Rafforzamento del sistema cooperativo 

 

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti e per la ricapitalizzazione delle cooperative venete - L.R. 17/2005

Legge regionale nr. 17/2005,  per la concessione di agevolazioni finanziarie in conto interessi alle Piccole e Medie Imprese (PMI) che attuano processi di rafforzamento finanziario e patrimoniale, al fine del rinnovamento e dello sviluppo aziendali.
I finanziamenti agevolati sono concessi, tramite l'utilizzo di apposito fondo istituito presso Veneto Sviluppo S.p.A,
per la realizzazione di progetti di investimento in beni strumentali, materiali e immateriali, finalizzati all'avvio di nuove imprese cooperative ed allo sviluppo di quelle esistenti.
Accedi alla modulistica sul sito di Veneto Sviluppo spa.

In base alla suddetta legge regionale, sono, inoltre, finanziati annualmente dei progetti comuni proposti dalle associazioni rappresentative del movimento cooperativo.

 

Fondo di rotazione per la partecipazione minoritaria e temporanea al capitale di rischio di PMI cooperative

 

OBIETTIVO: favorire il rafforzamento patrimoniale del sistema produttivo cooperativo.

La Regione del Veneto ha stanziato 2,2 milioni di Euro per l'iniziale costituzione di un fondo di rotazione, gestito dalla finanziaria regionale Veneto Sviluppo SpA, per l'assunzione da parte di Veneto Sviluppo spa, in qualità di socio sovventore o di socio finanziatore, di partecipazioni minoritarie e temporanee al capitale di rischio di PMI, situate nel territorio regionale, che abbiano la forma di società cooperative.
 Il fondo ha iniziato ad operare dal 1 ottobre 2012. Le domande le domande possono essere presentate, secondo la modalità "a sportello".
Le acquisizioni di partecipazioni azionarie da parte di Veneto Sviluppo, che svolgerà l'attività tipica di una merchant bank, sono effettuate a fronte di investimenti, proposti da piccole e medie imprese, costituite in forma di società cooperative per azioni. In conformità ad una consolidata prassi comunemente adottata dagli operatori di mercato, sono valutate proposte dalle imprese anche nella fase di "early stage", economicamente sane, patrimonialmente e finanziariamente equilibrate, guidate da un management capace, con una struttura organizzativa di elevata professionalità e, soprattutto, dotate di interessanti prospettive di sviluppo in termini di fatturato e di margini reddituali e con significative capacità di generare cash flow.
Il portafoglio delle partecipazioni, detenuto dalla finanziaria regionale, dovrà essere strutturato applicando opportuni criteri di diversificazione dei rischi.
Al fine di agevolare la fruizione delle agevolazioni non ę stata prevista una particolare specializzazione per settori economici allo scopo di non introdurre elementi di rigidità nella determinazione delle operazioni da realizzare.
E'  ammessa la possibilità di realizzare investimenti in compartecipazione (operazioni in pool), al fine sia di consolidare le relazioni esistenti con altri soggetti investitori nel capitale delle società cooperative, sia di diversificare il rischio connesso alle operazioni.
Le operazioni poste in atto possono essere di importo compreso fra Euro 150.000,00 ed Euro 200.000,00, in applicazione della normativa in materia di aiuti di Stato "de minimis" - Regolamento della Commissione Europea  n. 1998/2006 del 15 Dicembre 2006.
La durata delle operazioni può estendersi  fino a 5 anni, salvo diverso accordo contrattuale che preveda una permanenza nella compagine sociale della cooperativa fino a 7 anni.

Accedi al sito di Veneto sviluppo Spa



Data ultimo aggiornamento: 22/01/2013