PFAS. L'ASSESSORE ALL'AMBIENTE: "34 RICORSI MA LA REGIONE VA AVANTI. SIAMO PRESI A MODELLO"

Comunicato stampa N° 97 del 26/01/2018
 
 
(AVN) – Venezia, 26 gennaio 2018
 
"Dal 2013, anno della segnalazione del problema PFAS, la nostra Regione è stata l’unica in Italia che si è attivata immediatamente, sostituendosi spesso allo Stato, per avviare il monitoraggio delle acque di falda utilizzate a scopo idropotabile e che ha messo in atto tutte le azioni necessarie per la salvaguardia dell’ambiente e della salute dei cittadini. Ma il paradosso è che in questa nostra azione siamo stati finora oggetto di ben 34 ricorsi, da parte di soggetti pubblici e privati che ci contestano di aver fatto o troppo o troppo poco. Nelle regioni in cui non è stato fatto nulla, nonostante la presenza di questi inquinanti, nessuno ha mosso obiezioni". 
 
E’ il dato di fatto da cui è partito l’assessore all’ambiente della Regione del Veneto per fare il punto sui contenziosi aperti in sede amministrativa e civile sulla delicata vicenda delle sostanze perfluoro-alchiliche, insieme al sindaco di Trissino (il comune vicentino in cui ha sede l’azienda Miteni) e al direttore generale di Arpav. Al momento sono 27 i ricorsi presentati al TAR Veneto, 5 al Tribunale Superiore delle Acque, un giudizio al Tribunale Civile di Padova e uno al Tribunale Penale di Venezia. Il ricorso più recente è quello di Miteni che evidenzia danni per 98 milioni di euro asseritamente subiti dai provvedimenti relativi alla definizione delle problematiche ambientali nell’area dell’azienda.
 
L'assessore ha sottolineato che il Veneto ha per tempo sollecitato una normativa statale in materia e di conoscere come si stessero muovendo le altre Regioni. Dopo anni e diversi solleciti, il Ministero dell'Ambiente nel maggio del 2017 ha chiesto alle Regioni come stessero affrontando la questione e che fornissero un report sullo stato delle acque. Richiesta poi rinnovata nel settembre del 2017, non essendo pervenute risposte concrete da gran parte delle Regioni. 
 
“Come Veneto siamo ora presi a modello – ha detto l'assessore – ma siamo stupiti che di una problematica tanto delicata se ne parli come se esistesse solo in Veneto e ci poniamo anche altre domande: cosa stanno facendo le altre Regioni? Cosa fanno le associazioni ambientaliste nelle altre Regioni? Cosa fanno i Ministeri competenti? Forse il problema è stato sottovalutato ma è fondamentale che intervenga una normativa nazionale e anche europea per affrontare il problema in maniera organica e rendere più gestibili anche i ricorsi". 
 
Da parte sua il sindaco di Trissino ha evidenziato che la situazione sul piano dei contenziosi ha in sé qualcosa di surreale. “Noi però con il supporto della Regione e dell’Arpav – ha aggiunto - riteniamo di avere il dovere morale di far luce su questa vicenda e di dare risposte ai cittadini, operando nel rispetto delle normative, anche se manca a livello nazionale l’indicazione di limiti per la presenza di Pfas nelle acque. Nonostante i ricorsi non arretreremo di un millimetro”. 
 
Il direttore generale dell’Arpav ha fatto presente che finché si è trattato di dare indici sanitari per l’utilizzo dell’acqua potabile non si sono registrate obiezioni, che sono state sollevate invece nel momento in cui sono stati posti indici di carattere ambientale andando a toccare i privati. Ha poi confermato che con l’utilizzo dei filtri sugli acquedotti si è arrivati a zero Pfas nelle acque della zona rossa. Questi filtri vanno però sostituiti ogni due mesi con un costo elevato (2-3 milioni annui). Per questo è stato richiesto lo stato di emergenza che consentirebbe di sbloccare i fondi – finora solo annunciati - e poterli spendere in maniera rapida per realizzare nuovi allacciamenti per portare acque pulita nelle zone inquinate.
 


Data ultimo aggiornamento: 26/01/2018

pfas gianpaolo bottacin inquinamento ambiente
Archivio Comunicati
Notizia n. 1200 del 16/08/2018

ORDIGNO SEDE LEGA TREVISO. ZAIA: “ATTO GRAVISSIMO, CHI ATTENTA ALLA DEMOCRAZIA TROVERÀ SEMPRE UNA FORTE OPPOSIZIONE DEMOCRATICA”

16/ago/2018 | Così il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commenta il grave atto compiuto la notte scorsa al K3, sede della Lega a Treviso.

Notizia n. 1199 del 16/08/2018

IL CORDOGLIO DEL PRESIDENTE ZAIA PER LA SCOMPARSA DI UN CAMIONISTA DI VICENZA NELLA TRAGEDIA DI GENOVA

16/ago/2018 | Con queste parole il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ricorda Vincenzo Licata, il camionista siciliano che viveva da anni a Vicenza, morto nel crollo del Ponte Morandi a Genova.

Notizia n. 1198 del 16/08/2018

SCOMPARSA DI RITA BORSELLINO: IL RICORDO DEL PRESIDENTE ZAIA

16/ago/2018 | Ricordo Luca Zaia presidente di Rita Borsellino

Notizia n. 1197 del 16/08/2018

CENTO MILA EURO ALL’AREA DEL LITORALE VENETO. FORCOLIN: “DIAMO CONCRETEZZA A UN GRANDE PROGETTO DI SVILUPPO”

16/ago/2018 | La Giunta Regionale ha approvato nell’ultima seduta i criteri e le modalità per la concessione di contributi a sostegno di iniziative che interessano l’area litoranea veneta Cristiano Corazzari stanziato 100 mila euro – spiega il vicepresidente Gianluca Forcolin

Notizia n. 1196 del 16/08/2018

LA REGIONE RISPARMIA 2,6 MILIONI DI EURO GRAZIE AGLI INCENTIVI AL PERSONALE PER REALIZZARE ECONOMIE DI GESTIONE

16/ago/2018 | Ammonta a ben 2,6 milioni di euro il risparmio certificato che la Regione del Veneto ha ottenuto nell’esercizio 2017 attraverso gli incentivi ai dipendenti la cui attività ha prodotto delle economie di gestione Gianluca Forcolin vicepresidente personale bilancio