MALTEMPO. VENETO. PROCEDURE LAVORI IDRAULICI

Comunicato stampa N° 470 del 17/03/2010

(AVN) – Venezia, 17 marzo 2011

Nel vertice padovano odierno dedicato all'alluvione di ieri, è stato fatto il punto sullo stato del piano di mitigazione complessiva del rischio idraulico e geologico del territorio veneto, che comporta una spesa prevista che si aggira sui 2 miliardi e mezzo, e delle opere invece più immediate che possono essere realizzate con le risorse a disposizione. A quest'ultimo proposito sono state ancora una volta chiarite la differenza tra gli interventi di somma urgenza e gli interventi post-emergenziali ma parimenti indifferibili, nonché le procedure  per intervenire, pur con i poteri in deroga del Commissario delegato.
Gli "interventi di somma urgenza", il cui esempio più proprio dell'emergenza in atto è la rotta arginale, richiedono un'azione immediata". In questo caso si procede senza progetto, perché non c'è il tempo per redigerlo, utilizzando un'impresa disponibile a iniziare subito i lavori, fornendo le indicazioni in tempo reale, a cura del tecnico del Genio civile che ha accertato lo stato di necessità, per la posa di, la formazione di palificazioni e così via: lo scopo primario è evitare la fuoriuscita dell'acqua. Questi lavori vengono eseguiti senza particolari procedure e vengono pagati in un periodo successivo, quando saranno state reperite le relative risorse.
Gli interventi indifferibili e urgenti, invece, di massima costituiscono la definitiva sistemazione dei precedenti, o un loro completamento funzionale, ma devono seguire un percorso diverso: va redatto un progetto complessivo, preceduto da indagini e rilievi, in modo da dare una configurazione stabile e valutata dell'opera. Il progetto va verificato con tutti gli enti interessati (compresa la Soprintendenza ai beni ambientali, per intenderci, il cui veto può bloccare l'intera procedura); va fatta una gara, sia pure con procedure semplificate ed accelerate, al di sotto della cosiddetta soglia comunitaria pari a poco meno di 5 milioni di euro. Se la spesa è più alta, serve una gara vera e propria, con avviso pubblico e così via. Numerose opere di mitigazione del rischio hanno una spesa superiore alla soglia comunitaria.
In tutto questo sistema si è inserito, con il decreto Milleproroghe, anche l'obbligo di sottoporre i provvedimenti dei Commissari governativi al parere preventivo della Corte dei Conti, procedura destinata ad allungare i tempi.
Pur in un contesto del genere, l'impegno della struttura commissariale è di realizzare nel minimo tempo possibile i necessari lavori di riduzione del rischio idraulico.

Conto Corrente Solidarietà: Unicredit SpA – intestazione "Regione Veneto – Emergenza Alluvione Novembre 2010" – CODICE IBAN: IT62D0200802017000101116078; codice BIC SWIFT UNCRITM1VF2.
Per le imprese i contributi versati su questo conto sono totalmente deducibili. Per le persone fisiche, il contributo versato è detraibile per il 19% entro un limite massimo di 2.065,83 euro.



Data ultimo aggiornamento: 20/12/2012

temi politici - presidente luca zaia
Archivio Comunicati
Notizia n. 1604 del 23/10/2018

TEATRO: NASCE IN VENETO IL PRIMO PERCORSO FORMATIVO PER IL MESTIERE DI ATTORE

23/ott/2018 | assessore Elena Donazzan lancia il progetto Teseo, scuola e occupazione nel teatro per futuri attori

Notizia n. 1603 del 23/10/2018

DOMANI ZAIA PARTECIPA AD APPUNTAMENTI PUBBLICI A VENEZIA, VICENZA E BREGANZE

23/ott/2018 | DOMANI ZAIA PARTECIPA AD APPUNTAMENTI PUBBLICI A VENEZIA, VICENZA E BREGANZE

Notizia n. 1601 del 23/10/2018

LAVORO: INTESA TRA REGIONE VENETO E ANCI PER SPORTELLI COMUNALI PER L’IMPIEGO, ASSESSORE DONAZZAN, “INFORMAZIONI PIÙ ACCESSIBILI E SERVIZI PIÙ PROSSIMI AI CITTADINI”

23/ott/2018 | assessore Elena Donazzan su convenzione con Anci Veneto per Sportelli lavoro nei Comuni

Notizia n. 1602 del 23/10/2018

ZAIA RICEVE NUOVO PRESIDENTE DELLA CORTE DEI CONTI CARLO GRECO

23/ott/2018 | ZAIA RICEVE NUOVO PRESIDENTE DELLA CORTE DEI CONTI CARLO GRECO

Notizia n. 1600 del 23/10/2018

POVERTÀ: REGIONE VENETO STANZIA 6 MLN DI EURO PER PROGETTI DI INCLUSIONE ATTIVA, ASSESSORE LANZARIN, "NO AD ASSISTENZIALISMO, SÌ AD AIUTI PERSONALIZZATI PER CASA, LAVORO E MINORI"

23/ott/2018 | assessore Manuela Lanzarin presenta leprime misure di attuazione del piano regionale antipovertà: Reddito di inclusione attiva, sostegno all'abitare ed interventi per prevenire la povertà educativa