Restauro beni mobili

Interventi di salvaguardia di beni mobili, di proprietà di Comuni con popolazione inferiore ai trentamila abitanti, che abbiano particolare valore storico e artistico.

L.R. 29 dicembre 2017, n. 45, art. 65

Restauro beni mobili


La Regione del Veneto, con legge regionale 29 dicembre 2017, n. 45, art. 65, ha disposto misure di sostegno a interventi di restauro di beni culturali mobili, aventi particolare valore storico e artistico, che non risultino inseriti in percorsi o raccolte museali, risalenti almeno al diciannovesimo secolo, di proprietà di Comuni con un numero di abitanti inferiore ai trentamila. Lo stanziamento per l’esercizio 2018 ammonta a 150.000,00 euro. L’articolo di legge stabilisce che le risorse vengano assegnate tramite apposito bando, tenendo conto di alcuni parametri essenziali, come la datazione, lo stato di conservazione, la collocazione, la tipologia e la rilevanza storico artistica e culturale dei beni; a ciò si aggiunge un ulteriore elemento, dato dalla natura dei programmi di spesa, nel considerare la presenza di finanziamenti eventualmente assegnati da altri Enti, quali banche e fondazioni, per l’attuazione degli interventi.

I criteri, le modalità e il Bando per la presentazione delle domande e l’erogazione dei contributi sono stati approvati con Deliberazione della Giunta Regionale n. 1130 del 31/07/2018  [file .pdf, 623KB]; in esecuzione di quest’ultimo provvedimento, le risultanze dell’istruttoria e della valutazione, nonché la relativa graduatoria di merito e l’assegnazione dei contributi, sono state approvate con Decreto del Direttore della Direzione Beni Attività Culturali e Sport n. 557 del 12/12/2018  [file .pdf, 414KB], pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 29S del 29/03/2019.



Data ultimo aggiornamento: 16 aprile 2019