Turismo rurale: le nuove disposizioni applicative

La legge regionale 10 agosto 2012, n. 28, modificata dalla L.R. n. 35 del 24 dicembre 2013, “Disciplina delle attività turistiche connesse al settore primario”, regolamenta anche il turismo rurale come espressione dell’offerta turistica e della multifunzionalità del settore primario.

L’articolo 2 della legge stabilisce che, per turismo rurale, debba essere inteso l’insieme delle attività e iniziative turistiche, sportive, culturali, ricreative, di valorizzazione del patrimonio ambientale, nonché ogni altra attività di utilizzazione dello spazio e dell’ambiente rurale ivi compresi gli ecosistemi acquatici e vallivi, svolta da imprenditori agricoli, imprenditori ittici o da imprese turistiche.

Attività di turismo rurale
L’articolo 12 bis della legge 28 specifica, in maniera più articolata, quali siano le attività di turismo rurale, identificandole nelle seguenti specifiche tipologie:

  1. attività culturali, ricreative, di pratica sportiva, di escursionismo, ippoturismo e avioturismo, riferite all’ambiente rurale e degli ecosistemi acquatici e vallivi, svolte anche all’esterno dei beni fondiari nella disponibilità dell’impresa;
  2. allevamento di specie animali e la coltivazione di specie vegetali a fini amatoriali e di sviluppo del turismo naturalistico e rurale;
  3. realizzazione di iniziative di supporto alle attività di cicloturismo e di ippoturismo anche in connessione a percorsi e itinerari turistici;
  4. mescita di vino, olio o birra ai fini della promozione e la vendita diretta dei prodotti dell’azienda, con la somministrazione non assistita e senza corrispettivo di prodotti di gastronomia fredda legati alle produzioni e alle tradizioni locali, fatto salvo l’obbligo di notifica all’autorità competente in materia di igiene degli alimenti.

Criteri di applicazione e le procedure per lo svolgimento delle attività di turismo rurale
La DGR n. 883 del 13 luglio 2015  (BUR n. 75 del 31 luglio 2015) ha approvato le disposizioni applicative della nuova legge, definendo in 4 allegati, i criteri di applicazione, le procedure e la modulistica per lo svolgimento delle attività di turismo rurale.

  • Allegato A “Disposizioni operative e procedurali per lo svolgimento di attività di turismo rurale da parte di imprese agricole”, stabilisce i requisiti per lo svolgimento delle attività di turismo rurale e definisce le procedure per il riconoscimento e l’avvio dell’attività;
  • Allegato B  Schema-tipo di “Comunicazione ai fini del riconoscimento dei requisiti per l’esercizio delle attivita’ di turismo rurale”;
  • Allegato C  Schema-tipo di “Relazione tecnica”;
  • Allegato D  Schema-tipo di “Segnalazione certificata di inizio attività per l’esercizio dell’attività di turismo rurale”.

Ritorna al sito della promozione economica 



Data ultimo aggiornamento: 21/01/2019

Percorsi


Siti tematici


Contenuto Html