PROGRAMMA HEALTH


Presentazione
Descrizione
Budget 2014-2020
Normativa europea di riferimento
Link


HEALTH è il terzo programma d’azione pluriennale dell’Unione europea in materia di salute. Attraverso tale strumento finanziario l’Unione europea si propone di affrontare con efficacia le sfide economiche e demografiche che interessano il settore sanitario integrando, sostenendo e aggiungendo valore alle politiche degli Stati membri per migliorare e promuovere la salute dei cittadini europei e diminuire le disuguaglianze. Sono fortemente incoraggiati l’innovazione e la sostenibilità dei sistemi sanitari e la protezione della popolazione europea dalle gravi minacce transfrontaliere.

A norma dell’articolo 168 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea (TFUE), essa deve garantire, nella definizione e nell’attuazione di tutte le sue politiche e attività, un livello elevato di protezione della salute umana. Deve completare e sostenere le politiche sanitarie nazionali, incoraggiare la cooperazione tra gli Stati membri e promuovere il coordinamento tra i loro programmi.
Il programma si propone di contribuire, specie nel contesto della crisi economica, ad abbattere le disuguaglianze e a promuovere l’equità e la solidarietà in materia di salute, tramite le azioni previste nell’ambito dei diversi obiettivi e favorendo lo scambio di buone prassi. Poiché la salute è una componente indispensabile per lo sviluppo di una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, l’aspettativa è che il programma comporti contestualmente un supporto all’implementazione della strategia Europa 2020.
torna su

DESCRIZIONE
Gli obiettivi specifici del programma sono:
• promuovere la salute, prevenire le malattie e incoraggiare ambienti favorevoli a stili di vita sani. Le azioni dovranno individuare, promuovere e diffondere l’adozione di buone pratiche, basate su riscontri empirici ed efficaci sotto il profilo dei costi, in materia di promozione della salute e di prevenzione delle malattie. In particolare si vogliono promuovere pratiche che affrontino i principali fattori di rischio dell’insorgenza di patologie quali il tabagismo, l’abuso di alcol, l’inattività fisica, le cattive abitudini alimentari e che diano delle risposte efficaci alle malattie trasmissibili quali HIV/AIDS, tubercolosi,epatite e alle patologie croniche come quelle degenerative, quelle connesse all’età e il cancro;
• proteggere i cittadini dalle gravi minacce sanitarie transfrontaliere. Le azioni saranno finalizzate ad individuare e sviluppare approcci coerenti e a promuovere la loro attuazione per essere più preparati e coordinati in caso di emergenze sanitarie;
• contribuire alla realizzazione di sistemi sanitari innovativi, efficienti e sostenibili. Tali azioni dovranno individuare e sviluppare strumenti e meccanismi volti ad affrontare la carenza di risorse umane e finanziarie e ad agevolare l’adozione volontaria dell’innovazione in ambito sanitario;
• facilitare l’accesso a un’assistenza sanitaria migliore e più sicura. Le azioni saranno finalizzate a migliorare l’accesso alle competenze mediche e alle informazioni concernenti patologie specifiche anche su scala transnazionale, a sviluppare strumenti per migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria e la sicurezza dei pazienti.

La Commissione europea è responsabile dell’attuazione del programma che avviene tramite l’istituzione, con l’adozione di atti di esecuzione, di programmi di lavoro annuali arrecanti le azioni da intraprendere e la ripartizione indicativa delle risorse finanziarie.
Il programma è rivolto a tutti gli Stati membri dell’Unione europea e ai Paesi terzi, in particolare:
• paesi di prossima adesione, candidati e potenziali candidati che beneficiano della strategia di preadesione;
• paesi EFTA/SEE, conformemente alle condizioni stabilite nell’accordo SEE;
• paesi confinanti e paesi cui si applica la politica europea di vicinato;
• altri paesi, conformemente alle condizioni stabilite in un accordo bilaterale o multilaterale pertinente.
I beneficiari ammissibili alle sovvenzioni sono: organizzazioni aventi personalità giuridica, autorità pubbliche, enti del settore pubblico, in particolare istituti di ricerca e sanitari, università e istituti d’istruzione superiore, enti di natura non governativa, pubblici o privati senza scopo di lucro, indipendenti dall’industria, dal commercio o da attività economiche o altri interessi configgenti, organizzazioni internazionali attive nel settore della salute qualora cofinanzino azioni aventi un chiaro
valore aggiunto per l’Unione europea.
Gli Stati membri devono istituire dei punti focali nazionali al fine di assistere la Commissione europea nella promozione e, all’occorrenza, nella diffusione dei risultati del programma.
torna su

BUDGET 2014–2020

La dotazione finanziaria per l’attuazione del programma è pari a € 449,39 milioni per il periodo 2014 - 2020.
I contributi finanziari assumono la forma di sovvenzioni (call for proposals), di appalti pubblici (call for tenders) o di qualsivoglia altra forma di intervento necessario per conseguire gli obiettivi del programma. L’importo massimo fissato per le sovvenzioni erogate dall’Unione europea è pari al 60% dei costi ammissibili di un’azione relativa a un obiettivo del programma o dei costi ammissibili per il funzionamento di un ente non governativo. Nei casi di utilità eccezionale, il contributo può arrivare fino all’80% dei costi ammissibili.
torna su

NORMATIVA DI RIFERIMENTO
Regolamento (UE) n. 282/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio dell’11 marzo 2014 sulla istituzione del terzo programma d’azione dell’Unione in materia di salute (2014 - 2020) e che abroga la decisione n. 1350/2007/CE.

LINK
Programma
Regolamento

torna su
 



Percorsi


Siti tematici


Contenuto Html