Giovani - Bandi e Avvisi                         

BANDO "DAVANTI LE QUINTE!"

Si comunica che con DGR n. 1833 del 04 dicembre 2018 [Bur n. 120 del 07 dicembre 2018] sono stati approvati i criteri, le modalità e i termini per la presentazione e il finanziamento di progetti territoriali finalizzati alla sensibilizzazione e formazione delle giovani generazioni sulle tematiche della disabilità attraverso l’espressione artistico-teatrale, presentati dai Comuni e Unioni di Comuni titolari dei Piani di intervento in materia di politiche giovanili (D.G.R. 1392/2017) e realizzati in collaborazione con le organizzazioni senza scopo di lucro afferenti al terzo settore e le istituzioni scolastiche.

Allegato A - Criteri, modalità e termini per la presentazione di iniziative territoriali per la gestione di attività teatrali nell’ambito del progetto “Davanti le quinte!”, volto a sensibilizzare le giovani generazioni sul tema della disabilità.
Allegato B - Domanda di partecipazione


Sono di seguito disponibili, la domanda di partecipazione (in file word) e il fac-simile (file doc; 349 kb) della scheda progettuale, che dovranno essere debitamente compilate e sottoscritte dal Legale Rappresentante dell'Ente Titolare del Piano e che dovranno essere inviate entro e non oltre il 28/02/2019 a pena di esclusione alla Direzione Servizi Sociali - U.O. Famiglia, minori, giovani e servizio civile, esclusivamente a mezzo PEC al seguente indirizzo: area.sanitasociale@pec.regione.veneto.it specificando nell'oggetto "INZIATIVA TERRITORIALE PER LA GESTIONE DI ATTIVITA' TEATRALI NELL'AMBITO DEL PROGETTO "DAVANTI LE QUINTE!" - DGR N. 1833/2018". Si richiede inoltre il contestuale invio all'indirizzo di posta elettronica ordinaria famigliaminorigiovani@regione.veneto.it, indicando il medesimo oggetto.

Per ogni altro quesito o informazione in merito si prega di scrivere al seguente indirizzo e-mail: famigliaminorigiovani@regione.veneto.it.

 

FAQ (aggiornate al 19 febbraio 2019)


1. Chi sono i soggetti che possono partecipare al bando?

2. Quali sono i soggetti partner coinvolti nella progettazione?

3. Chi sono i destinatari del progetto?

3.1. Oltre ai giovani tra i 14 e i 20 ed in particolare gli studenti degli istituti secondari di secondo grado, possono partecipare all'ideazione e costruzione dell'opera teatrale altri soggetti?


4. Dovranno essere presenti, Istituti scolastici di secondo grado all’interno del territorio di appartenenza dei Titolari dei Piani?

5. Quanti progetti possono essere presentati per Titolare di Piano?

6. A quanto ammonta il contributo massimo che può essere richiesto per ogni singolo progetto?

7. E’ consentita la partecipazione a più di un progetto da parte dei partner coinvolti?

8. Dov’è previsto lo svolgimento delle azioni/fasi indicate nel progetto?

9. Quali spese possono considerarsi ammissibili?

10. A chi spetta la gestione contabile del contributo ricevuto?

11. Quali sono le modalità previste per l’erogazione del contributo?

12. Qual è la durata di ogni singolo progetto?

13. Quali sono le scadenze progettuali previste?


RISPOSTE

Risposta n. 1
Titolati a partecipare al bando sono esclusivamente i Comuni/Unione dei Comuni titolari dei “Piani di interventi in materia di politiche giovanili” (DGR n.1392/2017) individuati con DDR n.180/2017.

Risposta n. 2
Per l’ideazione e la realizzazione dell’opera teatrale, i Comuni/Unione dei Comuni titolari dei Piani potranno individuare come soggetti partner, Istituti secondari di secondo grado, Organismi del terzo settore, con esperienza nel campo teatrale e in quello della disabilità, ed eventuali Comuni appartenenti al proprio territorio distrettuale (Comuni afferenti ai Comitati dei Sindaci di distretto individuati con Dgr n.1392/2017).
Con i suddetti soggetti sarà necessario stipulare un accordo di partenariato da formalizzare con “lettera di intenti”.

Risposta n. 3
Le progettualità hanno come destinatari i giovani tra i 14 e i 20 anni ed in modo particolare dovranno essere coinvolti nell’ideazione e realizzazione dell’opera teatrale, anche attraverso la rappresentazione della stessa in un evento pubblico, gli studenti degli istituti secondari di secondo grado.

Risposta 3.1
Qualsiasi soggetto, all'interno dei requisiti di ammissibilità, è idoneo alla costruzione dell'opera teatrale, mantenendo come obiettivo specifico i destinatari del progetto.

Risposta n. 4
Sì, essendo stati individuati come destinatari principali del progetto gli studenti frequentanti istituti secondari di secondo grado.

Risposta n. 5
Ogni Comune/Unione di Comuni titolare di Piano può presentare non più di due progettualità.

Risposta n. 6
Ad ogni singola progettualità potrà essere assegnato un contributo massimo di euro 15.701,90 e corrispondente all’80% del costo totale dello stesso; a carico del Comune proponente resterà una quota pari ad almeno il 20% di cofinanziamento che potrà essere coperto anche con il contributo dei soggetti partner.

Risposta n. 7
Sì. I soggetti partner coinvolti potranno eventualmente partecipare a più progettualità, che possono essere presentate sia dal Comune/Unione dei Comuni Titolare del Piano di area distrettuale di appartenenza che da uno di altra area distrettuale.

Risposta n. 8
Per quanto riguarda l’attuazione e lo svolgimento delle varie azioni/fasi progettuali, queste dovranno essere sviluppate esclusivamente all’interno dell’area distrettuale di appartenenza.

Risposta n. 9
Rientrano nei costi ammissibili tutte le spese strettamente attinenti alle attività del progetto debitamente documentate; non verranno finanziati progetti che prevedano l’acquisizione e/o la ristrutturazione di immobili, progetti che prevedano un miglioramento degli standard strutturali superiori, l’acquisto di beni e/o servizi non attinenti alle attività previste dal progetto.
A tale proposito si ricorda che il costo relativo al personale dipendente dei comuni e degli istituti scolastici rientra nelle spese ammissibili nel caso in cui lo stesso venga impiegato nell’attività di preparazione e realizzazione del progetto fuori dall’ordinario orario di lavoro.

Risposta n. 10
Al Titolare del Piano che ha presentato il progetto compete la gestione dei fondi assegnati. Lo stesso si occuperà di ripartirli tra i vari partner nonché di controllarne la destinazione.

Risposta n. 11
L’erogazione del contributo avverrà in due tranche con le seguenti modalità:

 70% a titolo di acconto, su presentazione della comunicazione di avvio delle attività progettuali;
 30% a saldo, a conclusione delle attività, previo invio della rendicontazione economica e della relazione finale sulle attività svolte.

Risposta n. 12
Il progetto avrà una durata non superiore ad un anno dalla dichiarazione di avvio delle attività previste e in ogni caso, entro e non oltre il 31.07.2019.

Risposta n. 13
Entro e non oltre il 28.02.2019 a pena di esclusione, invio dei progetti per il bando “Davanti le quinte!” da parte dei Titolari dei Piani alla Regione del Veneto – Direzione Servizi Sociali – U.O. Famiglia, Minori, Giovani e Servizio Civile esclusivamente a mezzo PEC all’indirizzo area.sanitasociale@pec.regione.veneto.it.
Si chiede inoltre il contestuale invio all’indirizzo di posta elettronica ordinaria famigliaminorigiovani@regione.veneto.it.

Entro il 31 Luglio 2019: avvio delle attività

31 Luglio 2020: conclusione delle attività progettuali

15 Ottobre 2020: invio della Relazione finale sulle attività svolte e relativa
rendicontazione finanziaria.
 




Per consultare l'archivio dei bandi delle annualità precedenti, visitare la pagina "Documenti".



Data ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2019