Intese ed accordi

Intese ed accordi della Regione del Veneto con enti territoriali esteri

Accordi:
documenti sottoscritti tra una Regione e uno Stato estero, previsti all’articolo 117, ultimo comma, della Costituzione. La controparte è dunque il Governo di uno Stato straniero, a prescindere dal titolo che recano. Essi sono vincolanti sul piano del diritto internazionale ed impegnano in via diretta la personalità internazionale dello Stato italiano. Il Presidente della Regione, quale firmatario dell’Accordo, si configura quindi come rappresentante autorizzato dallo Stato Italiano, tramite la concessione dei pieni poteri di firma da parte del Ministro degli Affari Esteri, previa verifica dell’opportunità politica e della legittimità dell’Accordo. La procedura per la sottoscrizione degli Accordi è prevista all’articolo 6, comma 3, della legge n. 131/2003 nella forma di preventiva comunicazione e procedura di verifica interministeriale.
Le Intese (o Protocolli di Intesa): documenti aventi come parti contraenti una Regione italiana ed un Ente territoriale interno ad uno Stato estero, previsti dalla Costituzione, articolo 117, ultimo comma. Esse sono finalizzate a favorire lo sviluppo economico, sociale e culturale della Regione, nonché a realizzare attività di mero rilievo internazionale, che assumono cioè rilevanza in quanto vengono svolte all’estero. Le Intese possono essere sottoscritte previa notifica alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed al Ministero degli Affari Esteri, che possono formulare eventuali osservazioni sul testo proposto, con un meccanismo di silenzio-assenso (legge n. 131/2003, articolo 6, comma 2).
Ogni altro tipo di documento sottoscritto con Stati ed Enti territoriali esteri, che non sia stato sottoposto alle procedure previste dalla legge n. 131/2003, articolo 6, non può essere considerato un Accordo o un’Intesa e non ha quindi alcuna validità giuridica.
Accordi e Intese costituiscono dei testi quadro che oltre a sancire formalmente e solennemente rapporti di amicizia con uno Stato o una Regione estera, prevedono i settori di interesse comune in cui sviluppare la collaborazione. Essi delineano quindi il quadro entro cui promuovere iniziative e progetti, coinvolgendo Enti Locali, aziende sanitarie, camere di commercio, imprese, Università ed organismi di volontariato, quindi quell’ampia rete di soggetti pubblici e privati che contribuiscono, in varie forme, alla vita economica, sociale e culturale della nostra Regione. Tali atti promuovono e sostengono quindi le opportunità di proiezione internazionale per le diverse realtà del Veneto.
Dal punto di vista dei contenuti, Accordi e Intese, vista la loro natura di atti programmatici volti a sancire ufficialmente rapporti di amicizia e collaborazione, comprendono molti settori di competenza regionale, tra cui: attività produttive, imprese, agricoltura, cultura, turismo, sport e scambi giovanili, ambiente, territorio, infrastrutture e mobilità, sanità e sociale, ricerca scientifica ed innovazione tecnologica ed altro ancora.
La costante crescita della capacità estera delle Regioni, unitamente ai noti processi di globalizzazione in atto a livello mondiale, ha offerto alla Regione del Veneto la possibilità di aumentare in modo rilevante la rete di rapporti di amicizia e di collaborazione con numerose amministrazioni straniere, estendendo costantemente la rete di partner e promuovendo l’intero Sistema Veneto Autorità nei confronti di Autorità locali, regionali e statali estere.




Data ultimo aggiornamento: 26 ottobre 2017