Dettaglio contenuto Dettaglio contenuto

SANITA’. LANZARIN A PD, “NESSUN COLPO DI MANO SUI POSTI LETTO. LA DELIBERA IN QUESTIONE AUMENTA QUELLI DI TERAPIA INTENSIVA E SUBINTENSIVA. MA LEGGONO GLI ATTI?”

05 giugno 2020

Comunicato n° 817

(AVN) Venezia, 5 giugno 2020

 

“Si ha quasi l’impressione che gli esperti di sanità del Pd abbiano difficoltà a leggere le delibere, quanto meno a comprenderne i contenuti. Quella che secondo loro completerebbe il taglio di 500 posti letto, in realtà non solo non taglia niente, ma addirittura aumenta i posti letto di terapia intensiva e sub intensiva, in conseguenza dell’emergenza coronavirus e per programmare una nuova risposta efficace nel caso dovesse ripresentarsi”.

 

Così l’Assessore alla Sanità della Regione Veneto, Manuela Lanzarin, risponde alla nuova polemica del Partito Democratico su un nuovo presunto taglio di posti letto ospedalieri nel sistema sanitario.

 

“La delibera citata da Claudio Beltramello – fa notare la Lanzarin – fa in realtà riferimento alla conferma di posti letto aggiuntivi per combattere il Covid. Aggiunge letti, non li taglia. Se vuole fare polemiche con un minimo di fondatezza, credo che il Pd dovrebbe provare cambiando i suoi esperti di sanità. Magari ci potrebbero rendere più difficile smascherare le bufale”.

 

“Se avessero letto, o capito, la delibera – aggiunge l’Assessore – avrebbero ad esempio notato che, al punto 5, si scrive di anticipare al 30 giugno l’adeguamento delle dotazioni degli ospedali veneti per attivare prima, cioè per aumentare i posti letto di intensiva e sub intensiva. Attivare significa aumentare anche in terza elementare”.

 

“Tranne che a Beltramello – aggiunge la Lanzarin – è chiarissimo che la delibera è stata assunta dalla Giunta regionale per dare concretizzazione alla volontà di rafforzare e stabilizzare la dotazione di letti ad alta specialità entro il 30 giugno. Quanto alla polemica sulle lungodegenze, che comunque non subiranno nessun taglio con la contestuale attivazione dei posti di ospedale di comunità, vorrei far presente al Pd che le vite si salvano nelle terapie intensive e sub intensive. O no?”.



Data ultimo aggiornamento: 05 giugno 2020