vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 808 del 20/05/2019

MALTEMPO IN POLESINE: ASSESSORE REGIONALE AL TERRITORIO SEGUE LA SITUAZIONE

20/mag/2019 | L’assessore regionale al territorio e alla cultura sta seguendo da vicino l’evolversi della situazione maltempo in Polesine Cristiano Corazzari

Notizia n. 807 del 20/05/2019

MERCOLEDI’ A TAIBON AGORDINO E AGORDO (BL) ULTIMO APPUNTAMENTO CON L’ESERCITAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE DI “SCUOLA SICURA VENETO”

20/mag/2019 | MERCOLEDI’ A TAIBON AGORDINO E AGORDO (BL) ULTIMO APPUNTAMENTO CON L’ESERCITAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE DI “SCUOLA SICURA VENETO”

Notizia n. 806 del 20/05/2019

PRESENTATA A ROVIGO DALL’ASSESSORE REGIONALE LA NUOVA LEGGE QUADRO SULLA CULTURA NEL VENETO

20/mag/2019 | Cristiano Corazzari Con queste parole l’assessore regionale alla cultura ha presentato stamane a Rovigo, nella sede della Camera di Commercio, la nuova legge quadro della cultura

Notizia del 20/05/2019

METEO: ANCORA PIOGGE IN VENETO, ALLERTA ARANCIONE PER IL BACINO DEL BACCHIGLIONE, ALLERTA GIALLA PER ALTO BRENTA E ALPONE

20/mag/2019 | METEO: ANCORA PIOGGE IN VENETO, ALLERTA ARANCIONE PER IL BACINO DEL BACCHIGLIONE, ALLERTA GIALLA PER ALTO BRENTA E ALPONE

Notizia n. 804 del 20/05/2019

REGIONE CONSEGNA A VVFF VENETO ATTREZZATURE PER 270 MILA EURO. GOVERNATORE, “PREZIOSI PER ABNEGAZIONE E INTEGRAZIONE CON PROTEZIONE CIVILE. VISTI RISULTATI CON TEMPESTA VAIA E MALTEMPO PIU’ RECENTE”.

20/mag/2019 | REGIONE CONSEGNA A VVFF VENETO ATTREZZATURE PER 270 MILA EURO. GOVERNATORE, “PREZIOSI PER ABNEGAZIONE E INTEGRAZIONE CON PROTEZIONE CIVILE. VISTI RISULTATI CON TEMPESTA VAIA E MALTEMPO PIU’ RECENTE”.

LA REPLICA DI BOTTACIN AL SENATORE FERRAZZI: “VENETO ATTENTO E SEMPRE AL FIANCO DEGLI INQUIRENTI PER AZZERARE LE MAFIE”

Comunicato stampa N° 273 del 20/02/2019
 (AVN) – Venezia, 20 febbraio 2019
 
“Come ho sempre e in svariate occasioni affermato, le infiltrazioni mafiose vanno uccise, annientate, azzerate!! Concetti che ho ribadito non più tardi di una settimana fa anche a un seminario organizzato dalla Prefettura di Venezia sugli impianti di trattamento rifiuti a cui ho partecipato in veste di relatore. Peccato che in tale circostanza non ci fosse il senatore Ferrazzi. Probabilmente ha perso una buona occasione per scoprire, tra le altre cose, ad esempio che gli incendi in Veneto dal 2014 al 2017 sono stati ventisette, numeri decisamente inferiori ad altre regioni del Nord Italia come Lombardia e Piemonte; senza ovviamente scomodare altre realtà come la Campania o il Lazio. I dati ufficiali inoltre evidenziano che negli ultimi venticinque anni su base provinciale il numero di incendi che hanno coinvolto sostanze classificate come rifiuti vede ai primi tre posti Napoli, Roma e Palermo, mentre la prima provincia del Nord è Torino al nono posto. Nessuna provincia veneta in posizioni rilevanti. Ma ciò non vuol dire che stiamo sottovalutando il problema. Anzi.”.
 
Questa la replica secca e basata su numeri concreti con cui l’assessore regionale all’Ambiente e Protezione Civile Gianpaolo Bottacin rimanda al mittente le “dichiarazioni con cui il senatore tenta strumentalmente di far passare il Veneto per quello che non è”.
 
“E’ vero invece – aggiunge - l’esatto contrario di quanto goffamente Ferrazzi vorrebbe far credere: la Regione Veneto garantisce il massimo supporto agli inquirenti nella lotta agli illeciti ambientali senza se e senza ma. Cosa che forse non è così  scontata da altre parti d'Italia. Pertanto non provi neppure per scherzo a farci passare per discoli o per quelli che sottovalutano il problema”.
 
“Non a caso da tempo abbiamo attivato una convenzione con i Carabinieri dei Nuclei Operativi Ecologici, a cui garantiamo massimo supporto e collaborazione, e successivamente ulteriori convenzioni con i Carabinieri Forestali e con i Vigili del Fuoco. Non solo: come Regione, proprio a seguito di queste positive collaborazioni per la lotta agli illeciti, abbiamo promosso un tavolo interistituzionale, che è stato avviato su mia iniziativa nel 2018 in materia di emergenze ambientali, a cui partecipano oltre a Carabinieri dei NOE e Vigili del Fuoco, Arpav, Università di Padova e Anci. Tavolo che, proprio in sede di audizioni della Commissione Ecoreati, è stato definito dal comandante del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco un modello virtuoso da esportare a livello nazionale… Forse Ferrazzi, pur facendo parte della Commissione, anche in quell’occasione come in altre era un po’ distratto”.
 
“Non posso poi non trovare davvero imbarazzante – puntualizza Bottacin - l’affermazione in cui il senatore  dubita del fatto che il sottoscritto non avrebbe capito “che il Veneto e i Veneti si proteggono denunciando i crimini e i criminali, facendo emergere gli enormi danni al nostro territorio": è proprio ciò che infatti noi stiamo facendo a differenza di molte altre realtà. Basterebbe ricordare in tal senso che quando CNR-IRSA segnalò nel 2013 il caso della presenza dei PFAS in varie regioni, l'unica che individuò subito l'origine dell'inquinamento e fece la denuncia in Procura è stata proprio la Regione Veneto. Delle altre Regioni che, a quanto mi risulta, non hanno ancora fatto denuncia il senatore sa qualcosa? E’ interessato a sapere o, nel suo ruolo di commissario della Commissione Ecoreati, preferisce non sapere e non approfondire? Ha dimenticato tutta la corposa documentazione che noi, a differenza di altri, abbiamo mandato alla Procura per favorire le indagini?”
 
“Respingendo ogni insinuazione o ricostruzione non veritiera – conclude Bottacin – ribadisco pertanto che la Regione Veneto ha da sempre garantito, e continuerà a farlo, la massima collaborazione agli organi giudiziari e alle forze dell'ordine nella lotta agli illeciti ambientali e nell’individuazione dei colpevoli, tanto che nessuno, nemmeno il senatore Ferrazzi, credo possa pensare che il Veneto sia una Regione che sta dormendo su questo fronte. Con l’occasione, ringrazio invece nuovamente la Procura Antimafia e tutte le forze dell'ordine per le brillanti operazioni appena concluse”.
 


Data ultimo aggiornamento: 20/02/2019

gianpaolo bottacin mafia ambiente