Crea/Mostra articolo

Abitare al Femminile


Commissione Pari Opportunità e Istituto Nazionale di Urbanistica del Veneto

Con questa ricerca desideriamo analizzare i luoghi dell'abitare e le politiche in atto su questo tema a partire da alcuni valori, come quello della cittadinanza e del senso di appartenenza ai luoghi, per capire come questi si traducano nell'esperienza quotidiana.

Lo facciamo attraverso la voce delle donne che consideriamo un consumatore esperto della città, troppo spesso trascurato, vittima assieme ai vecchi e ai bambini della disorganizzazione urbana.

Le donne misurano la qualità dei servizi pubblici, l'accessibilità dei luoghi, la vita domestica, la qualità dei luoghi di lavoro, la distribuzione della rete commerciale, l'organizzazione dei tempi e degli orari.  Vivono la città dei bambini e conoscono la qualità dei servizi scolastici, la città dei giovani e dei luoghi di incontro, la città della famiglia e dei servizi sociali, la città del lavoro e dello svago, la cittù degli anziani e dell'assistenza. Sono particolarmente sensibili alla qualità dell'ambiente, alla mobilità sostenibile, alla sicurezza.

Le donne attraverso l'uso della città sono generatrici di spazi e luoghi di incontro, trasformano gli spazi urbani.

Ricerca abitare al Femminile [file pdf 9,46 mb]
Data pubblicazione febbraio 2012


 

Percorso di ricerca

Prima fase: costruzione del quadro di riferimento
Analisi della realtà femminile nel Veneto a partire da acluni dati di livello regionale e con approfondimenti in zone campione: città capoluogo, centri minori, edilizia diffusa.

Seconda fase: costruzione delle mappe percettive
Questa fase si svolge attraverso indagini a campione e interviste a un campione scelto e significativo di donne per definire alcune mappe sensoriali, di uso e percezione dei luoghi.

Terza fase: analisi di alcune situazioni urbane
Verrà effettuato un monitoraggio dei diversi modelli di vita e delle diverse aspettative ed esigenze che ciascuna tipologia insediativa (città, centro minore, zone agricole, comuni montani, aree turistiche), esprime in modo da fornire un supporto alle politiche urbane non generico, ma calato sulla specificità.

Quarta fase: ipotesi progettuale
A partire dai casi di studio analizzati verrranno individuati i realtivi indicatori di monitoraggio per misurarne la qualità e la reale fruibilità per le donne

Quinda fase: Azioni
Il risultato delle fasi precedenti porterà ad una serie di azioni che avranno relativi destinatari.

news


Progetto "Abitare al Femminile" vola a Roma
Il 13 maggio dall ore 9.30 alle 13.30, sarà presentata la ricerca dal titolo  “Progetto abitare al femminile” della Commissione Pari Opportunità della Regione del Veneto realizzata in collaborazione con l’INU sezione del Veneto. 

L'occasione è quella della prima Biennale dello spazio pubblico organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica sezione Lazio, in collaborazione con le sezioni di Veneto, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Puglie che si svolgerà  a Roma dal 12 al 14 maggio p.v.

In questo prestigioso appuntamento l’esempio veneto verrà confrontato con quello di altre regioni d’Italia impegnate nella realizzazione e conclusione di esperienze analoghe a quelle del Veneto sulle diverse modalità di utilizzo dello spazio pubblico. Il progetto si po ne l’obiettivo di concepire e capire, dalla voce delle donne, cosa significa nell’esperienza quotidiana un abitare realmente al femminile. Interviene la presidente della Commissione Pari Opportunità Simonetta Tregnago



Data ultimo aggiornamento: 24/12/2012