Bostrico tipografo (Ips typographus L.)

 

Linee guida regionali di difesa dal bostrico

A seguito degli eventi meteorici del 28, 29 e 30 ottobre 2018, meglio noti come tempesta Vaia, che hanno provocato estesi ed intensi schianti da vento al patrimonio forestale della Regione del Veneto, la questione fitosanitaria è divenuta elemento di cruciale importanza in riferimento all’azione di controllo degli attacchi parassitari da parte del bostrico tipografo, in particolare a carico dei popolamenti forestali caratterizzati da una elevata presenza di abete rosso.
Per contrastare per quanto possibile la diffusione del bostrico, sono pubblicate le Linee Guida regionali  per la difesa dei popolamenti forestali da questo insetto.
Da un’analisi della biologia riproduttiva del bostrico, alla descrizione dei fattori di vulnerabilità di determinati popolamenti forestali, le presenti linee guida entrano nel merito della descrizione delle operazioni selvicolturali più idonee al contrasto delle pullulazioni nonché dei procedimenti autorizzativi per l’allontanamento delle piante infettate.
 
 

Strategia per il contrasto dell’infestazione del bostrico tipografo

Come conseguenza della tempesta Vaia dell’ottobre del 2018, si sta sviluppando la più ampia infestazione da bostrico tipografo dell’abete rosso mai osservata sulle Alpi meridionali, che sta provocando un’ulteriore perdita di risorse forestali. Le piante sopravvissute alla tempesta sono infatti estremamente vulnerabili all’attacco dell’insetto, che si nutre scavando gallerie sotto la corteccia portando gli alberi al completo disseccamento, in parte perché indebolite e in parte per la grande pressione dell’insetto (fase epidemica).
Sono numerose le azioni già intraprese all’indomani di Vaia, in stretto coordinamento tra le strutture regionali competenti per il settore forestale e fitosanitario, con il supporto di Veneto Agricoltura e l’apporto scientifico del dipartimento DAFNAE dell’Università di Padova.
Considerato il crescente impatto sui boschi del Veneto in tutte le loro funzioni (produttiva, protettiva, paesaggistica) causato dall’infestazione, destinata a perdurare ancora qualche anno, si è ritenuto di delineare organicamente le iniziative per il contrasto al bostrico nel documento “ Strategia regionale per il contrasto del bostrico tipografo (Ips typographus L.) in Veneto", dando un inquadramento unitario alle attività già attivate, in corso e programmate.
Le 6 linee di intervento previste spaziano dal costante monitoraggio attivo dell’evolversi della situazione, anche con strumenti innovativi, alla corretta informazione sul fenomeno, con azioni di comunicazione e un portale webGIS dedicato, ad azioni di supporto ai necessari interventi selvicolturali, fino a prefigurare il ripristino delle cenosi forestali colpite.
 
 

Monitoraggio dell'infestazione da bostrico

Per verificare l’evolversi della diffusione del bostrico, anche in Veneto sono state prontamente attivate le necessarie azioni di monitoraggio, operando su due fronti: 
- monitoraggio puntuale tramite trappole dell’evoluzione della popolazione dell’insetto e rilevamento diretto dei nuclei di infestazione; 
- monitoraggio delle superfici forestali danneggiate rilevabili da dati satellitari Sentinel-2 e definizione delle aree prioritarie di intervento.
Tutte queste informazioni cartografiche sono raccolte in un visualizzatore geografico dedicato all'evento Vaia ed al monitoraggio dell'infestazione da Bostrico tipografo.


Data ultimo aggiornamento: 05 agosto 2022