Dettaglio contenuto Dettaglio contenuto

NextGenerationEU - Raccolti 20 miliardi di € dalla Commissione europea nella prima operazione per sostenere la ripresa dell'Europa

09 luglio 2021

Il 15 giugno 2021, la Commissione europea ha svolto la prima operazione nell’ambito di NextGenerationEU, raccogliendo 20 miliardi di euro attraverso un’obbligazione a 10 anni per il finanziamento della ripresa dell’Europa dalla crisi di COVID-19. È la più grande emissione di obbligazioni istituzionali mai effettuata in Europa in un unica tranche.

NextGenerationEU è uno strumento finalizzato a raccogliere fondi per il sostegno della ripresa dell'Europa dalla pandemia di COVID-19 e contribuire a costruire un'Europa più verde, più digitale e più resiliente. La Commissione europea reperirà sui mercati dei capitali, per conto dell'UE, fino a circa 800 miliardi di euro entro la fine del 2026. 407,5 miliardi di euro verranno utilizzati sotto forma di sovvenzioni nell'ambito dei PNRR degli Stati Membri e di altri Programmi finanziati dal bilancio dell'UE mentre 386 miliardi di euro verranno resi disponibili sotto forma di prestiti.

Entro la fine del 2021 la Commissione prevede di raccogliere circa 80 miliardi di € in obbligazioni, da integrare con i buoni dell'UE a breve termine. L'importo preciso delle obbligazioni dell'UE e dei buoni dell'UE dipenderà dalle specifiche esigenze di finanziamento, e la Commissione riesaminerà in autunno la valutazione iniziale. Il piano di finanziamento verrà pubblicato a scadenze regolari, informando gli investitori dell’ammontare dei finanziamenti. In linea con le migliori pratiche di mercato, la Commissione emetterà buoni solamente attraverso aste. La prima emissione è prevista per settembre 2021, una volta che la piattaforma di NextGenerationEu sarà attiva.

Il prossimo piano di finanziamento, che coprirà il periodo da gennaio a giugno 2022, sarà pubblicato in tempo per l’inizio delle attività nel primo semestre del 2022.

Nonostante l’inizio delle emissioni di titoli in seguito al NextGenerationEU, la Commissione continuerà a utilizzare gli altri programmi di finanziamento. Nel 2021 la Commissione emetterà 5 miliardi di euro attraverso il Meccanismo Europeo di Stabilità Finanziaria (EFSM), previsto per il mese di luglio, e 1,8 miliardi di euro attraverso il programma di Macro-Financial Assistance.

Allo scopo di assicurare il pagamento delle obbligazioni, la Commissione seguirà le migliori pratiche del settore e attuerà una strategia di finanziamento diversificata. Queste obbligazioni hanno suscitato notevole interesse da parte degli investitori in Europa e nel mondo, permettendo alla Commissione di ottenere condizioni di prezzo favorevoli, in modo analogo a quelle utilizzate nell’ambito del programma SURE.

Nelle parole di Ursula von der Leyen – Presidente della Commissione europea: “Si tratta di un investimento nel nostro mercato unico e, ancora più importante, di un investimento nel futuro delle prossime generazioni dell'Europa, che devono affrontare le sfide della digitalizzazione e dei cambiamenti climatici. I fondi possono adesso cominciare ad affluire per contribuire a ridefinire il nostro continente affinché si possa costruire un'Europa più verde, più digitale e più resiliente.”



Data ultimo aggiornamento: 09 luglio 2021