Dettaglio contenuto Dettaglio contenuto

Adottato InvestEU: strumenti finanziari per favorire la ripresa e investire nelle priorità politiche dell’UE

06 maggio 2021

 

Il 26 marzo 2021, data della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, è entrato in vigore InvestEU, il nuovo Programma europeo per gli investimenti.

Approvato dal Parlamento Europeo il 9 marzo con 496 voti a favore, 57 contrari e 144 astensioni, InvestEU potrà attivare una garanzia di bilancio di 26,2 miliardi di euro volta ad attrarre investimenti privati in aree chiave per lo sviluppo strategico dell’UE, con l’obiettivo di favorire la ripresa dalla pandemia e la doppia transizione verde e digitale. Il Programma riunisce gli strumenti finanziari che hanno lo scopo di favorire investimenti pubblici e privati essenziali per la crescita economica e per la ripresa dalla crisi causata dalla pandemia di COVID-19. Sarà articolato in quattro finestre di finanziamento:
    • infrastrutture sostenibili, con una garanzia di 9,9 miliardi;
    • ricerca, innovazione e digitalizzazione, con una garanzia di 6,6 miliardi;
    • piccole e medie imprese, con una garanzia di 6,9 miliardi;
    • investimenti sociali e competenze, con una garanzia di 2,8 miliardi.

Come spiegato in seduta plenaria dall’Onorevole José Maria Fernandes (PPE), relatore del testo insieme all’Onorevole Irene Tinagli (S&D), il Regolamento del Programma prevede la possibilità per gli Stati membri di allocare fino al 5% dei fondi strutturali e fino al 4% della dotazione nazionale della Recovery and Resilience Facility per costituire una garanzia nazionale nell’ambito di InvestEU. Il Parlamento ha inoltre ottenuto la reintroduzione dello strumento di sostegno alla solvibilità, volto a garantire sostegno di capitale alle PMI in difficoltà a seguito dell’impatto della crisi generata dalla pandemia. Il 30% degli investimenti nell’ambito di InvestEU dovrà contribuire alla realizzazione degli obiettivi climatici dell’UE e tutti i progetti di investimento saranno valutati sulla base del principio "non arrecare un danno significativo" dal punto di vista ambientale. Il Programma prevede infine un regime specifico per una transizione giusta, che sosterrà investimenti destinati alle zone più colpite dalle conseguenze socioeconomiche della transizione verde.

Il Programma si basa sull’esperienza del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) e, tramite la garanzia che istituisce, permetterà ai partner di investimento di assumere rischi maggiori e sostenere così progetti ad alto rischio, anche attraverso il ricorso a intermediari finanziari. Nella nuova programmazione, i partner di investimento saranno il Gruppo BEI (composto dalla Banca europea per gli investimenti e dal Fondo europeo per gli investimenti), le banche nazionali di promozione e altre istituzioni finanziarie internazionali. Proprio per garantire un uso efficiente delle risorse e incentivare investimenti privati, oltre al fondo di garanzia, il Programma prevede l’InvestEU Advisory Hub – che fornirà supporto e assistenza tecnica, contribuendo all’identificazione, alla preparazione e allo sviluppo di progetti di investimento – e l’InvestEU portal – una piattaforma contenente le opportunità di investimento presenti nell’UE, volta a mettere in contatto gli investitori e i promotori di progetti. Secondo le stime della Commissione Europea, InvestEU consentirà di attrarre almeno 370 miliardi di euro in investimenti.

 



Data ultimo aggiornamento: 09 giugno 2021