vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 1999 del 14/12/2018

415MILA EURO AD ASSOCIAZIONI ANTINCENDIO BOSCHIVO. BOTTACIN: "AL LORO FIANCO PER SOSTENERNE L'ECCELLENZA"

14/dic/2018 | 415MILA EURO AD ASSOCIAZIONI ANTINCENDIO BOSCHIVO. BOTTACIN: "AL LORO FIANCO PER SOSTENERNE L'ECCELLENZA"

Notizia n. 1998 del 14/12/2018

AGRICOLTURA: ASSESSORE PAN, “AL VIA CONSULTAZIONE ALLARGATA PER DECIDERE LE PRIORITÀ PER LA NUOVA PAC - CON RISORSE LIMITATE È NECESSARIO FOCALIZZARE GLI OBIETTIVI”

14/dic/2018 | AGRICOLTURA: ASSESSORE PAN, “AL VIA CONSULTAZIONE ALLARGATA PER DECIDERE LE PRIORITÀ PER LA NUOVA PAC - CON RISORSE LIMITATE È NECESSARIO FOCALIZZARE GLI OBIETTIVI”

Notizia n. 1993 del 14/12/2018

SOCIALE: ASSESSORE LANZARIN, “CON FONDO DI ROTAZIONE DA 10 MLN IN CONTO CAPITALE REGIONE FINANZIA SENZA INTERESSI 4 IPAB PER ANZIANI E 6 ENTI PER DISABILI”

14/dic/2018 | SOCIALE: ASSESSORE LANZARIN, “CON FONDO DI ROTAZIONE DA 10 MLN IN CONTO CAPITALE REGIONE FINANZIA SENZA INTERESSI 4 IPAB PER ANZIANI E 6 ENTI PER DISABILI”

Notizia n. 1997 del 14/12/2018

PORTALE WEB PER LEGGERE IL BILANCIO DELLA REGIONE: VICEPRESIDENTE FORCOLIN, “IN 4 ANNI RIDOTTO IL DISAVANZO DI QUASI 1 MLD, SENZA AUMENTARE LA PRESSIONE FISCALE”

14/dic/2018 | PORTALE WEB PER LEGGERE IL BILANCIO DELLA REGIONE: VICEPRESIDENTE FORCOLIN, “IN 4 ANNI RIDOTTO IL DISAVANZO DI QUASI 1 MLD, SENZA AUMENTARE LA PRESSIONE FISCALE”

Notizia n. 1996 del 14/12/2018

CACCIA: REGIONE PROROGA STOP VENATORIO SINO AL 10 FEBBRAIO 2019 NELLE AREE INTERESSATE DA SCHIANTI, FRANE E CANTIERI DI RIPRISTINO

14/dic/2018 | CACCIA: REGIONE PROROGA STOP VENATORIO SINO AL 10 FEBBRAIO 2019 NELLE AREE INTERESSATE DA SCHIANTI, FRANE E CANTIERI DI RIPRISTINO

STATISTICA. CULTURA: NODO STRATEGICO PER LA CRESCITA

Comunicato stampa N° 667 del 22/04/2015
(AVN) – Venezia, 22 aprile 2015

La cultura è un fattore importante nella costruzione di una “industria della creatività”, con evidenti risvolti economici in termini di imprenditorialità e occupazione, ma anche sotto il profilo sociale. In questi anni di crisi è calata la spesa delle famiglie in questo ambito, ciononostante in Veneto la quota destinata mensilmente a queste attività è di 121 euro, valore superiore a quello della media italiana che è di 94 euro. A farlo rilevare è il vicepresidente e assessore alla cultura con riferimento alle ultime elaborazioni statistiche della Regione su questo tema.

L’offerta culturale veneta è notevole e molto varia: il numero di spettacoli nel 2013 è stato di 181 mila, che, se il calcolo fosse fatto su base giornaliera, significherebbe quasi 500 spettacoli al giorno. A tali manifestazioni hanno partecipato tra residenti e turisti 23,2 milioni di persone. Con 8 milioni di ingressi i più gettonati sono i cinema, seguiti dalle mostre ed esposizioni (3,8 milioni) e dai parchi di divertimento (3,5 milioni). Tra l’altro il Veneto è leader mondiale nella produzione di giostre.

Le manifestazioni culturali hanno generato nel 2013 un volume d’affari di oltre 636 milioni di euro comprendendo, oltre a quanto pagato per l'acquisto di biglietti e abbonamenti, anche le altre spese del pubblico (prevendite, prenotazioni, guardaroba, consumazioni al bar) e proventi come gli introiti per prestazioni pubblicitarie, sponsorizzazioni, finanziamenti pubblici e privati, riprese televisive, ecc. Prendendo in considerazione tutte le attività che costituiscono il sistema culturale si può calcolare che il valore aggiunto prodotto dalla cultura in Veneto nel 2013 sia stato pari a 8.311 milioni di euro. Praticamente in Veneto la cultura produce il 6,3% del PIL regionale e contribuisce per l’11,1% al PIL generato dalla cultura a livello nazionale. Il Veneto è la terza regione per produzione di ricchezza da parte della filiera culturale in Italia.

Gli occupati di tutta la filiera culturale veneta sono 160 mila, l’11,5% rispetto al corrispondente dato nazionale. Sono invece quasi 11 mila gli occupati nelle attività strettamente legate alla cultura, ossia convegni e fiere, rappresentazioni artistiche e attività di supporto, creazioni artistiche e letterarie, attività di musei, gestione di strutture artistiche, di luoghi e monumenti storici, attività degli orti botanici, dei giardini zoologici e delle riserve naturali. Rispetto alla contrazione complessiva del mercato del lavoro, questo specifico settore è in crescita: dal 2012 al 2013 i lavoratori sono aumentati di oltre 3.000 unità.



Data ultimo aggiornamento: 22/04/2015

cultura e spettacolo marino zorzato statistica