Percorsi Percorsi

Siti tematici Siti tematici

Contenuto Html Contenuto Html

 



Data ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2012

Modello link 1 Modello link 1

Dettaglio contenuto Dettaglio contenuto

Feltre

Scavi archeologici connessi a lavori pubblici

Realizzazione:

Comune di Feltre

Direzione scientifica:

Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto - Dott.ssa Marisa Rigoni

Foto:

Immagine dell´area archeologica di Feltre

Immagine dell´area archeologica di Feltre

Ingrandisci la foto [file .jpg, 69 KB]

Arco cronologico interessato:

  • epoca protostorica
  • epoca romana
  • epoca medievale-moderna

Descrizione:

La città romana di Feltria, di cui le indagini archeologiche confermano la relativa floridezza fino al alla fine del IV - inizi V secolo d.C. si sviluppava con andamento terrazzato sul versante meridionale della collina su cui sorge attualmente il centro cinquecentesco di Feltre e si prolungava nella zona piana immediatamente adiacente ai piedi del colle, dove č ubicato anche il Duomo. Qui per quanto č finora noto, si trovava la zona residenziale-commerciale del centro antico in probabile prossimità con un importante asse viario che collegava la zona veneta costiera di Altino con Trento, passando appunto per Feltre e la Valsugana e quindi con le terre dell´Europa danubiana. Sulla pendice collinare č invece accertata, oltre alla presenza di edifici di edilizia residenziale di buon livello, anche l´esistenza, presso la sommità, di strutture appartenenti ai programmi di edilizia pubblica della città romana, che concludevano scenograficamente lo sviluppo urbano: strutture quest´ultime che, seppur in attesa di ulteriori conferme, si ritengono pertinenti probabilmente al complesso del Foro, il centro politico e religioso di Feltria. Dati interessanti e recuperi recenti gettano le prime luci anche sull´insediamento preromano, attestato sin dal V secolo a.C. con materiali che presentano caratteri prevalenti della cultura retico-alpina, anche se non mancano elementi che riportano al mondo dei Veneti, saldamente attestati lungo tutta la valle del Piave. Questo quadro culturale composito bene riflette la situazione topografica dell´antico insediamento, posto sulla naturale ia di raccordo tra la Valle del Piave e quella dell´Adige attraverso la Valsugana. ... (relazione dott.ssa Marisa Rigoni - Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto)

Come si evince dal brano di relazione sopra riportato, la città di Feltre č nota per la sua ricchezza di beni archeologici a cui bisogna aggiungere il suo ricco patrimonio storico-artistico, (distrutta agli inizi del '500 dagli imperiali che avevano invaso il territorio della Repubblica assieme agli altri collegati della Lega di Cambray, venne ricostruita dallo Stato Veneto nello stile elegante che ancor oggi la caratterizza) elementi che potrebbe favorirne, in un futuro prossimo, uno sviluppo in senso turistico-culturale simile ad altri prestigiosi centri storici veneti come per esempio Asolo. Negli ultimi anni il centro storico č stato interessato da una vasta attività di restauro e recupero monumentale e di creazione di infrastrutture. A tale fitto e ambizioso programma di recupero sono collegati gli interventi sostenuti dalla Regione del Veneto nel settore archeologico. In particolare - 2001-2002: completamento indagini archeologiche in Via Beccherie - "Teatro de la Sena"; sondaggio archeologico in Via Beccherie al "Belvedere". - 2003: sistemazione locali del "Fondaco delle biade" nell´interrato del Palazzo della Ragione che ospita il Teatro "De La Sena"; interventi in ex ospedale psichiatrico di Borgo Ruga; pavimentazioni stradali in centro storico. Esiste poi un altro intervento di notevole rilievo che dovrebbe partire entro l´anno e che va inserito all´interno del progetto comunitario INTERREG IIIB "Via Claudia Augusta", all´interno del quale la Regione ha dirottato al Comune di Feltre i fondi che le erano stati assegnati per il progetto pilota locale e che consentiranno lo studio dei materiali archeologici rinvenuti durante gli scavi nella piazza antistante al Duomo dove č stata realizzata una delle piů interessanti aree archeologiche della Regione.

Finanziamenti regionali:

  • Anno 1998 - Contributo € 10.329,14
  • Anno 1999 - Contributo € 7.746,85
  • Anno 2001 - Contributo € 4.131,66
  • Anno 2002 - Contributo € 3.000,00 
  • Anno 2003 - Contributo € 5.000,00
  • Anno 2004 - Contributo € 16.000,00

Aspetti bibliografici:

  • Via Claudia Augusta - Un´arteria alle origini dell´Europa: ipotesi, problemi, prospettive (a cura di Vittorio Galliazzo), Atti del Convegno Internazionale, Feltre 24-25 settembre 1999, Treviso 2002

Pagine Web:



Data ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2014