TURISMO ACCESSIBILE: I ‘BAGNI VIANELLO’ DI SOTTOMARINA ‘VETRINA’ DEL PROGETTO MARE E SPIAGGE SENZA BARRIERE – ASSESSORI CANER (TURISMO) E LANZARIN (SOCIALE), ‘100 KM DI LITORALE ACCOGLIENTE E INCLUSIVO PER TUTTI”

Comunicato stampa N° 1051 del 25/07/2018
 (AVN) – Venezia, 25 luglio 2018

Il mare e le spiagge venete senza barriere, accessibili a tutti, anche alle persone con disabilità fisica o psichica. Questo l’obiettivo del progetto veneto delle tre Ulss del litorale (Veneto Orientale, Serenissima e Polesana), che quest’anno ha la sua ‘vetrina’ nei Bagni Vianello di Sottomarina, lungomare adriatico. Stamane la presentazione ufficiale, con la partecipazione degli assessori regionali al turismo Federico Caner e alle politiche sociali Manuela Lanzarin, nonché del sindaco di Chioggia Alessandro Ferro, dei direttori generali delle tre Ulss veneziane (la 3, la 4 e la 5) Giuseppe Dal Ben, Carlo Bramezza e Antonio Compostella, e delle associazioni dell’handicap e cooperative sociali e del distretto di Chioggia.

Pedane e scivoli per l’accesso al mare, carrozzelle in spiaggia, spogliatori, bar e servizi accessibili a tutti, giostrine per i bambini, la presenza quotidiana nei giorni feriali di un operatori socio-sanitario, un tablet attrezzato per il linguaggio dei segni, pet-therapy con uno scodinzolante ‘quattro zampe’, corsi e pratica di kayak per tutti, escursioni in mare con una barca attrezzata per turisti di tutte le età e di tutte le abilità: questa l’offerta dello stabilimento balneare inclusivo di Sottomarina, start-up del litorale clodiense per il più vasto progetto regionale di turismo sociale e spiagge accessibili a tutti. Avviato dall’Ulss 4 Veneto orientale e finanziato quest’anno dalla Giunta regionale con 170 mila euro, contributo che porta a 800 mila euro la ‘leva’ regionale messa in campo nell’ultimo biennio per qualificare il turismo sociale e accessibile sulle spiagge venete, il progetto veneto investe in stabilimenti accoglienti e in servizi sportivi e ricreativi per persone di ogni condizione ed età, con una particolare attenzione ai disabili, sia fisici che psichici.

“Le nostre spiagge, per conformazione e tradizione, offrono già oltre cento chilometri di stabilimenti accessibili, villaggi e servizi ricreativi pensati per le famiglie e per le persone disabili. I ‘bagni Vianello’ sono la ‘vetrina’ di quello che può offrire il litorale attrezzato più lungo di Italia – evidenzia l’assessore regionale al turismo, Federico Caner - Si tratta ora di monitorare l’offerta di accessibilità dell’intera costa veneta, di qualificare ulteriormente le esperienze già esistenti, collegarle con il tessuto recettivo e dei servizi turistici e promuoverle su scala nazionale e internazionale, visto che il Veneto è la prima regione turistica d’Italia per numero di presenze e per grado di internazionalizzazione”.

Le esperienze di turismo sociale ed inclusivo sul litorale veneto sono numerose: stabilimenti attrezzati e presidiati da personale sanitario, villaggi e case vacanze creati e gestiti da enti religiosi o da fondazioni o da soggetti imprenditoriali a spiccata responsabilità sociale, alle ex colonie di un tempo oggi riconvertite ad uso sociale.

Il piano turistico regionale per il 2018 intende dare continuità e potenziare ulteriormente questa specificità della costa veneta, investendo su servizi ricreativi e sportivi, sull’accoglienza del disabile da parte di personale qualificato, sulla presenza di volontari e di operatori sanitari e sulla pronta disponibilità di assistenza sanitaria in loco e sulla proposta di animazione ed esperienze guidate di scoperta del territorio.

“Un paese civile e moderno – sottolinea l’assessore Lanzarin – deve garantire a tutti la possibilità di viaggiare, trascorrere il tempo libero a propria dimensione, offrire strutture di ospitalità inclusiva. Il contatto con la natura, il riposo, la dimensione ludica e i benefici terapeutici dell’ambiente marino sono un diritto sociale e universale, che non deve conoscere barriere. Per questo l’amministrazione regionale investe risorse del fondo sociale per promuovere l’accessibilità delle spiagge e degli stabilimenti balneari e sostenere interventi di riqualificazione delle strutture esistenti. Progetti e iniziative in essere saranno valutati secondo criteri oggettivi – dai parcheggi ai servizi igienici e spogliatoi, dalle aree ludiche alla formazione del personale – al fine di offrire una vera accoglienza socio-sanitaria turistica”.

“Per una regione come il Veneto, che ogni anno registra oltre 69 milioni di presenze e quasi 20 milioni di arrivi – concludono i due assessori – investire nel turismo accessibile è un dovere sociale e al tempo stesso una scelta strategica di grande valenza. Si stima che in Europa ci siano 37 milioni di cittadini con disabilità: persone con propensione al viaggio e potere di acquisto analogo a quello di altre fasce della popolazione. Un segmento di mercato che può trovare nelle spiagge venete un ambiente accogliente e stimolante, grazie alla collaborazione tra aziende sanitarie, istituzioni, soggetti del terzo settore ed enti privati. Se da un lato, quindi, il progetto regionale dedicato al turismo sociale e inclusivo conferma la grande sensibilità e la solida tradizione solidaristica della nostra regione, dall’altro valorizza la modernità e la capacità innovativa del suo sistema turistico”.


Data ultimo aggiornamento: 25/07/2018

turismo accessibile manuela lanzarin federico caner turismo
Archivio Comunicati
Notizia n. 1197 del 16/08/2018

CENTO MILA EURO ALL’AREA DEL LITORALE VENETO. FORCOLIN: “DIAMO CONCRETEZZA A UN GRANDE PROGETTO DI SVILUPPO”

16/ago/2018 | La Giunta Regionale ha approvato nell’ultima seduta i criteri e le modalità per la concessione di contributi a sostegno di iniziative che interessano l’area litoranea veneta Cristiano Corazzari stanziato 100 mila euro – spiega il vicepresidente Gianluca Forcolin

Notizia n. 1196 del 16/08/2018

LA REGIONE RISPARMIA 2,6 MILIONI DI EURO GRAZIE AGLI INCENTIVI AL PERSONALE PER REALIZZARE ECONOMIE DI GESTIONE

16/ago/2018 | Ammonta a ben 2,6 milioni di euro il risparmio certificato che la Regione del Veneto ha ottenuto nell’esercizio 2017 attraverso gli incentivi ai dipendenti la cui attività ha prodotto delle economie di gestione Gianluca Forcolin vicepresidente personale bilancio

Notizia n. 1195 del 16/08/2018

GIUNTA REGIONALE ‘LIBERA’ 31,7 MILIONI DI EURO. FORCOLIN: “VIA LIBERA A OPERE E INTERVENTI URGENTI E ATTESI E BOCCATA D’OSSIGENO PER L’ECONOMIA”

16/ago/2018 | Vicepresidente Gianluca Forcolin Ammonta a ben 31,7 milioni di euro la cifra che Regione del Veneto ha “sbloccato” approvando, nell’ultima seduta di Giunta, un provvedimento di variazione del bilancio che consente l’utilizzo di risorse vincolate e accantonate

Notizia n. 1194 del 16/08/2018

ASSESSORE MARCATO ANNUNCIA SBLOCCO DI 5 MILIONI DI EURO PER AVVIARE L’INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE DEL MARZENEGO-OSELLINO

16/ago/2018 | Così l’assessore regionale alla legge speciale per Venezia, Roberto Marcato, annuncia con soddisfazione lo sblocco di 5 milioni di euro, “con i quali – sottolinea – sarà finalmente possibile avviare la realizzazione di un primo stralcio funzionale dell’opera da parte del soggetto attuatore, il Consorzio di Bonifica Acque Risorgive, al quale abbiamo a suo tempo suggerito proprio di rimodulare il progetto per stralci di importo ridotto, rendendo così più facilmente gestibili anche le relative procedure di finanziamento”.

Notizia n. 1193 del 14/08/2018

COPPIA GAY VERONA. ZAIA, “FARE CHIAREZZA E ASSICURARE I COLPEVOLI ALLA GIUSTIZIA. NESSUN TIPO DI VIOLENZA PUO’ ESSERE GIUSTIFICATA”

14/ago/2018 | COPPIA GAY VERONA. ZAIA, “FARE CHIAREZZA E ASSICURARE I COLPEVOLI ALLA GIUSTIZIA. NESSUN TIPO DI VIOLENZA PUO’ ESSERE GIUSTIFICATA”