Dettaglio contenuto Dettaglio contenuto

AGRICOLTURA: PAN, “VENETO LAVORO DISPONIBILE AD ATTIVARE PROCEDURA PER INCONTRO AZIENDE-DISOCCUPATI PER LAVORO STAGIONALE NEI CAMPI”

07 aprile 2020

Comunicato n° 529

(AVN) – Venezia, 7 aprile 2020

 

Prende forma  il progetto veneto per impiegare nei campi, in via provvisoria e sperimentale, disoccupati e cassaintegrati. Oggi l’assessore regionale all’agricoltura, Giuseppe Pan, ha incontrato il direttore di Veneto Lavoro, Tiziano Barone, e le associazioni del mondo agricolo del Tavolo verde regionale, per valutare fattibilità e procedure. L'obiettivo è consentire alle aziende del primario di utilizzare i servizi di incontro domanda/offerta dei Centri per l'Impiego per incrociare la disponibilità dei lavoratori in cerca di occupazione con le esigenze delle imprese a corto di manodopera stagionale per la raccolta di fragole ed asparagi e per le lavorazioni di primavera.

 

“Veneto Lavoro, che gestisce i 39 centri per l'impiego attivi nel territorio regionale e il portale ClicLavoro Veneto– dichiara Pan – si è resa disponibile a raccogliere le domande delle imprese in via informatica e ad effettuare una pre-selezione per profili, attitudini e disponibilità tra i disoccupati presenti nel sistema. Saranno poi gli enti bilaterali, le associazioni di categoria o gli enti agricoli abilitati ai servizi per l'impiego e le imprese a svolgere l’intermediazione diretta. C’è già l’esperienza-pilota dell’ente bilaterale veronese Agri Bi, nonché il supporto della piattaforma web Job in Country”.

 

“Se le verifiche in corso con le rappresentanze sindacali e il Dipartimento regionale di prevenzione per la sicurezza nei luoghi di lavoro daranno un esito positivo – conclude Pan – potremmo dare avvio a questa forma snella e facilitata di incontro diretto tra domanda e offerta di lavoro già dopo Pasqua, forse a partire dal 14 aprile. Stiamo lavorando per reperire almeno un migliaio di lavoratori nelle serre e nei campi con forme di contratto temporaneo, da retribuire con i voucher o come prestazione occasionale”.

 

Le procedure di urgenza dovranno comunque garantire, a lavoratori e aziende, sicurezza e sorveglianza sanitaria nel pieno rispetto dei protocolli di tutela anti-Covid siglati il 14 marzo scorso, formazione alle mansioni richieste e supporti alla mobilità, per consentire ai lavoratori di raggiungere le aziende di destinazione.



Data ultimo aggiornamento: 07 aprile 2020