vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 279 del 21/02/2019

VENETO IN GINOCCHIO. A LOZZO DI CADORE APERTO IL SECONDO PRESIDIO OPERATIVO A SUPPORTO DEI SINDACI DEL CADORE E DEL COMELICO

21/feb/2019 | APERTO A LOZZO DI CADORE IL SECONDO PRESIDIO OPERATIVO A SUPPORTO DEI SINDACI DEL CADORE E DEL COMELICO

Notizia n. 278 del 21/02/2019

INFLUENZA. NONO REPORT VENETO. IN DISCESA L’INCIDENZA. FINORA 366.000 AMMALATI CON 13 DECESSI. LANZARIN, “PICCO SUPERATO MA CONTINUA MASSIMA ATTENZIONE”

21/feb/2019 | INFLUENZA. NONO REPORT VENETO. IN DISCESA L’INCIDENZA. FINORA 366.000 AMMALATI CON 13 DECESSI. LANZARIN, “PICCO SUPERATO MA CONTINUA MASSIMA ATTENZIONE”

Notizia n. 276 del 21/02/2019

VENETO IN GINOCCHIO. DOMANI A BELLUNO LA CONSEGNA DEI PIANI STRAORDINARI DI PROTEZIONE CIVILE. ZAIA: “UNA RISPOSTA CONCRETA E TEMPESTIVA AI SINDACI PER FRONTEGGIARE L’ATTUALE RISCHIO VALANGHE”

21/feb/2019 | A BELLUNO LA CONSEGNA DEI PIANI STRAORDINARI DI PROTEZIONE CIVILE. ZAIA: “UNA RISPOSTA CONCRETA E TEMPESTIVA AI SINDACI PER IL RISCHIO VALANGHE”

“GARA” PER USO CANNULE A VICENZA: ASSESSORE SANITA’ REGIONE, “TRADITI DEONTOLOGIA ED ETICA PROFESSIONALE. BENE LINEA DURA PRESIDENTE”

Comunicato stampa N° 589 del 28/04/2016
(AVN) Venezia, 28 aprile 2016

“La linea dura annunciata dal Presidente della Regione è l’unica possibile. Sono arrabbiato e addolorato perché, aldilà delle conseguenze sul piano disciplinare e giuridico, che mi auguro esemplari, siamo anche di fronte al tradimento della deontologia e dell’etica professionale, che per un operatore della sanità è di una gravità assoluta”.

E’ questo il commento dell’Assessore alla Sanità della Regione Veneto sulla vicenda della “gara” sull’uso e il numero delle cannule per i pazienti che avrebbe visto protagonisti alcuni medici e infermieri dell’Ospedale di Vicenza.

“Sarebbe inaccettabile anche se solo avessero scherzato sul web – aggiunge l’Assessore – ma temo che non sia così. In ogni caso, anche per tutelare il buon nome di decine di migliaia di operatori della sanità veneta che trattano i malati come figli, mi auguro che la cosa possa essere valutata con rigore anche dall’Ordine dei medici, da sempre insostituibile garante del giuramento di Ippocrate. Per parte mia – conclude – chiedo a queste persone di farsi un profondo esame di coscienza, traendone onestamente tutte le conseguenze del caso”.


Data ultimo aggiornamento: 28/04/2016