vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 286 del 22/02/2019

VENETO IN GINOCCHIO. CONSEGNATI I PIANI STRAORDINARI DI PROTEZIONE CIVILE. BOTTACIN: “FONDAMENTALI STRUMENTI DI PREVENZIONE ORA CHE SONO CAMBIATE LE CONDIZIONI DI RISCHIO”

22/feb/2019 | CONSEGNATI I PIANI STRAORDINARI DI PROTEZIONE CIVILE. BOTTACIN FONDAMENTALI STRUMENTI DI PREVENZIONE CAMBIATE LE CONDIZIONI DI RISCHIO

Notizia n. 285 del 22/02/2019

ASSESSORE DONAZZAN LUNEDÌ 25 A JESOLO a CONSEGNA DIPLOMI ITS TURISMO VENETO (Centro Kursaal, piazza Brescia 13 ore 17-19)

22/feb/2019 | ASSESSORE DONAZZAN LUNEDÌ 25 A JESOLO a CONSEGNA DIPLOMI ITS TURISMO VENETO (Centro Kursaal, piazza Brescia 13 ore 17-19)

Notizia n. 284 del 22/02/2019

AGRICOLTURA: VENETO PREMIA I GAL PER CAPACITÀ DI SPESA, ASSESSORE PAN, “SIAMO TRA I PRIMI IN ITALIA A VERIFICARE E INCENTIVARE L'EFFICACIA DEI PROGRAMMI DI SVILUPPO LOCALE”

22/feb/2019 | AGRICOLTURA: VENETO PREMIA I GAL PER CAPACITÀ DI SPESA, ASSESSORE PAN, “SIAMO TRA I PRIMI IN ITALIA A VERIFICARE E INCENTIVARE L'EFFICACIA DEI PROGRAMMI DI SVILUPPO LOCALE”

Notizia n. 283 del 22/02/2019

SANITA’. IL VENETO VARA UN PIANO ANTIZANZARE PER L’ESTATE. LANZARIN, “MONITORAGGIO, PREVENZIONE, COORDINAMENTO E INTERVENTI CONTRO LA WEST NILE E ALTRI POSSIBILI VIRUS”

22/feb/2019 | SANITA’. IL VENETO VARA UN PIANO ANTIZANZARE PER L’ESTATE. LANZARIN, “MONITORAGGIO, PREVENZIONE, COORDINAMENTO E INTERVENTI CONTRO LA WEST NILE E ALTRI POSSIBILI VIRUS”

Notizia n. 282 del 22/02/2019

PROGETTO TRANSNAZIONALE “FUTURE 4.0”. A VENEZIA INCONTRO SU INNOVAZIONE E PROFILI PROFESSIONALI NELLA CANTIERISTICA NAVALE E NELLA LOGISTICA NELL’AREA ADRIATICA

22/feb/2019 | PROGETTO TRANSNAZIONALE “FUTURE 4.0”. A VENEZIA INCONTRO SU INNOVAZIONE E PROFILI PROFESSIONALI NELLA CANTIERISTICA NAVALE E NELLA LOGISTICA NELL’AREA ADRIATICA

SOCIALE. RIPARTITI 18 MILIONI PER EDUCAZIONE E ISTRUZIONE BIMBI FINO A 6 ANNI IN VENETO. ASSESSORE “GIA’ AL LAVORO CON ANCI E FISM PER PROSSIMO BIENNIO”.

Comunicato stampa N° 67 del 19/01/2018
(AVN) Venezia, 19 gennaio 2018

La Giunta regionale, nella seduta di oggi su proposta dell’Assessore alle Politiche Sociali, ha approvato il riparto ai Comuni dei fondi previsti dal Piano Nazionale per la Promozione del Sistema Integrato dei Servizi di Educazione e Istruzione per le Bambine e i Bambini dalla Nascita fino ai Sei Anni pari, per il Veneto, a 18 milioni 110 mila 607 euro, relativi all’annualità 2017.

Secondo quanto previsto dalla normativa nazionale, il Piano sarà inviato al Ministero dell’Università e Ricerca – Miur entro il 31 gennaio 2018 per attivare l’erogazione dei fondi, con il riparto e la liquidazione agli Enti Locali.

“E’ stato fatto un lavoro accurato ma veloce – sottolinea con soddisfazione l’Assessore regionale – che si concentra su due tipologie fondamentali per garantire il migliore servizio ai bimbi e alle loro famiglie negli asili nido e nelle scuole paritarie per l’infanzia accreditate”.

I finanziamenti riguardano interventi di nuove costruzioni, ristrutturazione edilizia, restauro e risanamento conservativo, riqualificazione funzionale ed estetica, messa in sicurezza meccanica e antincendio, risparmio energetico e fruibilità di stabili di proprietà delle Amministrazione pubbliche (in totale 5 milioni 107 mila euro) e il finanziamento di spese di gestione, in quota parte, dei servizi educativi per l’infanzia e delle scuole per l’infanzia, in considerazione dei loro costi e della loro qualificazione (in totale 13 milioni e 3 mila euro).

“A questo proposito – riferisce l’Assessore – il 17 gennaio ho incontrato il Vicepresidente Vicario di Anci Veneto Angelo Tosoni e il Presidente della Fism (scuole materne paritarie) Stefano Cecchin, con i quali abbiamo aperto un confronto già per la prossima pianificazione 2018-2019, che sarà preceduta dalla stesura di un Protocollo tra le parti, per fare in modo che le risorse economiche pervengano a tutte le strutture accreditate che oggi sappiamo essere in difficoltà”.

Il nuovo protocollo terrà conto di tre linee d’intervento: sostegno agli asili nido e scuole dell’infanzia accreditate per le spese di gestione; alle opere di miglioria degli immobili; alla formazione del personale.

“Gli interventi sugli asili nido e le scuole dell’infanzia sono fondamentali per garantire il rientro al lavoro alle mamme e per dare serenità ai genitori – dice l’Assessore. Per sostenere la famiglia è necessario dare servizi che favoriscano la natalità e creare situazioni favorevoli per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro”.


Data ultimo aggiornamento: 19/01/2018