MALTEMPO. VENETO. PROCEDURE LAVORI IDRAULICI

Comunicato stampa N° 470 del 17/03/2010

(AVN) – Venezia, 17 marzo 2011

Nel vertice padovano odierno dedicato all'alluvione di ieri, è stato fatto il punto sullo stato del piano di mitigazione complessiva del rischio idraulico e geologico del territorio veneto, che comporta una spesa prevista che si aggira sui 2 miliardi e mezzo, e delle opere invece più immediate che possono essere realizzate con le risorse a disposizione. A quest'ultimo proposito sono state ancora una volta chiarite la differenza tra gli interventi di somma urgenza e gli interventi post-emergenziali ma parimenti indifferibili, nonché le procedure  per intervenire, pur con i poteri in deroga del Commissario delegato.
Gli "interventi di somma urgenza", il cui esempio più proprio dell'emergenza in atto è la rotta arginale, richiedono un'azione immediata". In questo caso si procede senza progetto, perché non c'è il tempo per redigerlo, utilizzando un'impresa disponibile a iniziare subito i lavori, fornendo le indicazioni in tempo reale, a cura del tecnico del Genio civile che ha accertato lo stato di necessità, per la posa di, la formazione di palificazioni e così via: lo scopo primario è evitare la fuoriuscita dell'acqua. Questi lavori vengono eseguiti senza particolari procedure e vengono pagati in un periodo successivo, quando saranno state reperite le relative risorse.
Gli interventi indifferibili e urgenti, invece, di massima costituiscono la definitiva sistemazione dei precedenti, o un loro completamento funzionale, ma devono seguire un percorso diverso: va redatto un progetto complessivo, preceduto da indagini e rilievi, in modo da dare una configurazione stabile e valutata dell'opera. Il progetto va verificato con tutti gli enti interessati (compresa la Soprintendenza ai beni ambientali, per intenderci, il cui veto può bloccare l'intera procedura); va fatta una gara, sia pure con procedure semplificate ed accelerate, al di sotto della cosiddetta soglia comunitaria pari a poco meno di 5 milioni di euro. Se la spesa è più alta, serve una gara vera e propria, con avviso pubblico e così via. Numerose opere di mitigazione del rischio hanno una spesa superiore alla soglia comunitaria.
In tutto questo sistema si è inserito, con il decreto Milleproroghe, anche l'obbligo di sottoporre i provvedimenti dei Commissari governativi al parere preventivo della Corte dei Conti, procedura destinata ad allungare i tempi.
Pur in un contesto del genere, l'impegno della struttura commissariale è di realizzare nel minimo tempo possibile i necessari lavori di riduzione del rischio idraulico.

Conto Corrente Solidarietà: Unicredit SpA – intestazione "Regione Veneto – Emergenza Alluvione Novembre 2010" – CODICE IBAN: IT62D0200802017000101116078; codice BIC SWIFT UNCRITM1VF2.
Per le imprese i contributi versati su questo conto sono totalmente deducibili. Per le persone fisiche, il contributo versato è detraibile per il 19% entro un limite massimo di 2.065,83 euro.



Data ultimo aggiornamento: 20/12/2012

temi politici - presidente luca zaia
Archivio Comunicati
Notizia n. 686 del 24/05/2018

VIOLENZA DONNE: VENETO MODIFICA LEGGE DI CONTRASTO, ASSESSORE, “INTERVENTI EDUCATIVI NELLE SCUOLE E LAVORO DI RETE PER RIDARE NORMALITÀ E LAVORO ALLE VITTIME”

24/mag/2018 | assessore Manuela Lanzarin su modifiche legge 5/2013 interventi di prevenzione e contrasto contro la violenza sulle donne

Notizia n. 685 del 24/05/2018

LUPI: ASSESSORE ALL'AGRICOLTURA, “PREDAZIONI INEVITABILI SE I RECINTI INADEGUATI, A GALLIO NON ERANO QUELLI FORNITI DALLA REGIONE”

24/mag/2018 | assessore Giuseppe Pan replica su inadeguatezza recinti antilupo a Gallio

Notizia n. 680 del 24/05/2018

DOMENICA 27 MAGGIO DA TREVISO AL LAGO DI SANTA CROCE (BL) CON IL “TRENO DELLA SOLIDARIETÀ” DEL CUAMM

24/mag/2018 | Elisa De Berti Anche l’assessore alle infrastrutture e trasporti della Regione del Veneto salirà domenica prossima, 27 maggio, sul “Treno della Solidarietà” che da Treviso porterà al Lago di Santa Croce (Bl), partecipando così all’iniziativa promossa da “Medici con l’Africa CUAMM” e dall’associazione “Ferrovieri con l’Africa” per sostenere il progetto “Prima le mamme e i bambini a Pujehun”, in Sierra Leone.

Notizia n. 683 del 24/05/2018

SABATO “SCUOLA SICURA VENETO” FA TAPPA A TORRE DI MOSTO

24/mag/2018 |