Percorsi Percorsi

Siti tematici Siti tematici

Contenuto Html Contenuto Html

 



Data ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2012

Modello link 1 Modello link 1

Dettaglio contenuto Dettaglio contenuto

Archivio della Fondazione Scientifica Querini Stampalia onlus

Catastico dei possedimenti di Mestre. Dese in contra Terrenazzo, 1771

Indirizzo: Castello 4778, Santa Maria Formosa, 30122 Venezia

Tel.: 041.2711411

Fax:  041.2711445

E-mail: direzione@querinistampalia.org

Sito web: http://www.querinistampalia.org/ita/home_page.php

Accesso: su appuntamento.

Responsabile: Il Presidente della Fondazione Scientifica Querini Stampalia

Referente per l'archivio: Cristina Celegon

Sede: I diversi fondi archivistici di proprietà della Fondazione sono conservati in più locali di deposito all'interno di palazzo Querini Stampalia a Santa Maria Formosa.

Nota storica: La Fondazione Querini Stampalia inizia la sua attività nel 1869 alla morte dell'ultimo discendente della famiglia Querini Stampalia, Giovanni Querini. La sua costituzione fu infatti determinata nel testamento dell'11 dicembre 1968 che raccoglie le volontà del conte Giovanni.
Il nucleo più antico del materiale documentario conservato presso la Fondazione è rappresentato dall'Archivio della famiglia Querini Stampalia, mentre l'Archivio prodotto dalla Fondazione data dal 1869, anno di costituzione della prestigiosa istituzione culturale veneziana.
In anni recenti sono pervenuti alla Fondazione gli archivi personali di Giannina Piamonte e Mario Stefani, rispettivamente per lascito testamentario il primo, nel 2003 e per volontà dell'erede universale il secondo,  nel 2002.

Patrimonio: Il complesso archivistico conservato presso la Fondazione è composto dai seguenti fondi:

  • Archivio della famiglia Querini Stampalia (sec. XVI-1869)
    Si compone di 120 buste. L'archivio riguarda in modo particolare gli affari e l'amministrazione dei beni della famiglia. Tutti i documenti attinenti ad altri argomenti furono riordinati nel 1880 da Leonardo Perosa, il quale suddivise il materiale in nove classi insieme con materiale di natura bibliografica appartenenti alla famiglia, questo nucleo documentario è conosciuto oggi come "Manoscritti Querini". L'Archivio della famiglia Querini Stampalia raccoglie anche nuclei documentari appartenenti ad altre famiglie, confluiti per vincoli di parentela o affari, come le famiglie Lippomano,  Valier,  Moro e  Longo. 
  • Archivio della Fondazione Querini Stampalia (1869-)
    L'archivio storico prodotto dalla Fondazione, ca. 180 ml. di documentazione, è fisicamente suddiviso in due grandi sezioni: 1. Amministrazione e Patrimonio 2. Fondazione, Biblioteca, Museo e Manifestazioni. 
  • Archivio Giannina Piamonte (Venezia 1914 – Venezia 2003)
    Giannina Piamonte, già socia dell'Ateneo Veneto, in relazione col mondo intellettuale  veneziano, dedicò gran parte della sua vita alla difesa della "venezianità", cercando di tenere  vive le  tradizioni e di salvaguardare la città nella quale maggiormente visse.
    Pubblicazioni: Venezia vista dall'acqua: guida dei rii di Venezia e delle isole, Venezia, 1992³; Litorali ed isole: guida alla laguna veneta, Venezia, 1975; Cussi a Venezia: usanze, feste, santi, Venezia, 1994;  Elenco degli edifici monumentali e dei frammenti storici ed artistici della  città di Venezia, Venezia 1996.
    L'Archivio è composto da materiali e supporti di natura diversa: corrispondenza, fotografie, ritagli da riviste e giornali, manoscritti e carte familiari. E' inoltre pervenuta alla Fondazione parte della biblioteca personale della donatrice.
  • Archivio Mario Stefani (Venezia 1938  - Venezia 2001)
    Mario Stefani laureato in lettere presso l'Università di Urbino, lavorò nell'équipe italianistica del prof. Neuro Bonifazi. Fu tra i collaboratori de Il Gazzettino, dell'Osservatore politico letterario, dell'Arena e del Resto del Carlino. Ottenne vari riconoscimenti e premi letterari per le sue opere di poesia.
    L'archivio si compone di una vasta corrispondenza con mittenti diversi che riflette il mondo culturale, gli interessi e le amicizie personali di Stefani (tra i corrispondenti a solo titolo d'esempio: Manlio Dazzi, Giorgio De Chirico, Virgilio Guidi, Pier Paolo Pasolini). Il fondo Stefani comprende anche 6.800 volumi provenienti dalla sua biblioteca personale e alcuni dipinti e opere grafiche.

Strumenti di consultazione:

  • Archivio privato della famiglia QueriniStampalia. Inventario, a cura di D.V. Carini Venturini, R. Zago, Venezia 1987.
  • Catalogo del fondo cartografico queriniano, a cura di G. Mazzariol.

Altre informazioni:
Dal 1869 è aperta al pubblico la ricca Biblioteca che nei suoi centoquaranta anni di vita è divenuta la "biblioteca dei veneziani". L'intero patrimonio bibliografico, costituito da oltre 340.000 volumi, si articola nei fondi storici derivanti dalla biblioteca di famiglia e nelle raccolte moderne andatesi organizzando dal 1869. Le sale della Biblioteca mettono a disposizione dei lettori oltre 32.000 volumi collocati a scaffale aperto, circa 400 periodici correnti, 18 quotidiani locali, nazionali e stranieri e la possibilità di navigare in Internet in modalità wireless.

Bibliografia:

  • Archivio privato della famiglia Querini Stampalia. Inventario, a cura di D.V. Carini Venturini, R. Zago, Venezia 1987
  • Boschi di carta. Mestre nella cartografia storica dei Querini Stampalia. Mestre, 7-18 ottobre 2007 – Favaro veneto, 27 ottobre – 4 novembre 2007. Catalogo a cura di Cristina Celegon e Angela Munari. Venezia 2007
  • Ci vuole pazienza. Lettere di Elena Mocenigo Querini 1733-1778. A cura di Antonio Fancello e Madile Gambier. Venezia 2008
  • I Querini Stampalia, un ritratto di famiglia nel Settecento veneziano. Venezia 1987


Data ultimo aggiornamento: 09 dicembre 2015