PESCA: PROGETTO LIFE-GHOST, REGIONE VENETO NOMINA GRUPPO TECNICO PER CONTRASTARE INQUINAMENTO MARINO – ASSESSORE PAN, “ORA DECALOGO CONDIVISO PER RIDURRE RIFIUTI E VALORIZZARE ATTIVITÀ ITTICHE E ACQUACOLTURA”

Comunicato stampa N° 119 del 30/01/2017


(AVN) - Venezia, 30 gennaio 2017

Reti abbandonate, cime, nasse, scotte, tiranti, manichette di plastica, fasce elastiche e intelaiature metalliche costellano i fondali e le acque dell’Alto Adriatico: sono i rifiuti dell’attività di pesca, professionale e sportiva, che modificano l’ambiente marino, inquinano acque e fondali e finiscono per danneggiare pesci e molluschi e, quindi, diminuire il potenziale di pescato. Per prevenire e contrastare questa forma di inquinamento marino la Regione Veneto ha aderito al Progetto Life-Ghost, co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma Life+ Biodiversità (programmazione 2012). Tra gli obiettivi del progetto c’è, appunto, la gestione efficace di reti e attrezzi da pesca abbandonati e persi in mare.

“La Giunta regionale ha insediato il gruppo tecnico di lavoro – informa l’assessore regionale al primario, Giuseppe Pan, annunciando il provvedimento di prossima pubblicazione sul Bur – per declinare, su scala veneta, le raccomandazioni operative suggerite dall’Europa. Ne fanno parte i rappresentanti delle categorie professionali della pesca, gli esperti scientifici dello Iuav di Venezia, dell’Ispra di Chioggia, del Cnr-Ismar e dell’Arpav, oltre ai dirigenti del settore Ambiente e Pesca e acquacoltura della Regione Veneto: l’obiettivo dei tecnici è individuare le ‘buone prassi’ per prevenire l’abbandono di attrezzature e rifiuti della pesca e contrastare l’inquinamento marino. Ai tecnici chiediamo di formulare un decalogo condiviso con i diversi soggetti coinvolti, per far sì che l’attività della prima marinerìa d’Italia possa proseguire in modo ottimale, senza compromettere i volumi dell’attività di pesca, né l’acquacoltura, e nel pieno rispetto dell’ambiente marino”.

Il gruppo tecnico ha già all’esame le 17 linee-guida indicate dalle direttive europee per gestione efficace delle reti e attrezzi da pesca dispersi in mare: dalla marcatura e segnalazione degli attrezzi perduti, alla sensibilizzazione degli operatori; dagli incentivi al recupero e al riciclo alla sperimentazione di materiali alternativi e biocompatibili; dal conferimento organizzato a terra delle attrezzature da dismettere alle campagne di rimozione in mare dei rifiuti abbandonati, utilizzando i periodi di ‘fermo pesca’.

“Tutte misure che dovranno essere valutate e concordate con gli addetti ai lavori – sottolinea l’assessore Pan – perché solo il coinvolgimento attivo e consapevole dei protagonisti del mondo della pesca e dell’acquacoltura può garantire comportamenti responsabili e strategie condivise di riduzione e rimozione dei rifiuti prodotti da pescherecci e attività di pesca”.



Data ultimo aggiornamento: 30/01/2017

pesca giuseppe pan ambiente
Archivio Comunicati
Notizia n. 909 del 22/06/2017

PFAS E APPROVVIGIONAMENTO IDRICO. ASSESSORE VENETO REPLICA A SEN. PUPPATO: “STATO DI CONFUSIONE PERMANE”

22/giu/2017 | Gianpaolo Bottacin magra figura Pfas Carabinieri dei Noe Arpav apprezzamento per la delibera regionale senatrice Laura Puppato assessore ambiente dichiarazioni Ministero, Regione, comuni ed enti coinvolti nell’area del bacino del Fratta-Gorzone