LUPO: ASSESSORE PAN, “GLI ALLEVATORI NON SONO MAI STATI LASCIATI SOLI - DOPO INDENNIZZI, RECINTI E STRUMENTI DISSUASORI, ORA AL LAVORO PER UN PIANO DI CONTROLLO”

Comunicato stampa N° 955 del 30/06/2017
(AVN) Venezia, 30 giugno 2017

“Intendo sottoporre all’attenzione della Giunta regionale una ipotesi di piano di controllo della presenza del lupo in Veneto, che preveda, tra i vari interventi contemplati dalle normative vigenti, la possibilità di traslocare gli esemplari in sovrannumero e di sterilizzare le femmine in età di riproduzione”. E’ quanto annuncia l’assessore regionale all’Agricoltura e alla caccia, Giuseppe Pan,  sollecitato dal dibattito in corso su come gestire la presenza dell’animale predatore sugli altopiani della Lessinia e di Asiago e nella fascia pedemontana veneta.
“Ho ereditato il progetto comunitario Life– Wolfalps, recepito da una delibera nel 2013 – premette l’assessore - Mi sono trovato a gestire una situazione difficile, con gli allevatori da una parte e gli animalisti dall’altra. Ha adottato un approccio pragmatico e concreto, da buon amministratore, lasciando da parte le ideologie e affrontando i problemi, nel rispetto delle leggi, italiane ed europee, secondo le soluzioni tecniche a disposizione e le risorse disponibili”.
Nel 2016 – ricorda Pan – l’assessorato regionale si è adoperato per finanziare e far installare 20 recinti elettrificati, consegnati agli allevatori in Lessinia, e per accelerare le procedure di rimborso per gli allevatori colpiti dalle predazioni dell’animale selvatico.
“Nel corso del 2016, utilizzando i capitoli di bilancio relativi ai danni da fauna selvatica – precisa l’assessore - la Regione Veneto ha stanziato 40 mila euro per risarcire gli allevatori in Lessinia. (risarcimenti quantificati secondo il valore di mercato comunicato dall’Associazione regionale degli allevatori) e quasi 100 mila euro per installare recinzioni elettrificate, dissuasori acustici e altre azioni di prevenzioni, come cani da pastore abruzzesi. E attualmente sta procedendo con le fasi istruttorie per i pagamenti delle predazioni del 2017 “.
“Entro luglio 2017 – aggiunge - risulteranno installati in Veneto 180 recinti elettrificati (60 in Lessinia, 60 Asiago, 60 Belluno) e saranno incaricati 3 assistenti agli allevatori, più una figura di supporto e una figura di tutor per la gestione dei lupi nelle tre aree”.
L’assessore ha istituito e reso operativo il Tavolo regionale per la gestione composto da tre gruppi tecnici al lavoro per le aree interessate (Lessinia, Altopiano Asiago e Grappa).
Complessivamente – ricorda l’assessore – con il progetto Wolfalps sono stati stanziati dal 2014 a oggi, per gestire la presenza del lupo in veneto, 560.000 euro, di cui 430.000 finanziati dall’Ue e 130.000 cofinanziati dalla Regione  (indennizzi a parte).
“Ad oggi queste risorse previste dal progetto Wolfalps sono esaurite – avverte l’assessore - La naturale scadenza del progetto sarà nel giugno 2018 e la mozione approvata dal Consiglio regionale del Veneto impegna la Giunta a non aderire più al progetto comunitario. Ma la presenza del lupo resta comunque tutelata dalle direttive comunitarie e dalla normativa nazionale”
Pan ricorda, infatti, che il governo italiano ha recepito la direttiva europea “Habitat” del 92/43/Cee,  modificata ed integrata nel 2003, che definisce il lupo “specie di interesse comunitario”, da conservare e rigorosamente protetta.
“Tuttavia la norma in questione – osserva l’assessore -  prevede la possibilità di deroga di divieti cattura e abbattimento (se non si pregiudica il loro mantenimento e stato di conservazione), previa autorizzazione del Ministero Ambiente e Tutela Territorio e dell’Ispra- Chiederò, quindi, in una delle prossime riunioni della Commissione Politiche Agricole, insieme ad altre regioni, tra cui la Toscana, che venga discusso il Piano di gestione e conservazione a livello nazionale, già rinviato una prima volta nel febbraio 2017.
“E chiederò, inoltre - - conclude Pan -  che la Conferenza Stato Regioni discuta ulteriori risorse finanziarie complementari per sostenere gli interventi di prevenzione e compensare le perdite di reddito con liquidazione dei danni, visto che in Veneto tali risorse sono terminate. Solo se la questione verrà affrontata su scala interregionale, con il coinvolgimento diretto del ministero per l‘Ambiente, sarà possibile prevenire i rischi causati da questa specie predatoria e contenere in maniera concreta ed efficace i danni agli allevamenti ”.


Data ultimo aggiornamento: 30/06/2017

lupi giuseppe pan
Archivio Comunicati
Notizia n. 1727 del 18/12/2017

PFAS. SANITA’. DOCUMENTO TRASFUSIONISTI VENETI. “PLASMAFERESI E’ SICURA E SOSTANZIALMENTE SCEVRA DA RISCHI”.

18/dic/2017 | PFAS. SANITA’. DOCUMENTO TRASFUSIONISTI VENETI. “PLASMAFERESI E’ SICURA E SOSTANZIALMENTE SCEVRA DA RISCHI”.

Notizia n. 1726 del 18/12/2017

PFAS. PLASMAFERESI. LETTERA DI COLETTO A LORENZIN. “CREATI PROBLEMI A CONTAMINATI E INCERTEZZE PER DONATORI DI SANGUE. URGONO CHIARIMENTI SCIENTIFICAMENTE SUPPORTATI”.

18/dic/2017 | PFAS. PLASMAFERESI. LETTERA DI COLETTO A LORENZIN. “CREATI PROBLEMI A CONTAMINATI E INCERTEZZE PER DONATORI DI SANGUE. URGONO CHIARIMENTI SCIENTIFICAMENTE SUPPORTATI”.

Notizia n. 1725 del 18/12/2017

SANITA’. BREAST UNIT DI MESTRE RIDA’ SPERANZA A UNA DONNA CON GRAVE RECIDIVA DI TUMORE AL SENO. I COMPLIMENTI DI ZAIA. “ERA IL SOGNO DI QUANDO REALIZZAMMO QUESTE STRUTTURE”.

18/dic/2017 | SANITA’. BREAST UNIT DI MESTRE RIDA’ SPERANZA A UNA DONNA CON GRAVE RECIDIVA DI TUMORE AL SENO. I COMPLIMENTI DI ZAIA. “ERA IL SOGNO DI QUANDO REALIZZAMMO QUESTE STRUTTURE”.

Notizia n. 1724 del 18/12/2017

LUPI: COMPLETATA CONSEGNA DI QUATTRO COPPIE DI CANI PASTORE MAREMMANO-ABRUZZESI, I LORO CUCCIOLI AIUTERANNO ALTRI PASTORI E ALLEVATORI – ASSESSORE PAN, “GUARDIANI INFLESSIBILI E CON UN FORTISSIMO ISTINTO DI PROTEZIONE VERSO LE GREGGI”

18/dic/2017 | Assessore Giuseppe Pan su consegna quattro coppie di cani pastore maremmano-abruzzesi in funzione di difesa dalle predazioni del lupo

Notizia n. 1722 del 17/12/2017

FRANA DI PERAROLO DI CADORE (BL): STATO DI ATTENZIONE ESTESO A MARTEDÌ 19 DICEMBRE

17/dic/2017 | frana Perarolo di Cadore Belluno protezione civile