Crea/Mostra articolo

    Sanità penitenziaria

Il Servizio sanitario regionale garantisce, alle persone detenute nelle carceri di tutta la regione al pari degli altri cittadini residenti nel Veneto, i Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) che includono l’assistenza medica specialistica, l’assistenza farmaceutica, l’intervento sulle tossicodipendenze, la vigilanza sull’igiene pubblica e la prevenzione.
Si tratta di funzioni trasferite di recente dall’Amministrazione Penitenziaria del Ministero di Giustizia alle Regioni che la esercitano mediante le Aziende ULSS dove hanno sede gli istituti penitenziari.

Le funzioni sanitarie svolte dall'Amministrazione Penitenziaria con riferimento ai soli settori della prevenzione e dell'assistenza ai detenuti e agli internati tossicodipendenti sono state trasferite a decorrere dal 1 gennaio 2000 per effetto del Decreto Legislativo 230/99. Tutte le altre funzioni sanitarie finalizzate a garantire i LEA a favore delle persone detenute sono invece state trasferite a decorrere dal 14 giugno 2008 per effetto del DPCM 1 aprile 2008.

Al 31 dicembre 2015 nei 9 Istituti di Pena per adulti del Veneto (uno per capoluogo di provincia, due a Padova e due a Venezia), con una capienza regolamentare complessiva di 1.698 posti, erano presenti 2.080 detenuti, con un tasso di sovraffollamento pari al 22,5%. Nell'Istituto Penale per Minorenni di Treviso, alla stessa data erano presenti 14 detenuti. 


In Evidenza

  • News Sanità Penitenziaria Veneto - Giugno 2016 (pdf 800Kb)
  • DGR n. 1529 del 03 novembre 2015 - Recepimento dell’Accordo sul documento concernente “Linee guida in materia di modalità di erogazione dell’assistenza sanitaria negli Istituti penitenziari per adulti; implementazione delle reti sanitarie regionali e nazionali” approvato dalla Conferenza Unificata – Rep. Atti n. 3/CU del 22 gennaio 2015. (pdf 260Kb + allegato A e B)
  • DGR n. 130 del 16 febbraio 2016 - Approvazione schema di convenzione tra la Regione del Veneto e Regione Campania per l'utilizzo del sistema informativo per il monitoraggio del superamento degli OPG denominato "SMOP" (pdf 500Kb)
  • DGR n. 1906 del 23 dicembre 2015 - DPCM 1° aprile 2008 ("Modalità e criteri per il trasferimento al Servizio Sanitario Nazionale delle funzioni sanitarie, dei rapporti di lavoro, delle risorse finanziarie e delle attrezzature e beni strumentali in materia di sanità penitenziaria"): autorizzazione all'Azienda Ulss n. 16 di Padova per l'attivazione del progetto per attività psicodiagnostiche e riabilitative presso la Sezione per gli internati in Casa lavoro della Casa di Reclusione di Padova e determinazione del relativo finanziamento (pdf 970Kb)
  • DGR n. 1611 del 19 novembre 2015 - DPCM 1° APRILE 2008 (“Modalità e criteri per il trasferimento al Servizio Sanitario Nazionale delle funzioni sanitarie, dei rapporti di lavoro, delle risorse finanziarie e delle attrezzature e beni strumentali in materia di sanità penitenziaria”): autorizzazione all’Azienda Ulss n. 1 di Belluno all’attivazione del progetto per la realizzazione di una Sezione per l’accoglienza dei detenuti con infermità psichica sopravvenuta nel corso della detenzione (art. 148 c.p.) e dei detenuti a pena diminuita per vizio parziale di mente (art. 111 comma 5 e 7, DPR 230/2000) presso la Casa Circondariale di Belluno e determinazione del relativo finanziamento. (pdf 80Kb + allegato A)

Contatti 

Unità Organizzativa Salute mentale e sanità penitenziaria
Direzione Programmazione Sanitaria
Rio Novo - Dorsoduro, 3493 - 30123 Venezia
Tel. 041 2793490 - Fax 041 2793425
PEC area.sanitasociale@pec.regione.veneto.it

Per qualsiasi informazione, proposta o suggerimento: salutementale@regione.veneto.it



Data ultimo aggiornamento: 08/08/2016