Archivio Comunicati
Notizia n. 1205 del 23/07/2019

RIUNITO TAVOLO MODA. ASSESSORE DONAZZAN, “UN CAMPO SEMPRE BELLO E AFFASCINANTE, RILANCIAMO LA FORMAZIONE E IL RACCORDO TRA SCUOLA E LAVORO”

23/lug/2019 | RIUNITO TAVOLO MODA. ASSESSORE DONAZZAN, “UN CAMPO SEMPRE BELLO E AFFASCINANTE, RILANCIAMO LA FORMAZIONE E IL RACCORDO TRA SCUOLA E LAVORO”

Notizia n. 1203 del 23/07/2019

PIANO REGIONALE DEI TRASPORTI. ASSESSORE DE BERTI A CONSIGLIERE BARTELLE: “LEGGILO CON PIÙ ATTENZIONE”

23/lug/2019 | Risponde così l’assessore alle infrastrutture e ai trasporti della Regione del Veneto, Elisa De Berti, ai giudizi negativi espressi dal consigliere regionale Patrizia Bartelle sul Piano Regionale dei Trasporti, presentato all’inizio del mese di luglio dalla Giunta e oggetto in queste settimane di confronto e consultazione con incontri svoltisi nelle sette province venete insieme alle organizzazioni economiche e sociali.

Notizia n. 1204 del 23/07/2019

SOCIALE. LANZARIN, “NUOVI CRITERI PER FONDO DI ROTAZIONE CON 20 MILIONI IN 2 ANNI PER EDIFICI A DESTINAZIONE SOCIO SANITARIA. TUTTO SU ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI”

23/lug/2019 | SOCIALE. LANZARIN, “NUOVI CRITERI PER FONDO DI ROTAZIONE CON 20 MILIONI IN 2 ANNI PER EDIFICI A DESTINAZIONE SOCIO SANITARIA. TUTTO SU ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI”

Notizia n. 1202 del 23/07/2019

CIMICE ASIATICA: ASSESSORE PAN “CALAMITA’ COME LA XYLELLA AL SUD. URGE TAVOLO MINISTERIALE E STANZIAMENTO DI RISORSE STRAORDINARIE PER INDENNIZZARE GLI AGRICOLTORI”

23/lug/2019 | CIMICE ASIATICA: ASSESSORE PAN “CALAMITA’ COME LA XYLELLA AL SUD. URGE TAVOLO MINISTERIALE E STANZIAMENTO DI RISORSE STRAORDINARIE PER INDENNIZZARE GLI AGRICOLTORI”

Notizia n. 1201 del 23/07/2019

COLLINE DEL PROSECCO DI CONEGLIANO E VALDOBBIADENE PATRIMONIO UNESCO. IN ARRIVO LINEE GUIDA E PIANI DI GESTIONE

23/lug/2019 | COLLINE DEL PROSECCO DI CONEGLIANO E VALDOBBIADENE PATRIMONIO UNESCO. IN ARRIVO LINEE GUIDA E PIANI DI GESTIONE

NUOVA ASSE LABORATORI DELL’ISTITUTO ZOOPROFILATTICO DELLE VENEZIE. ZAIA: “LA SICUREZZA ALIMENTARE È TRA LE GRANDE SFIDE DI QUESTA SOCIETA’

Comunicato stampa N° 424 del 20/03/2019
 (AVN) Venezia, 20 marzo 2019
 
“Tra le grandi sfide a cui è chiamata la nostra società c’è quella della sicurezza alimentare. Il Veneto è la seconda realtà agricola italiana, il 40% delle carni prodotte in Italia proviene dalla nostra regione. In questo settore le aziende venete valgono circa 6 miliardi di euro; la parola agricoltura da noi non è un amarcord ma significa realtà, innovazione, imprenditoria anche giovanile. Per questo la nuova asse laboratori dell’Istituto Zooprofilattico delle Venezie è una grande opera, che sarà importante riferimento per tutto il settore produttivo”.
 
Sono parole del presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, intervenuto oggi a Legnaro (Padova) all’inaugurazione dell’Asse Centrale Laboratori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie. Un’opera, realizzata su una superficie di 4500 metri quadrati distribuiti su 3 livelli, grazie ad un investimento di oltre 7 milioni di euro (i lavori sono iniziati nell’ottobre del 2016 e si sono conclusi alla fine dell’anno passato).
 
“Dalla sicurezza alimentare – prosegue il Governatore – non può essere disgiunto il grande tema delle malattie infettive veterinarie con i problemi che possono rappresentare nella convivenza tra uomo e animali. Quello che viene fatto in questi laboratori è un lavoro unico. Spiace constatare come spesso noi siamo malati di esterofilia e finiamo col ritenere che le cose migliori siano sempre in altri paesi. Dopo, magari, si guardano i dati reali e ci si accorge che non è così. Questo vale anche per la rete dei controlli veterinari; la verità è che quelli più precisi, più puntuali e regolari, soprattutto più rispettosi del mandato sono quelli fatti nei nostri istituti”.
 
La struttura inaugurata, che tra le varie attività ospita anche il laboratorio di riferimento europeo per l’influenza aviaria e alcuni centri collegati alla Fao e all’Oie (Organizzazione Mondiale della Sanità animale), è un nuovo traguardo d’eccellenza dell’Istituto triveneto che – per il Veneto, il Trentino Alto Adige e il Friuli Venezia Giulia - è deputato a tutelare la salute pubblica interfacciandosi con allevatori e sanitari per i problemi collegati all’attività zootecnica, occupandosi di prevenzione, ricerca e assistenza nel campo della sicurezza alimentare, del benessere animale e delle problematiche connesse all’interazione uomo-animale. Realizzata nel grande complesso della sede centrale (cui fanno riferimento 400 lavoratori dei 650 di tutto l’ente), l’Asse Centrale Laboratori si articola in nuovi e moderni locali, riservati ad attività scientifiche, sanitarie e tecniche, dove lavorano oltre 80 operatori fra medici veterinari, biologi, tecnici di laboratorio e personale amministrativo. 
 


Data ultimo aggiornamento: 20/03/2019