Crea/Mostra articolo

RACCOLTA FONDI

Per sostenere il Veneto piegato dal maltempo di fine ottobre, si è messa in moto immediatamente la macchina della solidarietà in tutta Italia. La raccolta fondi si è concretizzata in particolare su due canali:
- L’sms solidale 45500, attivato dalla Protezione Civile nazionale, che ha consentito di raccogliere in due mesi 740.000 mila euro destinati – per decisione del Capodipartimento della PC Angelo Borrelli e delle altre regioni colpite dalle avversità meteo – interamente al Veneto. Una decisione razionale e generosa, che le genti venete colpite dall’immane disastro non dimenticheranno. La Regione Veneto ha presentato le proprie proposte progettuali al Comitato dei Garanti, cui spetterà il compito di selezionare l’iniziativa più idonea per utilizzare le risorse raccolte.
- Il conto corrente acceso dalla Regione del Veneto e sempre attivo, nel quale sono confluiti contributi piccoli e grandi, simbolo di una bella gara di solidarietà di popolo, nella quale ognuno ha messo quel che poteva e tutti, quindi, hanno dato il massimo. Pochi euro o migliaia, in questo caso, hanno lo stesso grande significato, quello di un Veneto solidale e con un grande senso della comunità e dell’identità. I contributi sono DEDUCIBILI dalla dichiarazione dei redditi: per quanto riguarda i PRIVATI, le erogazioni in denaro danno diritto a una detrazione Irpef del 19%, calcolata su un importo non superiore a 2.065,83 euro. L’erogazione deve essere effettuata tramite versamento bancario o postale, nonché tramite carte di debito, carte di credito, carte prepagate, assegni bancari e circolari. La detrazione non spetta per le erogazioni effettuate in contanti. Per quanto riguarda le IMPRESE, si possono dedurre senza alcun limite di importo le erogazioni liberali solo se operate per il tramite di soggetti specificamente individuati dal Dpcm 20 giugno 2000, e tra queste le Amministrazioni pubbliche statali, regionali e locali, Enti pubblici non economici.

Ecco quanto è stato donato finora nel conto corrente regionale:
- Il 14 novembre 2018 si è raggiunta la cifra di 1.000.000 di euro
- Il 4 dicembre 2018 si è raggiunta la cifra di 2.000.000 di euro
- Il 18 gennaio 2019 si è raggiunta la cifra di 3.000.000 di euro.
- Il 4 marzo 2019 si è raggiunta la cifra di 4.00.000 di euro