CONTROLLI PER LA BALNEAZIONE. ASSESSORE ALL'AMBIENTE: “ACQUE VENETE AL TOP”

Comunicato stampa N° 739 del 19/05/2017
 (AVN) Venezia, 19 maggio 2017 
 
“Anche quest’anno, fin dal primo riscontro effettuato attraverso la campagna di monitoraggio delle acque di balneazione del Veneto prima dell’avvio della stagione 2017, possiamo garantire che dappertutto si potrà fare il bagno in acque pulite, sia in mare che in lago”. Lo afferma l’assessore regionale all’ambiente dopo aver visionato i dati fornitigli da ARPAV, l’Agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto, che ha effettuato le verifiche.
 
“In questo controllo preventivo prima dell’avvio della stagione, come per i successivi – specifica l’assessore –, è stata prevista l’analisi di parametri microbiologici indicatori di contaminazione fecale legata soprattutto agli apporti dei reflui urbani. Ovviamente non ci fermiamo qui, ma proseguiremo per tutta la stagione con controlli periodici”. 
 
Per il 2017 i controlli saranno effettuati su 174 acque di balneazione (95 sul mare Adriatico, 65 sul lago di Garda, 4 sul lago di Santa Croce, 1 sul lago del Mis, 4 sul lago di Centro Cadore, 2 sul lago di Lago, 2 sul lago di Santa Maria e 1 sullo specchio nautico di Albarella) con cadenza almeno mensile durante tutta la stagione balneare per un totale di 147 Km di costa controllata adibita alla balneazione (tra mare e laghi) e di 1.044 campioni programmati, per un totale di 2.088 analisi, senza contare gli eventuali campioni aggiuntivi effettuati in caso di riscontro di anomalie per verificare la persistenza o meno del fenomeno inquinante e identificarne le eventuali cause.
 
“Continua quindi il trend positivo delle nostre acque – sottolinea l’assessore –, che possiamo definire al top visto che negli ultimi anni su un totale di 169 acque di balneazione prese  in esame in Veneto, ben 163 sono risultate di classe ‘eccellente’ e le restanti 6 di classe comunque ‘buona’”.
 
La prossima campagna di monitoraggio, la prima durante la stagione balneare, sarà realizzata tra il 29 e il 31 maggio per il mare Adriatico, per il lago di Garda e per lo specchio nautico di Albarella e tra il 5 e il 7 giugno per i laghi del bellunese e del trevigiano.
 
Come negli anni scorsi, i risultati delle analisi effettuate sulle acque di balneazione saranno regolarmente resi disponibili in tempo reale al pubblico sul sito di Arpav (www.arpa.veneto.it/acqua/htm/balneazione.asp) oltre che inseriti nel “Portale acque di balneazione” del Ministero della Salute (www.portaleacque.salute.gov.it).
 


Data ultimo aggiornamento: 19/05/2017

gianpaolo bottacin ambiente
Archivio Comunicati
Notizia n. 760 del 24/05/2017

TAVOLO TECNICO SPECIFICITA’ DELLA PROVINCIA DI BELLUNO

24/mag/2017 |

Notizia n. 759 del 24/05/2017

LEGGE ISTITUTIVA PARCO INTERREGIONALE DELTA DEL PO IN DISCUSSIONE ALLA CAMERA. ASSESSORE VENETO: “NO A EMENDAMENTI CHE PREFIGURANO L’ISTITUZIONE DI UN PARCO NAZIONALE”

24/mag/2017 | “Sono fortemente preoccupato dagli emendamenti presentati dal PD alla Camera nell’ambito della riforma sulle aree protette che prevedono l’imposizione di un parco nazionale del Delta del Po, in caso di mancata intesa tra le Regioni Veneto ed Emilia Romagna, sulla creazione di un Parco unico interregionale”. Lo dice l’assessore al territorio e ai parchi della Regione del Veneto, che ricorda come la stessa Regione si sia già espressa con una mozione del Consiglio, votata ad ampia maggioranza, con la quale si dichiara assolutamente contraria all’istituzione di un parco nazionale nel Delta del Po.