VACCINI: PRESIDENTE REGIONE, “RICORSO CONTRO DL LORENZIN ANCHE SE CONVERTITO IN LEGGE. IN VENETO TUTTE LE SOGLIE SUPERIORI A QUELLE INDICATE DALL’OMS. CON L’OBBLIGO RISCHIO FUGA DEI GENITORI”.

Comunicato stampa N° 1019 del 19/07/2017
(AVN) Venezia, 19 luglio 2017

“Il Veneto è favorevole ai vaccini, che però vanno diffusi con la corretta e capillare informazione e non con coercizioni che, in quanto tali, potrebbero avere addirittura l’effetto contrario a quello desiderato. Non siamo irresponsabili, come ci si vuole dipingere, siamo supportati dai dati della nostra anagrafe vaccinale informatizzata (l’unica in Italia), dalle soglie regionali indicate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, dall’aumento delle adesioni da parte delle giovani coppie, che in Veneto apprezzano di essere informate e di trovare risposte scientifiche ai loro comprensibili dubbi. Così facendo abbiamo tutte le soglie superiori a quelle indicate dall’Oms”.

Con queste parole, il Presidente del Veneto ha confermato, parlando ai giornalisti nel corso del punto stampa seguito alla riunione della Giunta, il ricorso contro il Dl Lorenzin che introduce l’obbligatorietà per una ampio numero di vaccinazioni, già presentato, annunciando che “ricorreremo anche contro la legge di conversione qualora venisse approvata”.

“Con la nostra legge regionale del 2007, definita e approvata con il pieno consenso del Governo di allora – ha detto il Governatore – abbiamo rivoluzionato l’approccio alla diffusione della cultura della vaccinazione e abbiamo ottenuto risultati lusinghieri, che oggi indicano una copertura complessiva in Veneto del 92,6% per il morbillo e del 94,5% per la polio nelle persone tra due e diciotto anni. E’ anche per difendere la bontà della nostra legge che ricorriamo contro un provvedimento che rischia di essere considerato odioso dalle coppie che chiedono e cercano informazione per decidere. Noi la diamo, sia a livello ospedaliero che territoriale. Puntiamo sul dialogo, arrivando a concordare con i genitori percorsi vaccinali personalizzati, e stiamo avendo ragione, tanto che tutte le nostre coperture sono superiori a quelle indicate dall’Oms, che suddivide gli obbiettivi a livello nazionale e regionale, da raggiungere entro il 2020”.

Per tutti i vaccini considerati, l’Organizzazione Mondiale della Sanità prevede, per il 2020, soglie nazionali al 90% e soglie regionali all’80%.

La legge veneta del 2007, indica come soglia minima per garantire la sicurezza di coorte l’85% della copertura (soglia di allarme), 5 punti più dell’Oms, e tutte le diverse vaccinazioni, rispetto ai nati nel 2014,  risultano ben superiori sia alla soglia regionale che a quella internazionale, andando da un minimo dell’89,2% per rosolia, parotite e morbillo, a oltre il 90%, come per tetano (92%), difterite (92%), polio (92%), epatite B (91,4%), pertosse 92%, hib emofilo (91,2%), morbillo (89,2%), varicella (86,8%), Meningococco C (91,7%). Non sono ancora disponibili rilevamenti sul meningococco B perché di nuova attivazione.

“Tutti dati – ha tenuto a evidenziare il Presidente – certificati e informatizzati, cosa che nessun’altra Regione in Italia può vantare. Come minimo, prima di introdurre un obbligo, sarebbe necessario che tutti in Italia avessero un sistema di rilevazione come questo. L’avevamo chiesto, ma ci è stato risposto che non era necessario. Ora mi chiedo: viste le alte percentuali esibite dal veneto, accertate in via informatica e quindi sicure, come sono state accertate alcune percentuali vantate da altri territori? Forsa sulla fiducia?”.

A supporto della tesi del Veneto, il Governatore ha anche ricordato che “con una recente delibera di organizzazione delle attività vaccinali abbiamo previsto l’esclusione di un bimbo non vaccinato in quelle strutture nelle quali la copertura minima di sicurezza non sia raggiunta (la cosiddetta “copertura di gregge”), tutelando così come e meglio dell’obbligo gli interessi di salute della collettività”.


Data ultimo aggiornamento: 19/07/2017

luca coletto luca zaia
Archivio Comunicati
Notizia n. 850 del 20/06/2018

ASSEMBLEA A TRIESTE DEL GECT “EUREGIO SENZA CONFINI”: SOTTO LA PRESIDENZA DEL VENETO AVVIATI 5 PROGETTI DI COOPERAZIONE; ORA LA GUIDA PASSA ALLA CARINZIA

20/giu/2018 | Luca Zaia presidente regione veneto Si è tenuta oggi a Trieste, nella sede della Regione Friuli Venezia Giulia, la dodicesima assemblea del Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale (GECT) “Euregio Senza Confini”, a cui aderiscono le Regioni del Veneto e del Friuli Venezia Giulia e il Land austriaco della Carinzia. Il GECT è stato costituito nel 2012 per favorire e promuovere la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale nell’ambito dell’Unione Europea, attuando progetti comuni per lo sviluppo dei rispettivi territori e per le popolazioni di confine coinvolte.

Notizia n. 848 del 19/06/2018

BENETTON E OLIMPIAS GROUP: ASSESSORE REGIONALE AL LAVORO INCONTRA VERTICI AZIENDALI E SINDACATI

19/giu/2018 | assessore Elena Donazzan incontra vertici e sindacati di Benetton Group e Olimpias group

Notizia n. 846 del 19/06/2018

DOMANI PRESIDENTE REGIONE VENETO A TRIESTE PER ASSEMBLEA DEL GECT EUREGIO "SENZA CONFINI"

19/giu/2018 | DOMANI PRESIDENTE REGIONE VENETO A TRIESTE PER ASSEMBLEA DEL GECT EUREGIO "SENZA CONFINI"

Notizia n. 847 del 19/06/2018

SICC E SICC TECH DI ROVIGO: INCONTRO IN REGIONE CON AZIENDE, SINDACATI E RSU

19/giu/2018 | assessore Elena Donazzan su incontro con parti sociali azienda SICC e SICC Tech di Rovigo