vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 1953 del 08/12/2018

SMOG. BOTTACIN. “DA ALCUNI SINDACI POLEMICHE DISINFORMATE. REGIONE PILATESCA? FALSO. FACCIAMO TUTTO QUEL CHE SERVE COMPRESI MILIONI DI FINANZIAMENTI”

08/dic/2018 | SMOG. BOTTACIN. “DA ALCUNI SINDACI POLEMICHE DISINFORMATE. REGIONE PILATESCA? FALSO. FACCIAMO TUTTO QUEL CHE SERVE COMPRESI MILIONI DI FINANZIAMENTI”

Notizia n. 1952 del 08/12/2018

MESSAGGERO S. ANTONIO, DONAZZAN: “ISTITUIREMO UN TAVOLO DI CRISI”

08/dic/2018 |

Notizia n. 1951 del 07/12/2018

SMOG. PRECISAZIONI DELLA REGIONE SULLE MISURE DI CONTRASTO

07/dic/2018 | SMOG. PRECISAZIONI DELLA REGIONE SULLE MISURE DI CONTRASTO

APERTO A CONCAMARISE IL PRIMO CANTIERE DI OPEN FIBER PER LA BANDA ULTRA LARGA IN PROVINCIA DI VERONA. MARCATO: “NON C’E’ SVILUPPO SENZA INFRASTRUTTURE TECNOLOGICHE”

Comunicato stampa N° 992 del 16/07/2018
 (AVN) – Venezia, 16 luglio 2018
 
La fibra ultraveloce arriva a Concamarise: questa mattina, alla presenza dell’Assessore regionale all’Economia e allo Sviluppo della banda larga, Roberto Marcato, del Sindaco, Sen. Cristiano Zuliani, e del Regional Manager Veneto Cluster C&D di Open Fiber, Federico Cariali, sono stati inaugurati ufficialmente i cantieri per  realizzare una nuova rete in modalità FTTH (Fiber To The Home), che consentirà di beneficiare di una connessione fino a 1 Gigabit al secondo. Era presente anche il presidente della prima commissione del Consiglio regionale Alessandro Montagnoli. Concamarise è il primo comune del veronese in cui partirà il piano lavori di Open Fiber, che consegnerà alla città un’infrastruttura strategica per i cittadini e le imprese. “Non c’è sviluppo se non c’è infrastrutturazione tecnologica”, ho affermato l’assessore Marcato.
 
Il piano per lo sviluppo della Banda Ultra Larga (BUL) in Veneto è stato reso possibile – ha fatto presente l’assessore - dopo una trattativa con il Ministero per lo Sviluppo Economico e a seguito di una convenzione MISE, Regione Veneto, Comuni interessati e Infratel Italia, società “in house” del Ministero. La convenzione ha permesso l’emissione da parte di Infratel del primo bando di gara per la costruzione e la gestione di una rete a banda ultra larga nelle cosiddette “aree bianche” o “a fallimento di mercato”, vinto da Open Fiber, la società attiva in tutto il territorio nazionale per costruire e gestire un’infrastruttura in fibra ottica. La rete sarà data in concessione per 20 anni a Open Fiber, che ne curerà anche la manutenzione, e rimarrà di proprietà pubblica. 
 
L’investimento complessivo per la copertura delle aree a fallimento di mercato del Veneto è di circa 400 milioni di euro. “Una cifra importante – ha detto Marcato –  con la quale nel 2020 l’intero Veneto sarà coperto con la Banda Ultra Larga e colmerà il gap esistente con le altre regioni”. All’interno di queste risorse, 180 mila euro verranno utilizzati nel corso del 2018 per cablare il comune di Concamarise, che è tutto “area bianca”, attraverso una rete in fibra ottica ad alte prestazioni di circa 7 km. 
 
"Siamo soddisfatti di aprire il primo cantiere del veronese a Concamarise – ha detto Federico Cariali per Open Fiber - qui infatti, al confine con Sanguinetto, realizzeremo anche il Pop, ossia la centrale da cui partirà la rete in fibra ottica ultraveloce per raggiungere tutte le abitazioni, le attività commerciali e gli edifici pubblici sul territorio, nello specifico il Comune, la Biblioteca e la Scuola. Ringraziamo il Sindaco Zuliani e tutta l'amministrazione comunale perché, col riutilizzo delle infrastrutture esistenti, gli interventi di Open Fiber saranno poco invasivi”. 
 
Grazie alla proficua collaborazione con Infratel e la Regione, ad oggi Open Fiber ha già aperto nel Veneto 38 cantieri.
 


Data ultimo aggiornamento: 16/07/2018

sviluppo economico banda ultra larga roberto marcato