Percorsi Percorsi

Siti tematici Siti tematici

Contenuto Html Contenuto Html

 



Data ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2012

Modello link 1 Modello link 1

Dettaglio contenuto Dettaglio contenuto

Calto:
Chiesa Parrocchiale di San Rocco



Per opera del Vescovo Giovanni Fontana e "per comodità dei sudditi" nel 1586 venne edificata a Calto una nuova chiesa intitolata a S. Rocco.
"Fu eretta in Parochiale e dotata di parte dei beni" appartenenti alla "Pieve di Cenesia (Ceneselli)" dalla quale si staccò, rendendosi autonoma, nel 1599.
Erano anni di scosse telluriche anche molto intense, tanto che nella seconda metà del '600 "tutto il popolo", sotto la guida del Parroco Don Giobatta Finato e con il contributo del conte Antonio Riminaldi, ricostruì dalle fondamenta l'edificio, orientandolo verso mezzogiorno.
I lavori iniziarono nel 1689 e furono finalmente conclusi nel 1709.

La chiesa che trovò nella sua visita pastorale il Vescovo Ravasi nel settembre del 1825 è quella attuale con tre navate, abside, presbiterio e battistero, l'altare maggiore e sei altari laterali.

Veduta d'insieme
Ingrandisci l'immagine


La facciata si presenta semplice e ariosa, con a fianco il campanile, adornata da quattro nicchie con statue di Santi, attribuite allo scultore Giovanni Bonazza.

Statua di San Rocco
sec. XVIII prima metà
Giovanni Bonazza attr. (1654-1736)
pietra tenera
cm 190 x 60
Ingrandisci l'immagine


Entrando nella chiesa si notano le cinque campate con volte a crociera delle navate minori, gli altari in marmi policromi scolpiti ed intarsiati e le ricche decorazioni plastiche in pietra tenera.

Interno
Ingrandisci l'immagine


All'interno le undici finestre, di cui due anche nell'abside semicircolare, illuminano il cornicione che corre lungo tutto il perimetro della navata centrale sopra le arcate, intervallate da lesene e pilastri.

Altare di San Rocco
sec. XVIII
ambito veneto-emiliano
legno marmorizzato
laterizio
marmo dipinto
cm 590 x 345 x 145
Ingrandisci l'immagine


Paliotto con San Francesco, San Rocco e Sant'Antonio da Padova
sec. XVIII
ambito veneto-emiliano
marmo dipinto
cm 104 x 200
Ingrandisci l'immagine


Tra le opere da ricordare: l'altare di S. Rocco col pregevole paliotto e la settecentesca statua del Santo titolare in legno dipinto; la pala absidale, opera di scuola emiliano-veneta, con la Madonna in gloria tra i Santi Sebastiano, Stefano, Rocco e Pietro martire (sec.XVII); le originali tele ottagonali con gli Evangelisti di Antonio Rivarola detto il Chenda (1591-1640) e la decorazione in stucco dipinto del soffitto (sec. XVIII).

Statua di San Rocco
sec. XVIII prima metà
ambito veneto
legno dipinto
cm 143 x 57 x 45
Ingrandisci l'immagine

Dipinto con Madonna in gloria e i Santi Sebastiano, Stefano, Rocco, Pietro martire
sec. XVII
scuola emiliano-veneta
olio su tela
cm 250 x 150
formato rettangolare
Ingrandisci l'immagine


Dipinto con San Luca evangelista
sec. XVII prima metà
Antonio Rivarola detto il Chenda (1591-1640)
cm 140 x 120
tela dipinta
formato ottagonale
Ingrandisci l'immagine


Decorazione plastico-pittorica del soffitto
sec. XVIII
ambito veneto-emiliano
stucco dipinto
Ingrandisci l'immagine


Sulla destra del complesso, si consiglia di vedere anche il bell'edificio con portico che, secondo la tradizione, pare ospitasse i Vescovi di passaggio alla Pieve.



Data ultimo aggiornamento: 18 agosto 2015