Archivio del Liceo Convitto Marco Foscarini di Venezia

Archivio del Liceo Convitto Marco Foscarini di Venezia Archivio del Liceo Convitto Marco Foscarini di Venezia

Indirizzo:
Cannaregio, 4941 – 30121 Venezia
Telefono: 0415221970
Fax: 0415201657
E-mail: protocollo@convittofoscarini.it
Sito Web: http://www.liceofoscarini.it/
Apertura: previo appuntamento
Responsabile: Massimo Zane, dirigente scolastico

Sede: L’archivio è conservato in alcuni locali all’interno della sede storica del Liceo.

Nota storica: Il Liceo Ginnasio statale “Marco Foscarini” è una delle più antiche istituzioni scolastiche pubbliche d’Italia, la cui fondazione venne sancita nel 1807 da un decreto napoleonico. Inizialmente denominato Liceo di Santa Caterina, dal nome dell’antico monastero che sorgeva in quell’area, l’istituto fu sin dall’inizio affiancato da un Convitto per ospitare gli studenti. Il Liceo di Santa Caterina continuò la sua esistenza anche dopo la fine della dominazione francese con il ritorno, nel 1814, del dominio austriaco. Con il primo Piano d’Istruzione del governo austriaco del 1817, interamente applicato nel 1818, “questo Liceo perdette presto il suo nome classico-accademico primitivo, per divenire ‘uno Studio filosofico’” (v. nota 1) e contemporaneamente venne istituito il “Ginnasio di Santa Caterina, un nuovo organismo classico che, giuridicamente e politicamente responsabile, poté divenire accanto al primo, un ente autonomo, un centro secondario di cultura non meno fiorente del primo” (v. nota 2). Il Ginnasio, di durata quinquennale, amministrato da un prefetto, costituiva un percorso di “studi preparatori” al successivo livello scolastico rappresentato dallo “Studio filosofico”. La scuola continuò a funzionare anche durante il periodo della Repubblica di San Marco: il 30 novembre 1848 venne approvato il decreto che riformava tutti gli istituti scolastici, secondo il riordino proposto da Niccolò Tommaseoispirato alle linee di pensiero della pedagogia rivoluzionaria illuminista secondo la quale si andava a “favorire lo sviluppo delle facoltà mentali […] senza opprimerle di soverchio peso o distrarle in inutili studi” (v. nota 3). Nel 1850 il Liceo e il Convitto furono separati amministrativamente (v. nota 4), anche se quest’ultimo continuò ad ospitare diversi allievi del Liceo. Come stabilito dal “Nuovo Piano Scolastico” austriaco, varato con l’ordinanza dell’8 gennaio 1850, l’anno successivo Ginnasio e Liceo vennero unificati in un unico percorso di studi che prevedeva otto corsi divisi in quattro classi di ginnasio “inferiore” ed altrettante di ginnasio “superiore”. Nel 1867, un anno dopo l’annessione del Veneto al Regno d’Italia, il Liceo-Ginnasio di Santa Caterina assunse una nuova e definitiva denominazione: Regio Ginnasio Liceo “Marco Foscarini” in onore del doge vissuto nel XVIII secolo. Durante l’ultimo periodo della prima guerra mondiale gli edifici del Convitto vennero utilizzati dalla Croce Rossa come ospedale militare.Mentre il Liceo continuò la sua attività nelle sedi attuali, nel 1937 il Convitto venne soppresso e la proprietà dei locali passò all’Opera Nazionale Balilla, che acquisì anche parte degli arredi; significativo, per la storia dell’archivio dell’istituto, fu il versamento delle carte che ne seguì, in quanto ente cessato dello Stato, all’Archivio di Stato di Venezia. Durante la seconda guerra mondiale gli edifici vennero danneggiati dall’occupazione dei nazifascisti e successivamente furono destinati all’accoglienza dei profughi giuliani, dove rimasero dal 1945 al 1954. Nel 1952 i locali di servizio del Convitto vennero occupati dall’ECA (Ente comunale di assistenza) di Venezia che istituì una mensa per i disoccupati fino al 1953; per questo motivo il Convitto venne trasferito a Fondamenta Briati, a Dorsoduro, al posto dell’ex Convitto Orfani di Guerra per riprendere solo nel 1955 la sua attività nell’attuale sede di Fondamenta Santa Caterina. Nel 1995 l’unione tra i due istituti tornò ad essere operante con l’aggiunta della scuola elementare, già istituita nel 1952, e della scuola media.

Patrimonio: Oggetto, per il momento, diuna ricognizione sommaria, il patrimonio documentario conservato nel Liceo Convitto “M. Foscarini”si articola nelle seguenti sezioni:

  •  Archivio storico del Liceo “M. Foscarini”: circa 40 metri lineari di buste, registri e carte sparsedall’anno della fondazione del Liceo (1807) al 1980.Le principali aggregazioni documentarie individuabili sono: Atti, Disposizioni generali, Annuari, Domande di iscrizione al Liceo, Registri di protocollo, Registri generali dei voti, Registri tasse, Registri dei libri della biblioteca, Verbali di varia tipologia, Cataloghi delle collezioni scientifiche, Inventari dei beni mobili, Fascicoli personali, Elenchi di pubblicazioni, Relazioni finali e programmi scolastici. Nel 1937 una parte consistente dell’archivio venne versata all’Archivio di Stato di Venezia, pertanto le aggregazioni indicate, per l’Ottocento e per i primi decenni del Novecento,si presentano lacunose. I locali dove attualmente è conservata la documentazione sono i seguenti: l’Ufficio presidenza del Liceo, l’Atrio antistante l’Ufficio presidenza, l’anticamera del Rettorato del Convitto e una stanza al piano terra antistante l’entrata da Calle lunga Santa Caterina.
  • Archivio storico del Convitto: circa 4 metri lineari di buste, registri e fascicoli vari che coprono un arco cronologico che va dalla seconda metà dell’Ottocento alla seconda metà degli anni Settanta del Novecento.Pur trattandosi di materiale eterogeneo, la cui aggregazione risente fortemente del versamento in Archivio di Stato del 1937,sono individuabili le seguenti aggregazioni documentarie: Registri di varia tipologia, Annuari, Bollettari, Bilanci, Giornali di cassa, Buste paga, Corrispondenza, Documentazione riguardante lavori edilizi ai locali del Convitto, Stampa locale. I documenti attualmente sono ospitati presso il sottotetto antistante l’Economato del Convitto.

Non è stata trovata traccia antecedente agli anni ’80 del Novecento degli archivi delle scuole elementari e medie aggregate al Liceo Convitto, ad eccezione di due registri degli alunni delle elementari risalenti al 1952 e 1953.

Strumenti di consultazione: È disponibile una scheda descrittiva sommaria dell’archivio curata nel 2003 da Franca Cosmai nell’ambito del progetto promosso dal Comune di Venezia “Gli archivi degli istituti scolastici superiori di Venezia e Mestre”, consultabile nel sito web del Comune.

Altre informazioni: L’istituto conserva, oltre all’archivio storico, anche un’antica e preziosa biblioteca, il cui nucleo fondativo proviene dal Monastero di S. Giorgio Maggiore, una vasta raccolta di pubblicazioni didattiche risalenti al periodo tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento, varie collezioni di materiale scientifico e un importante gabinetto di fisica.

Bibliografia:
Giacomo Franceschini, Un secolo di cultura nazionale nel Liceo-Ginnasio M. Foscarini, primo centenario dalla fondazione 1807-1907, Venezia, Stabilimento grafico G. Scarabellin 1907.
Mario Isnenghi, Un liceo veneziano: dal "Santa Caterina" al "Marco Foscarini" in Storia d'Italia dall'Unità a oggi. Le Regioni: il Veneto, Torino, Einaudi 1984, pp. 233-263.
AA.VV., Il Liceo Convitto S. Caterina. Storia del Liceo Marco Foscarini dal 1907 al 1866, Venezia 2007.
AA.VV., 1807-2007. I duecento anni del Foscarini fra storia, scienza e cultura classica, Venezia 2007.
AA.VV., Il Museo di Fisica Antonio Maria Traversi: recupero e valorizzazione di un patrimonio,
Venezia, Convitto nazionale Marco Foscarini, Venezia 2007.


Note:
1. Giacomo Franceschini, Un secolo di cultura nazionale nel Liceo-Ginnasio M. Foscarini, Primo centenario della fondazione (1807-1907), Venezia, Stabilimento grafico G. Scarabellin, 1907.
2. Ibidem
3. Disposizione generale 30 novembre 1848, “Bollettino ufficiale degli atti legislativi del governo provvisorio”, Venezia, presso Francesco Andreola, art. 5, pag. 51 in Il Liceo Convitto S. Caterina, storia del Liceo Marco Foscarini dal 1807 al 1866, a cura di Marzia Amendola, Stefania Bertelli, Roberta Bravin, Cinzia Crivellari, Venezia, 2007.
4. Vedi lapide collocata attualmente all’ingresso principale del Convitto dedicata al doge Marco Foscarini.

 



Data ultimo aggiornamento: 19 aprile 2016