vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 1823 del 18/11/2018

METEO E PROTEZIONE CIVILE. SEMPRE SOTTO CONTROLLO LE FRANE DEL TESSINA E DELLA BUSA DEL CRISTO NEL BELLUNESE

18/nov/2018 | Anche se le previsioni meteo sono tutto sommato favorevoli (deboli piogge sono attese solo dalle ore serali di domani, lunedì 19 novembre), il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione del Veneto mantiene lo stato di attenzione per rischio idrogeologico (allerta gialla) nei bacini idrografici Alto Piave e Piave Pedemontano, in provincia di Belluno, dove le abbondanti precipitazioni delle scorse settimane hanno riattivato alcuni movimenti franosi.

Notizia n. 1821 del 17/11/2018

CONDANNE PESANTI ALLA BANDA NIGERIANA CHE A VICENZA SCHIAVIZZAVA GIOVANI CONNAZIONALI. ASSESSORE LANZARIN: “GIUSTA PENA PER UN REATO BRUTALE E INUMANO”

17/nov/2018 | l’assessore alle politiche sociali della Regione del Veneto, Manuela Lanzarin, la condanna a 23 anni complessivi di carcere comminata dal Tribunale di Venezia ai componenti di un’organizzazione malavitosa nigeriana che aveva messo in piedi una rete di immigrazione clandestina di loro giovani connazionali, costringendole a prostituirsi a Vicenza

Notizia n. 1822 del 17/11/2018

METEO E PROTEZIONE CIVILE. CONTINUANO A ESSERE COSTANTEMENTE MONITORATE LE FRANE DEL TESSINA E DELLA BUSA DEL CRISTO NEL BELLUNESE

17/nov/2018 | Anche nelle giornate di oggi e domani, sabato 17 e domenica 18 novembre, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione del Veneto ha dichiarato lo stato di ordinaria criticità per rischio idrogeologico (allerta gialla) nei bacini idrografici Alto Piave e Piave Pedemontano, in provincia di Belluno.

Notizia n. 1819 del 17/11/2018

SANITA’. PREMIO AIOM A PIERFRANCO CONTE. LE CONGRATULAZIONI DI ZAIA, “MERITATISSIMO, E’ UNA COLONNA DELL’ECCELLENZA ONCOLOGICA VENETA”

17/nov/2018 | SANITA’. PREMIO AIOM A PIERFRANCO CONTE. LE CONGRATULAZIONI DI ZAIA, “MERITATISSIMO, E’ UNA COLONNA DELL’ECCELLENZA ONCOLOGICA VENETA”

Notizia n. 1818 del 17/11/2018

LUNEDI’ 19 NOVEMBRE ALLE 12.00 ZAIA A MESTRE INAUGURA NUOVA INTERSEZIONE TRA VIA PORTO CAVERGNAGO E VIA MARTIRI DELLA LIBERTA’

17/nov/2018 | LUNEDI’ 19 NOVEMBRE ALLE 12.00 ZAIA A MESTRE INAUGURA NUOVA INTERSEZIONE TRA VIA PORTO CAVERGNAGO E VIA MARTIRI DELLA LIBERTA’

ASSESSORE ALLA SICUREZZA DELLA REGIONE DEL VENETO SOLIDALE CON I MAGISTRATI ONORARI CHE PROTESTANO CONTRO IL GOVERNO

Comunicato stampa N° 110 del 31/01/2018
 (AVN) Venezia, 31 gennaio 2018 
 
“Con quale coraggio i rappresentanti del governo italiano si indignano per l’ignobile pratica del caporalato, ancora purtroppo in voga in alcune aree del nostro Paese se poi sono i primi a mettere in atto un sistema basato proprio sullo sfruttamento e per di più in un settore delicato e vitale per la nostra democrazia, come quello della giustizia?”
 
L’assessore al territorio e alla sicurezza della Regione del Veneto esprime così il suo sostegno alla protesta dei magistrati onorari, sfociata nello sciopero dei giudici di pace che dura ormai da settimane e di quello dei vice procuratori onorari (Vpo) e dei giudici onorari di tribunale (Got), indetto da alcuni giorni.
 
“La riforma voluta dal Governo e dal Ministro della Giustizia – prosegue l’assessore – annichilisce e dileggia l’intera magistratura di pace e onoraria, ma soprattutto arreca un gravissimo danno al Paese e ai cittadini, che, con l’affossamento degli uffici giudiziari di primo grado, subiranno ulteriori gravi penalizzazioni e ritardi nella gestione della giustizia. Guardando in particolare al Veneto, una realtà produttiva come la nostra ha bisogno più che mai di una giustizia che funzioni e che sia amministrata con efficienza e tempi certi: ne va della competitività della nostra stessa economia e delle nostre imprese, perché nessuno è disposto a investire energie e risorse dove le sentenze sono chimere”. 
 
“Stiamo assistendo non solo a una pesantissima regressione del sistema giudiziario italiano nel suo complesso – aggiunge l’assessore – ma a una vera e propria violazione della Costituzione, essendo messa in discussione con questa assurda riforma  l’indipendenza del giudice nell’esercizio dei suoi poteri e doveri. A questi servitori dello Stato, che si occupano di grandissima parte dei procedimenti penali e civili in ambiti particolarmente ‘sentiti’ dai cittadini come quelli dell’immigrazione e della microcriminalità, non solo si negano adeguate tutele economiche e previdenziali ma si impongono limitazioni nell’orario di lavoro, prevedendo addirittura di impedire ai giudici di pace di lavorare a tempo pieno, nonostante il continuo aumento delle competenze civili. Forse il Ministro pensa di risolvere i problemi della giustizia attraverso la sua privatizzazione e le inaccettabili e sommarie depenalizzazioni”.
 
“Intendo scrivere al Ministro – conclude l’assessore – stigmatizzando l’insostenibilità di questa situazione e chiedendogli di intervenire al più presto con opportune modifiche alla riforma”. 


Data ultimo aggiornamento: 31/01/2018

sicurezza cristiano corazzari