SANITA’: IN VENETO IL PRIMO CENTRO DI RIFERIMENTO REGIONALE PER I DISTURBI DELL’IDENTITA’ DI GENERE. COLETTO, “600 MILA EURO PER UNA SCELTA DI SCIENZA E MODERNITA’”. AL POLICLINICO DI ABANO UN TEAM MULTIDISCIPLINARE.

Comunicato stampa N° 1664 del 09/12/2017
(AVN) Venezia, 9 dicembre 2017

Per la prima volta, la sanità del Veneto sarà dotata di un Centro di Riferimento Regionale per i disturbi dell’identità di genere.

Lo ha deciso la Giunta regionale che, su proposta dell’Assessore alla Sanità Luca Coletto, ha approvato una delibera che assegna le funzioni connesse al Policlinico privato-convenzionato di Abano Terme (Padova), con un finanziamento fino a un massimo di 200 mila euro l’anno per gli anni 2018-2019-2020.

“Una decisione presa nel segno della qualità e della modernità – la definisce l’Assessore alla Sanità Luca Coletto – che mette un servizio di alta specializzazione a disposizione di persone che si trovano in una condizione del tutto particolare, che può comportare sofferenza psicologica  e fisica. E alla sofferenza, di ogni tipo, una sanità che si rispetti ha l’obbligo morale e scientifico di dare risposte”.

“La scelta di Abano non è casuale – aggiunge Coletto – perché in quella struttura, privata convenzionata con l’Ulss 6 di Padova, ci sono importanti professionalità specifiche, che rispondono alla necessità di concentrare le competenze multidisciplinari e multispecialistiche per affrontare la complessità delle tematiche connesse a questi disturbi, con un’organizzazione che sappia farsi carico del paziente dall’inizio alla fine del percorso, esattamente come si fa, con grande successo, all’interno delle Breast Unit per la presa in carico totale delle donne colpite da tumore al seno”.

Non a caso, il team specialistico che lavorerà al Policlinico di Abano sotto il coordinamento del dottor Angelo Porreca, si compone di psicologi, urologi, internisti, specialisti chirurghi e chirurghi estetici, nonché di esperti di ematochimica che seguiranno il paziente anche nella fase post chirurgica acuta, in particolare per il delicatissimo aspetto dei dosaggi ormonali.

La struttura sanitaria aponense entra così di fatto nel ristretto gotha internazionale dei centri per queste patologie e ha già avviato un rapporto di collaborazione con quello dell’Università di Belgrado che, con Londra, costituisce la massima autorità internazionale in materia.

“Siamo di fronte – conclude Coletto – a una nuova eccellenza tutta veneta, perché finora questi problemi in Italia venivano affrontati senza la caratteristica della presa in carico totale del paziente che invece, a maggior ragione dove i problemi psicologici si abbinano a quelli clinici e chirurgici, è assolutamente indispensabile”.

Le prime norme nazionali in materia i rettificazione di attribuzione del sesso risalgono al 1982 e la Regione del Veneto, con la legge regionale nr. 22 del 1993, dispose che tali attività fossero a carico del Servizio Pubblico.

La decisione di attivare un Centro Regionale di Riferimento si basa anche su quanto contenuto dal dpcm 12 gennaio 2017 che definisce i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza – LEA da erogare obbligatoriamente su tutto il territorio nazionale e sull’orientamento giurisprudenziale adottato dalla Corte di Cassazione il 20 luglio 2015, poi avvalorato da una sentenza della Corte Costituzionale nella sentenza nr. 221 del 5 novembre 2015.


Data ultimo aggiornamento: 09/12/2017

sanità luca coletto
Archivio Comunicati
Notizia n. 1205 del 18/08/2018

CROLLO DEL PONTE. IL SALUTO DI ZAIA ALLA SQUADRA VENETA DEI VIGILI DEL FUOCO IN PARTENZA PER GENOVA

18/ago/2018 | Genova crollo ponte Con queste parole il presidente della Regione, Luca Zaia, vuole salutare la partenza per la Liguria dei 34 componenti della squadra Usar (Urban Search And Rescue) dei vigili del fuoco del Veneto, provenienti da quasi tutti i comandi della regione, che daranno il cambio ai colleghi della Lombardia.

Notizia n. 1204 del 18/08/2018

CONCLUSI I LAVORI DI RIPRISTINO DELLE DIFESE SPONDALI DEL FIUME SOLIGO (TV). ASSESSORE BOTTACIN: “INVESTITI CIRCA 250 MILA EURO PER RAFFORZARE LA SICUREZZA DEL TERRITORIO”

18/ago/2018 | Gianpaolo Bottacin assessore difesa suolo Regione Veneto Si sono recentemente conclusi i lavori di pronto intervento per la riparazione dei danni alle difese idrauliche del fiume Soligo e relativi affluenti, conseguenti alle avverse condizioni meteo verificatesi nei primi mesi del 2018 nei territori rivieraschi di Cison di Valmarino, Follina, Farra di Soligo e Pieve di Soligo.

Notizia n. 1203 del 17/08/2018

ASSESSORE LANZARIN VISITA A LAMON (BL) “CASA CHARITAS” E IL CENTRO DI RIABILITAZIONE DELL’ULSS N. 1

17/ago/2018 | L’assessore regionale alle politiche sociali, Manuela Lanzarin, accompagnata dal consigliere della zona, Franco Gidoni, ha visitato stamane due strutture socio-sanitarie a Lamon, in provincia di Belluno: il Centro di Recupero e Rieducazione Funzionale dell’Azienda Ulss n. 1 e la casa di riposo “Casa Charitas”.

Notizia n. 1202 del 17/08/2018

WEST NILE. ASSESSORE COLETTO: “DA CERTA STAMPA TEUTONICA GROSSOLANE FALSITÀ”

17/ago/2018 | Con queste parole l’assessore regionale alla sanità, Luca Coletto, respinge al mittente, bollandole come "grossolane falsità" le notizie allarmistiche sulla questione della West Nile, pubblicate da alcune testate austriache.

Notizia n. 1201 del 17/08/2018

LAVORI DI RIPRISTINO IN CORRISPONDENZA DEL PONTE DEI CAVALLI A DOLO (VE). BOTTACIN: “INTERVENTO TEMPESTIVO PER LA SICUREZZA IDRAULICA”

17/ago/2018 | Assessore difesa suolo Gianpaolo Bottacin È stato avviato nei giorni scorsi e si concluderà entro l’autunno l’intervento di somma urgenza a seguito del cedimento strutturale del manufatto idraulico in corrispondenza del Ponte dei Cavalli sullo scaricatore di Dolo, in provincia di Venezia.