Percorsi Percorsi

Siti tematici Siti tematici

Contenuto Html Contenuto Html

 



Data ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2012

Modello link 1 Modello link 1

Dettaglio contenuto Dettaglio contenuto

Bergantino:
Chiesa Arcipretale di San Giorgio Martire



Le notizie più remote sulla chiesa di S.Giorgio a Bergantino risalgono alle "Rationes decimarum" (Elenco delle decime) del 1300.
E' presente anche nelle relazioni delle visite pastorali dei vescovi Beato Giovanni Tavelli da Tossignano e Francesco Dal Legname (sec. XV) ed in quelle del vescovo Giovanni Fontana (1591-99) viene descritta come un edificio di modeste proporzioni provvisto di tre soli altari, con antiche immagini, presbiterio, sagrestia, circondata dal cimitero.
Priva del campanile, le campane erano collocate sul tetto della chiesa.
Nel 1599, aumentata la comunità dei fedeli, il Vescovo Fontana sollecitò la costruzione di un tempio più ampio e rappresentativo, ma soltanto il 24 novembre 1673 l'allora rettore, don Alberto Ferrari, ne benedirà la pietra angolare e, dopo lunghi anni di "lavoro e sacrifici" sarà celebrata la prima messa, il 2 dicembre 1700.
 

Mattonella con data 27/04/1686
Anno Domini 1686/ die 27 Aprile Anno Domini
laterizio cm 13 x 40 x 3
Venne rinvenuta durante il restauro del tetto e documenta la data in cui la fabbrica della chiesa giunse alla copertura.
Ingrandisci l'immagine


La chiesa di S. Giorgio si affaccia sulla piazza principale del paese col prospetto delimitato da una coppia di paraste in corrispondenza della navata maggiore, mentre i corpi laterali, più bassi e con pinnacoli angolari, sono raccordati da due volute al timpano triangolare che ne completa la facciata.

Veduta d'insieme
Ingrandisci l'immagine


Tra il 1725-32, l'ideatore della facciata della chiesa, Vincenzo Santini, erigerà l'imponente campanile, poggiante su basamento a tronco di piramide, con la canna decorata da specchiature mistilinee, la cella campanaria con bifore sui quattro fianchi e l'attico sormontato da cupolino a cipolla.
 

Ritornando alla chiesa, dalle entrate ai lati del portale principale, attraverso due vestiboli, si accede al suo interno costituito da tre navate e dotato di sei altari, oltre all'altare maggiore, cinque laterali dedicati, nelle cappelle di sinistra a S. Antonio da Padova, alla B. V. del Rosario con scenografico ciborio in marmi vari, nelle cappelle di destra alla Madonna del Carmine, alla Sacra Famiglia ed alla B. V. Addolorata. 

Interno
Ingrandisci l'immagine


Altare maggiore
sec. XVIII
ambito polesano
marmi vari
cm 208 x 430 x 160
Ingrandisci l'immagine


Altare della Madonna del Rosario
1780-95
ambito veneto
marmi vari e stucco
cm 790 x 370 x 575 
Ingrandisci l'immagine


La navata centrale si conclude in un'abside contenente, entro una nicchia incorniciata da decorazioni in stucco modellato, la statua in legno dipinto del Santo titolare: S. Giorgio.

Statua di San Giorgio
sec. XVIII primo quarto
ambito veneto
legno dipinto
cm 170 x 95 
Ingrandisci l'immagine


Sugli altari di destra sono collocate tre importanti pale d'altare: sul primo la Sacra Famiglia (1688-99) di Giuseppe Maria Crespi, sul secondo la Madonna del Carmine (1693-96 ca.) dello stesso autore e sul terzo Cristo Redentore con croce tra San Vincenzo Ferreri e San Pietro Martire (inizio del sec.XVI) attribuito a Domenico Panetti.
A sinistra del presbiterio si trova la cappella invernale.

Pala della Sacra famiglia
1688-99
Giuseppe Maria Crespi (1665-1747)
olio su tela
cm 300 x 185
formato rettangolare
Ingrandisci l'immagine


Pala della Madonna del Carmelo
1693-96 ca.
Giuseppe Maria Crespi (1665-1747)
olio su tela
cm 307 x 188
formato rettangolare 
Ingrandisci l'immagine


Pala di Cristo Redentore con croce tra San Vincenzo Ferreri e San Pietro Martire
sec. XVI inizio
Domenico Panetti attr. (1503-1512 o 13)
olio su tavola
cm 150 x 105
formato rettangolare 
Ingrandisci l'immagine



Data ultimo aggiornamento: 18 agosto 2015