seguito il link delle Prefetture del Veneto, da contattare per ulteriori delucidazioni:
http://www.prefettura.it/portale/generali/12365.htm


Risposta n. 4
In riferimento all'informativa per il trattamento dei dati, in calce al modulo di adesione di cui all'Allegato B al provvedimento regionale, si evidenzia che trattasi di fac-simile. da utilizzarsi da ciascuna amministrazione comunale sulla base dei propri regolamenti interni, ai sensi del Regolamento 2016/679/UE - General Data Protection Regulation
 



 

Programma di interventi economici straordinari a favore delle famiglie con parti trigemellari e delle famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro. Anno 2017.



Con Decreto del Direttore della Direzione Servizi Sociali n. 181 del 15 dicembre 2017 [Bur n. 19 del 23 febbraio 2018] sono state approvate le graduatorie delle famiglie beneficiarie del contributo ai sensi della DGR n. 1488 del 18 settembre 2017.

Nello specifico:

- l’Allegato A, riporta la graduatoria delle famiglie ammesse al contributo con numero di figli pari o superiore a quattro secondo i criteri di cui alla DGR n. 1488/2017 ed i relativi Comuni;
  - l’Allegato B, contiene l'elenco delle famiglie ammesse al contributo con parti trigemellari secondo i criteri di cui alla DGR n. 1488/2017 ed i relativi Comuni;
  - l’Allegato C, elenca gli importi complessivi da erogare alle singole Amministrazioni Comunali, Unioni dei Comuni che gestiscono le istruttorie delle domande relative alle famiglie ammesse al contributo di cui agli Allegati A e B;
  - l’Allegato D, elenca le istanze non ammesse relative a n. 3 Comuni.

 

 

Con DGR n. 1488 del 18 settembre 2017 [Bur n. 91 del 22 settembre 2017] sono state definite le modalità di realizzazione di un programma di interventi economici straordinari a sostegno delle famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro e delle famiglie con parti trigemellari, anno 2017.

Nello specifico si propone di offrire un supporto economico, per il tramite dei Comuni, determinando in € 2.500.000,00 l'importo massimo erogabile. Il suddetto fondo è ripartito, tenuto conto degli esiti delle istruttorie relative ai bandi passati, nel seguente modo:

  • € 2.300.000,00  per le famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro;

  • € 200.000,00  per le famiglie con parti trigemellari.

Le Amministrazioni comunali, per poter accedere a tale fondo, dovranno seguire i criteri e le modalità esposti nell’Allegato A della DGR n.1488/2017.

 

 



Bando per il sostegno delle famiglie monoparentali e dei genitori separati o divorziati in situazione di difficoltà. Anno 2017  - PAGAMENTO CANONE D'AFFITTO



Con Decreto del Direttore della Direzione Servizi Sociali n. 177 del 15 dicembre 2017 [Bur n. 29 del 23 marzo 2018] sono state approvate le graduatorie delle famiglie beneficiarie del contributo ai sensi dell’art. 5 della L.R. n. 29/2012 e ai sensi della DGR n. 1317 del 16 agosto 2017.

Nello specifico:

- l’Allegato A, contiene la graduatoria delle famiglie monoparentali e dei genitori separati o divorziati , in situazione di difficoltà economica, secondo i criteri di cui alla DGR n. 1317/2017, ammesse al contributo ed i relativi Comuni di residenza;

 - l’Allegato B, elenca gli importi complessivi da erogare ai singoli Comuni e alle Unioni Montane e di Comuni delle famiglie ammesse al contributo;

 - l’Allegato C elenca n. 3 Comuni non ammissibili

 

 Con la legge regionale n. 29 del 10 agosto 2012 la Regione del Veneto ha approvato le “Norme per il sostegno delle famiglie monoparentali e dei genitori separati o divorziati in situazione di difficoltà”, al fine di garantire ad essi, come previsto dall’art 1, comma 2, “le condizioni per svolgere il ruolo genitoriale, la prosecuzione di un’esistenza dignitosa, il recupero dell’autonomia abitativa”.

In particolare la presente legge interviene – come stabilito all’art. 1- al fine di fronteggiare le situazioni di difficoltà economica, sia dei nuclei familiari composti da un solo genitore detti monoparentali, sia dei coniugi in caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, con uno o più figli minori.

Con DGR n. 1317 del 16/08/2017 [Bur n. 83 del 25 agosto 2017]  al fine di dare attuazione a quanto indicato nell’art. 5 della legge succitata, si propone per l’anno 2017, utilizzando il fondo a ciò dedicato, di concorrere totalmente o parzialmente al pagamento dei canoni di affitto da parte delle famiglie monoparentali e dei genitori separati o divorziati, in situazione di difficoltà economica, per il tramite delle amministrazioni comunali.

L'Allegato A della DGR n. 1317/2017 riporta le disposizioni attuative e relativi criteri per l'istruttoria da parte delle amministrazioni comunali.



Data ultimo aggiornamento: 12/07/2018