Le opportunità di finanziamento a livello europeo per il sociale

05/12/2014


Dal Bollettino europeo, nr 12 - dicembre 2014


Bruxelles, 5 dicembre - I programmi europei per le politiche sociali sono al centro del nuovo evento di formazione organizzato dalla Sede di Bruxelles della Regione del Veneto attraverso l’iniziativa “Progetta!2020”.
L’appuntamento è per venerdì 12 dicembre a Vicenza, al Viest Hotel, con l’incontro “Le opportunità di finanziamento a livello europeo per il sociale”, dove verranno illustrate le modalità di accesso ai fondi a gestione diretta per sviluppare progetti dedicati alle politiche sociali nel nuovo periodo di programmazione 2014 – 2020.

Visualizza il programma completo della giornata.

I programmi europei sono gli strumenti attraverso i quali l’Unione europea attua la proprie politiche e persegue i propri obbiettivi. L’evento vuole quindi dare una panoramica delle politiche e delle opportunità di finanziamento disponibili per gli stakeholders attivi nel sociale, attraverso soprattutto i programmi EaSi, Erasmus+ e Orizzonte 2020. Si sottolinea l’importanza che verrà data allo Sport durante il 2015 e nella programmazione 2014-2020, dove allo sport è stata dedicata una linea di budget specifica vista la rilevanza che ha nella promozione dell’inclusione sociale e delle pari opportunità.

Con l’insediamento della nuova Commissione europea sono state infatti definite le nuove priorità politiche per questo nuovo periodo. In particolare, la nuova Commissione Juncker ha adottato un approccio più comprensivo, considerando non solo gli aspetti economici e finanziari ma anche quelli sociali per valutare l’impatto delle riforme strutturali, rendendo prioritaria la lotta contro la povertà e elevando il ruolo dell’economia sociale di mercato. Le parole chiave sono: crescita, investimenti e competitività, per le quali Jyrki Katainen, vice-presidente della Commissione, ha annunciato una mobilitazione di 300 miliardi di Euro per investimenti pubblici e privati.

A fronte di un drammatico peggioramento della situazione occupazionale e dei soggetti a rischio o in situazione di povertà ed emarginazione (per citare alcuni dati: 26,2 milioni i disoccupati mentre le persone a rischio di povertà e di esclusione sociale sono passate da 114 milioni a 124 milioni tra il 2009 ed il 2012), politiche e strumenti europei efficienti e appropriati sono più che mai essenziali. L’efficienza delle risposte da dare richiede un approccio politico coordinato dal punto di vista economico, occupazionale educativo, sanitario e sociale.

Attualmente le raccomandazioni politiche europee sono sostenute da Fondi europei: il 20% del Fondo Sociale Europeo verrà destinato all’inclusione sociale e alla lotta contro la povertà (pari a 16 miliardi di euro spalmati in 7 anni). In aggiunta, il programma dell’UE per l’Occupazione e l’Innovazione Sociale (EaSI) ha messo a disposizione un finanziamento ulteriore di 919 milioni di Euro per il prossimo periodo di programmazione. Da non tralasciare: la Commissione implementa ulteriori azioni attraverso il Pacchetto per gli Investimenti sociali.

Visualizza la descrizione completa dell'iniziativa.


 



Data ultimo aggiornamento: 15/12/2014