Zona Logistica Semplificata (ZLS): Porto di Venezia e Rodigino

 

Il Decreto Legge 20 giugno 2017, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2017, n. 123, ha previsto, agli articoli 4 e 5, l’istituzione delle cosiddette “Zone Economiche Speciali” (di seguito per brevità “ZES”); per ZES si intende una zona geograficamente delimitata e chiaramente identificata, costituita anche da aree non territorialmente adiacenti purché presentino un nesso economico funzionale e che comprenda almeno un'area portuale con le caratteristiche stabilite dal Regolamento (UE) n. 1315 dell'11 dicembre 2013, collegata alla rete transeuropea dei trasporti (TEN-T). Ai fini dell’esercizio di attività economiche e imprenditoriali, le aziende già operative e quelle che si insedieranno nella ZES possono beneficiare di specifiche agevolazioni fiscali, in relazione alla natura incrementale degli investimenti e delle attività di sviluppo di impresa, nonché di semplificazioni amministrative.

La Legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge di bilancio 2018), art. 1, commi 61-65, ha provveduto ad estendere la disciplina delle ZES alle regioni “più sviluppate”, tra cui rientra il Veneto, mediante l’istituzione delle "Zone Logistiche Semplificate" (ZLS)

Il Porto di Venezia rappresenta un attore rilevante per il settore dei trasporti dell’Unione Europea, che l’ha incluso nella lista dei porti marittimi prioritari della rete trans-europea di trasporto (TEN-T); esso possiede, quindi, i requisiti per fungere da fulcro attorno al quale procedere alla definizione di una ZLS collocata in Veneto. 

Al fine di pervenire alla creazione di una Zona Logistica Semplificata (ZLS) che possa interessare le aree del Comune di Venezia e della Provincia di Rovigo individuate dalla Carta degli aiuti di Stato a finalità regionale 2014-2020, con deliberazione di Giunta regionale n. 550 del 5 maggio 2020 è stato istituito il "Tavolo tematico Zona Logistica Semplificata Porto di Venezia-Rodigino". 

Il Tavolo tematico ha il compito di individuare i più adeguati strumenti conoscitivi e valutativi degli effetti della ZLS per l'area interessata, definire un cronoprogramma nell'esecuzione dei necessari passaggi procedurali richiesti dalla normativa nazionale e stabilire le modalità di implementazione degli stessi, anche mediante la stima delle risorse finanziarie e professionali da destinare all'iniziativa. L'attività svolta dal Tavolo tematico, in particolare, è orientata a definire gli elementi sostanziali e procedurali per l'istituzione delle ZLS, prevedendo che l'iter stesso sia avviato sulla base di una proposta, corredata da un Piano di sviluppo strategico, da parte delle regioni interessate.

Un Protocollo d'intesa è stato successivamente sottoscritto tra la Regione del Veneto e la Camera di Commercio Venezia Rovigo (deliberazione di Giunta regionale n. 1239 del 1 settembre 2020) per la realizzazione degli adempimenti connessi alla redazione del "Piano di sviluppo strategico", da presentare alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito delle procedure di istituzione della ZLS.



Data ultimo aggiornamento: 19 novembre 2020