Archivio Cameraphoto Epoche

Venezia, Acqua Alta, 1966 Paul Newman, Venezia, 1963

Archivio Cameraphoto Epoche di Venezia Archivio Cameraphoto Epoche di Venezia

Imbarcazioni a Vela, Chioggia 1950 Petroliera Luisa in fiamme 1951

Indirizzo: Castello, calle del Cafetier 6661/A, 30122 Venezia

Telefono e Fax: 0418224484 - Cell.3286612287

E-mail: info@bianconero-venezia.it


Accesso: Dal martedì al sabato, dalle ore 9 alle ore 16, è gradita una telefonata prima della visita.

Responsabili: Vittorio Pavan.

Luogo di conservazione: L’archivio è conservato nei locali dello studio, nel sestiere di Castello 6661/A calle del Cafetier.

Nota storica: L’archivio testimonia l’attività della prestigiosa agenzia fotografica “Interphoto”, fondata dal fotografo veneziano Dino Jarach nel 1947.
Nel 1987 Vittorio Pavan e Piero Codato rilevarono l’intero archivio che continuò ad accrescersi con nuovi servizi. Nel 1999 l’archivio è stato diviso in due parti denominate “Cameraphoto Arte” e “Cameraphoto Epoche”, quest’ultima ha continuato ad essere gestita dal fotografo Vittorio Pavan tramite la sua attività “Bianconero Venezia”.
Gli attuali proprietari, Vittorio Pavan e Carlo Pescatori, hanno costituito nel 2011 una società denominata Archivio Cameraphoto Epoche srl, finalizzata alla tutela, promozione e utilizzo dell’archivio a scopo commerciale.

Patrimonio: Il complesso archivistico conta più di 350.000 negativi in bianco e nero su lastra di vetro e pellicola, per la maggior parte si tratta di immagini scattate a Venezia tra il 1946 e il 1987.
I soggetti variano dalle celebrità in visita alla città in occasione di Mostre del Cinema e Biennali, a vedute diurne e notturne della città d’acqua e del territorio circostante, alla cronaca nera, rosa e sportiva. E ancora: avvenimenti locali, costume, riproduzioni di sculture e dipinti, interni di chiese, eventi diversi accaduti a Venezia come acqua alta, scioperi, proteste, feste, regate, carnevale e costumi regionali.

Strumenti di consultazione: Quasi tutte le pellicole sono servite da uno schedario cartaceo coevo, organizzato per soggetto; le lastre sono invece servite da un indice e da una rubrica dei committenti.
I negativi sono oggetto di riproduzione digitale e di descrizione sommaria tramite il software Excel.
Parte del materiale digitalizzato è presente nel sito internet dell’archivio.

Altre informazioni: Numerose le mostre realizzate con materiali fotografici dell’ Archivio:

  • Cameraphoto Epoche - 1946/1976  - 200 foto - Museo Ken Damy, Brescia, 1997.
  • 50 immagini di Claudia Cardinale, immagini dall'archivio Cameraphoto Epoche - Galleria Ken Damy, Milano, 1997.
  • L'officina del contemporaneo, a cura di Luca Massimo Barbero - dall'Archivio Cameraphoto Epoche - Museo Fortuny, Venezia, 1997.
  • Fulvio Roiter - cinquant'anni di fotografia - 50 foto - Galleria della Cassa di Risparmio di Venezia, 2001.
  • Il corpo - Fotosintesi - Galleria Candiani, Mestre, 2001.
  • Volti del cinema italiano, a cura di Casimiro Di Crescenzo - 170 foto dall'archivio Cameraphoto Epoche, 2002.
  • Centro d'Arte e Cultura Brolo - Mogliano Veneto, 2002.
  • Il paradiso brucia - Fotosintesi e Fatue - Galleria Candiani, Mestre, 2002.
  • ARAKI in Venice - 3° salone della fotografia - 200 foto - Galleria Querini Stampalia, Venezia, 2002.
  • Maestri della fotografia italiana. Fulvio Roiter - 1948/1975, a cura dell'Istituto Superiore per la Storia della Fotografia - mostra itinerante, 2003.
  • Cameraphoto il volto del Novecento, Lodi, 2008.
  • Antonioni. The Director Off-Set, Centro Culturale Candiani, 2012
  • Stelle sotto il sole, Galleria La Salizada, Venezia, 2012.
  • Contro la Biennale: proteste di studenti, operai, artisti e intelletuali uniti, Photissima Torino, 2012
  • Costumi in scena, Galleria La Salizada, Venezia,  2013.

Bibliografia

Monografie:

  • Cameraphoto. Venezia 1946 – 1976, a cura di Ken Dami, Edizioni del Museo, 1997.
  • Volti del cinema italiano dall'Archivio Bianconero di Venezia, catalogo della mostra,Venezia,Ed. Basilissa, 2002.
  • Cameraphoto. Il volto del Novecento.Arte, Cinema e Spettacolo alla Biennale e al Festival di Venezia, 1946-1976,  a cura di Ken Dami, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, 2008.

Contributi:

  • L’officina del contemporaneo. Venezia ’50 – ’60, catalogo della mostraa cura di Luca Massimo Barbero, Milano, Ed. Charta, 1997.
  • La scena dell’arte: 1948-1986. Fotografie dall’ArchivioArte della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, a cura di Luca Massimo Barbero, Modena 2005.
  • La motocicletta italiana, un secolo su due ruote tra storia, arte e sport, Milano, Ed. Mazzotta, 2005.
  • Album Privato dell’alluvione, 4.11.66 Quarantennale dell’alluvione, Comune di Venezia, 2006.
  • Carlo Cardazzo, una nuova visione dell’arte, catalogo della mostra a cura di Luca Massimo Barbero, Milano, Electa, 2008.
  • Jean-Jaques Lebel, Happenings ou l’insoumission radicale, Ed. Hazan, 2009.
  • Set In Venice. Il cinema a Venezia: scatti, protagonisti, racconti, a cura di Ludovica Damiani, Milano, Electa, 2009.
  • Germano Celant, Emilio Vedova scultore, Ed. Skira e Fondazione Emilio e Annabianca Vedova, 2010.
  • Max Ernst, Ansichten Heft 14,  Riehen-Basel, Ed. Fondation Beyeler,  2011.
  • Pier Paolo Pasolini, my cinema, Bologna, Edizioni Cineteca Bologna, 2012.

Opuscoli:

  • Archivio Cameraphoto, 2011
  • Antonioni. The director Off-Set, con la collaborazione di Artévision, 2012


Data ultimo aggiornamento: 02 agosto 2018