CENTRALINA SUL MAÈ. L’ASSESSORE REGIONALE ALLA DIFESA DEL SUOLO REPLICA AL PD: “IMBARAZZANTE LA CONFUSIONE IN MATERIA LEGISLATIVA”

Comunicato stampa N° 657 del 18/05/2018
 (AVN) – Venezia, 18 maggio 2018
 
“O sono in malafede o è davvero imbarazzante la confusione che i due consiglieri regionali hanno in testa su una materia così delicata, tanto da dimostrare di non conoscere nemmeno le normative che in parte sono chiamati a scrivere”. È la replica a muso duro dell’assessore all’ambiente e alla difesa del suolo alle accuse mosse alla Giunta regionale dai consiglieri Zanoni e Zottis circa le autorizzazioni relative a una centralina sul Maè in Val di Zoldo (Belluno).
 
“Partiamo innanzitutto da un fatto più che oggettivo: la Giunta non entra nel merito delle valutazioni sulle centraline – puntualizza l’assessore - in quanto nessun provvedimento che riguarda le centraline passa attraverso l’organo esecutivo regionale. E’ stupefacente che i due non lo sappiano, visto che hanno votato la Legge regionale 4/2016 relativa alla VIA. Le valutazioni ambientali vengono infatti espresse da un organismo tecnico, il Comitato tecnico regionale per la VIA, su cui la Giunta non può e non vuole entrare perché differentemente commetterebbe un illecito. Non voglio nemmeno pensare che Zanoni e Zottis ci stiano istigando in tal senso".
 
“Va inoltre detto, per quanto riguarda il territorio bellunese – specifica ulteriormente l’assessore – che, in applicazione alla Legge sulla specificità, già nel marzo 2016 sono state conferite alla Provincia di Belluno le funzioni in materia di rilascio dell'autorizzazione unica alla costruzione e all'esercizio di impianti idroelettrici, altra norma che ad oltre due anni dalla sua esecutività i due consiglieri, ahinoi, dimostrano di non conoscere”.
 
“Assurde sotto ogni punto di vista sono quindi le accuse che ci vengono mosse – conclude – anche perché le normative ambientali in materia di idroelettrico messe in campo dalla Regione del Veneto sono le più restrittive d'Italia. Inoltre va pure detto che nemmeno applicare in maniera retroattiva le nuove norme sarebbe possibile tanto che il Friuli, che pure ci aveva provato, ha visto la sua norma impugnata dal governo peraltro guidato dallo stesso partito, il Pd, a cui - a questo punto mi vien da dire a loro insaputa - appartengono anche Zanoni e Zottis”.
 


Data ultimo aggiornamento: 18/05/2018

difesa del suolo gianpaolo bottacin ambiente
Archivio Comunicati
Notizia n. 846 del 19/06/2018

DOMANI PRESIDENTE REGIONE VENETO A TRIESTE PER ASSEMBLEA DEL GECT EUREGIO "SENZA CONFINI"

19/giu/2018 | DOMANI PRESIDENTE REGIONE VENETO A TRIESTE PER ASSEMBLEA DEL GECT EUREGIO "SENZA CONFINI"

Notizia n. 847 del 19/06/2018

SICC E SICC TECH DI ROVIGO: INCONTRO IN REGIONE CON AZIENDE, SINDACATI E RSU

19/giu/2018 | assessore Elena Donazzan su incontro con parti sociali azienda SICC e SICC Tech di Rovigo

Notizia n. 845 del 19/06/2018

GIUSTIZIA: ASSESSORE ALLA FORMAZIONE, “NEOLAUREATI SI FORMERANNO A FIANCO DEI MAGISTRATI, STRAORDINARIA OCCASIONE DI APPRENDISTATO E QUALIFICAZIONE”

19/giu/2018 | assessore Elena Donazzan su tirocini formativi negli uffici giudiziari del Veneto

Notizia n. 842 del 19/06/2018

GIUSTIZIA: CONVENZIONE TRA REGIONE VENETO E UFFICI GIUDIZIARI PER RINFORZO PERSONALE - IL GOVERNATORE, “UN PRIMO AIUTO, IN ATTESA DELL'AUTONOMIA REGIONALE”

19/giu/2018 | presidente Lulca Zaia firma convenzioni su personale uffici giudiziari con procuratore repubblica Bruno Cherchi e presidente Corte d'Appello Iner Maria Luisa Marini