Nuove misure di contrasto alla povertà


All'interno di questa scheda puoi trovare le seguenti voci:





S.I.A. (Sostegno per l'inclusione attiva)

La Regione del Veneto coordina e promuove accordi di collaborazione in rete con le amministrazioni competenti sul territorio.
Con Decreto interministeriale del 26 maggio 2016, il S.I.A. viene esteso a tutto il territorio nazionale attraverso un apposito programma volto al superamento della condizione di povertà, all'inserimento e al reinserimento lavorativo e all'inclusione sociale.
Il Sostegno per l’Inclusione attiva è una misura di contrasto alla povertà che prevede benefici economici alle famiglie in condizioni economiche disagiate. 
Per godere del beneficio, il nucleo familiare del richiedente dovrà aderire ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa sostenuto da una rete integrata di interventi, individuati dai Servizi Sociali dei Comuni in rete con gli altri servizi del territorio: Centri per l'Impiego, Servizi Sanitari,  Scuole e con i soggetti del terzo settore, le parti sociali e tutta la comunità.
Il progetto coinvolge tutti i componenti del nucleo familiare e prevede specifici impegni per adulti e bambini, individuati sulla base di una valutazione globale delle problematiche e dei bisogni.
Nell’ambito del progetto sono previste iniziative di: ricerca attiva del lavoro, partecipazione a progetti di formazione, frequenza e impegno scolastico, prevenzione e tutela della salute.

Requisiti per presentare la domanda:

requisiti del richiedente:
• essere cittadino italiano o comunitario o suo familiare titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
• essere residente in Italia da almeno 2 anni;

requisiti familiari (deve essere presente almeno uno dei seguenti requisiti):
• presenza di almeno un componente di età inferiore a 18 anni
• presenza di una persona con disabilità
• presenza di una donna in stato di gravidanza accertata 

requisiti economici:
ISEE inferiore o uguale a 3 mila euro
• non beneficiare di altri trattamenti economici rilevanti: il valore complessivo di altri trattamenti economici eventualmente percepiti di natura previdenziale, indennitaria e assistenziale, deve essere inferiore a euro 600,00 mensili.
• non può accedere al SIA chi è già beneficiario della NASPI (indennità di disoccupazione), dell’ASDI (assegno di disoccupazione) o di altri strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati
• nessun componente deve possedere un’automobile nuova (immatricolata negli ultimi 12 mesi) o un’automobile di cilindrata superiore a 1.300 cc o un motoveicolo di cilindrata superiore a 250 cc immatricolati negli ultimi 3 anni

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza a partire dal 2 settembre 2016.

Entro 15 giorni lavorativi dalla ricezione delle domande, i Comuni inviano all’INPS le richieste degli interessati.
Entro i successivi 10 giorni, l’INPS controlla le domande pervenute, attribuisce i punteggi relativi alla condizione economica e trasmette ai Comuni l’elenco dei beneficiari e invia a Poste italiane (gestore della carta SIA) le disposizioni di accredito.

Il beneficio economico è concesso bimestralmente e viene erogato entro due mesi dalla richiesta attraverso una Carta di pagamento elettronica (Carta SIA).
La Carta deve essere usata solo dal titolare , che riceve a mezzo raccomandata la comunicazione da Poste Italiane, con la disponibilità finanziaria relativa al primo bimestre.
Con la carta SIA si possono effettuare acquisti nei supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie abilitati al circuito Mastercard. La carta può anche essere utilizzata presso gli uffici postali per le bollette elettriche e del gas.

Per ulteriori informazioni rivolgersi ai Servizi Sociali del Comune di residenza.

Per saperne di più clicca qui

torna ad inizio pagina
 

 Altre iniziative a livello statale:

Fondo per il Contrasto della Povertà Educativa Minorile – Bandi

Il Fondo, è stato istituito con Legge 28 dicembre 2015 n. 208, articolo 1, comma 392 al fine di contrastare la povertà educativa minorile e rendere operante una strategia nazionale di lungo periodo, ispirata dalle migliori esperienze territoriali.

Il Fondo è di durata triennale e verrà alimentato dalle Fondazioni di origine bancaria, che usufruiranno di un credito d’imposta. Per gestire l’operatività del fondo, è stato sottoscritto un Protocollo d’Intesa tra Governo e Acri (Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa) e individuato un soggetto attuatore : l’impresa sociale “Con i bambini”

Per l’anno 2016 sono stati approvati due bandi:
-Prima Infanzia” (fascia di età 0-6) 
-Adolescenza ( fascia d’età 11-17 ) 

Le proposte di partecipazione al bando dovevano essere presentate da partnership costituite da minimo 2 soggetti, di cui almeno una doveva essere un ente del terzo settore; potevano essere coinvolte : scuole, istituzioni, università, enti di ricerca pubblici e privati, imprese.
L’invio delle proposte doveva avvenire esclusivamente online: bandi.conibambini.org/auth/ , i relativi bandi sono scaduti rispettivamente :
- 16 gennaio 2017  il Bando Prima Infanzia
-  8 febbraio  2017  il Bando Adolescenza

Per saperne di più consulta il sito web - per informazioni : Impresa sociale “Con i bambini” –   tel. 06/40410100 (interno 1) email 

(torna ad inizio pagina)



Data ultimo aggiornamento: 20/02/2017

segnala una iniziativa

Compila il form online, dedicato agli Enti del territorio, per poter segnalare iniziative istituzionali rivolte ai cittadini del Veneto che saranno pubblicate e segnalate all'interno di queste pagine.



Data ultimo aggiornamento: 09/12/2015